tra-stati-uniti-e-cina-volano-gli-stracci-in-alaska
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi

L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
l'amicizia con putin
13 ore

L’Spd grazia Schröder per suoi rapporti con Mosca

Ma caso non ancora chiuso. E si riapre quello Warburg che inguiaia il cancelliere Scholz
la guerra in ucraina
13 ore

La Russia brucia il gas in eccesso che non dà all’Europa

Allarme Onu per la centrale atomica di Zaporizhzhia, Mosca vuole sospendere il programma di contenimento delle armi nucleari firmato con gli Usa
Estero
14 ore

Italia: famiglia colpita da un fulmine in spiaggia, 4 feriti

Ad avere la peggio un uomo ricoverato in ospedale nel reparto di rianimazione. In ospedale anche la moglie e il figlio di sei anni
Estero
22 ore

Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard

La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
1 gior

Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati

Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
1 gior

Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan

Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
1 gior

Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato

L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
1 gior

Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto

Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
1 gior

Tregua tra israeliani e palestinesi

Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
1 gior

Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria

La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
19.03.2021 - 21:09
Ansa, a cura de laRegione

Tra Stati Uniti e Cina volano gli stracci (in Alaska)

Accuse incrociate senza precedenti nel primo incontro di alto livello dell'era Biden, anche se gli Usa parlano di colloqui "sostanziali, seri e diretti"

Accuse incrociate senza precedenti nel primo incontro di alto livello Usa-Cina dell'era Biden. Il vertice di Anchorage, Alaska, si è aperto con una rissa diplomatica davanti alle telecamere di tutto il mondo, anche se fonti americane hanno assicurato che i successivi colloqui a porte chiuse sono stati "sostanziali, seri e diretti". Ma nelle dichiarazioni di apertura, riprese dalle tv, le parti non si sono risparmiati duri colpi.

Il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha accusato Pechino di "minare la stabilità mondiale" con le sue azioni, denunciando la repressione degli uiguri, la stretta su Hong Kong, le tensioni su Taiwan, i cyber attacchi, la militarizzazione del Mare cinese meridionale, la coercizione economica contro gli alleati. Una postura gradita da Joe Biden, che si è detto "orgoglioso" del capo della diplomazia americana, prima di inciampare tre volte sulla scaletta dell'Air Force One, diretto ad Atlanta per incontrare la comunità asiatico-americana dopo la strage nei centri massaggi gestiti da orientali.

Yang Jiechi, il più alto responsabile del Partito comunista cinese per la diplomazia, ha replicato contestando a Washington di usare la sua potenza militare e la sua supremazia finanziaria per opprimere altri Paesi, "abusando della nozione di sicurezza nazionale per ostacolare i normali scambi commerciali e incitare gli attacchi a Pechino". Yang ha inoltre ribaltato le accuse sui diritti umani, denunciando che la situazione in Usa è a un livello molto basso, con gli afroamericani che sono "massacrati". Parole queste ultime che rievocano quelle del presidente russo Vladimir Putin, con cui Biden oggi è sembrato voler smorzare le tensioni dicendosi "sicuro che parleremo a un certo punto", dopo averlo definito un assassino. Yang ha minacciato "azioni decise" contro "l'interferenza americana", invitando gli Stati Uniti a smetterla con la mentalità "da guerra fredda" e con una contrapposizione che ha danneggiato anche gli Usa.

"Non vogliamo un conflitto", ha ribattuto Blinken, spiegando che Washington è favorevole a una "concorrenza dura". La delegazione Usa ha quindi accusato la controparte di aver violato il protocollo dei due minuti per le dichiarazioni di apertura: "La delegazione cinese sembra essere arrivata con l'intento di esibirsi, concentrata sulla teatralità e drammaturgia pubblica piuttosto che sulla sostanza", ha commentato un alto dirigente americano, suggerendo che gli attacchi fossero rivolti a riscuotere il consenso del pubblico di casa. Ma gli ospiti hanno ancora una volta ribaltato le accuse.

Certamente i cinesi si aspettavano di essere messi alla berlina e quindi erano preparati a controbattere. Mai prima d'ora però c'era stato uno scontro così platealmente aperto tra le due superpotenze. Pechino è rimasta sorpresa che Washington abbia imposto sanzioni alla vigilia del summit per il giro di vite su Hong Kong. E oggi ha risposto in modo asimmetrico limitando l'uso dei veicoli elettrici Tesla per il personale dell'esercito, delle imprese statali e di agenzie chiave per motivi di sicurezza, evocando il timore che i sensori delle auto possano registrare immagini e fornire altri dati sull'uso delle vetture, informazioni personali sui conducenti e la lista dei contatti telefonici sincronizzati con le auto.

Le tensioni in Alaska tra i vertici delle diplomazie di Cina e Usa si è trasformato anche in un tema virale sul social media in mandarino, capace di raccogliere oltre un miliardo di commenti e visualizzazioni fino a diventare il tema più seguito. "L'intera società cinese è stanca dell'arroganza, dei doppi standard e del teppismo degli Stati Uniti. Le dure risposte di Yang Jiechi e Wang Yi in Alaska oggi hanno ricevuto ampi elogi da parte del pubblico cinese", ha scritto su Twitter Hu Xijin, direttore del nazionalista Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo, la voce del Partito comunista cinese, esaltando le prove di Yang e di Wang, consigliere di Stato e ministro degli Esteri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina usa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved