ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

I filorussi si proclamano vincitori dei referendum

Secondo l’agenzia Tass nel Lugansk il ‘sì’ ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%, nell’area di Kherson con l’87,05%
medio oriente
7 ore

Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna

In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
14 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
14 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
15 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
18 ore

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
18 ore

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
19 ore

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
20 ore

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
21 ore

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
Stati Uniti
1 gior

La Florida si prepara all’uragano Ian

Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
1 gior

Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)

Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
Confine
1 gior

Como, Varese e Sondrio, nelle province calano i voti

L’affluenza alle urne è diminuita, ma il centrodestra ne esce vincente. Il partito di Giorgia Meloni sbanca anche nella patria della Lega
Estero
1 gior

Meloni sulla testa di Letta e Salvini

Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’
Ecuador
1 gior

Naufragio alle Galapagos: l’unica svizzera a bordo sta bene

La donna era fra i passeggeri dell’imbarcazione protagonista di un grave incidente che ha visto la morte di quattro persone
Stati Uniti d'America
1 gior

Dodicenne spara al padre: aveva fatto un patto con un’amica

L’adolescente di una cittadina del Texas, a est di Dallas, avrebbe stretto un accordo con una coetanea per uccidere le due famiglie
Stati Uniti d'America
1 gior

New York non è una città per donne: casi di stupro in aumento

Critiche alla gestione della sicurezza sono rivolte alla polizia e all’Unità vittime speciali dopo l’incremento dell’11% dei casi
17.03.2021 - 14:27
Aggiornamento: 20:58

Il Pass Covid si farà, l'Ue coinvolge la Svizzera

Il certificato proverà la vaccinazione, la negatività al test o la presenza di anticorpi e riguarderà I Paesi dell'Ue e dell'area Schengen

Ats, a cura de laRegione
il-pass-covid-si-fara-l-ue-coinvolge-la-svizzera
(Keystone)

Liberi di viaggiare. A trasformare in realtà quello che per il momento è solo una chimera potrebbe essere il nuovo Pass Covid studiato dalla Commissione europea che spera così di salvare la libertà di movimento in Europa e aiutare l'economia e il turismo a riprendersi dopo l'annus horribilis della pandemia. Svizzera inclusa. Per il pass manca ancora l’unanimità degli Stati membri dell'Unione, ma trapela ottimismo per una formula che di fatto ridarebbe fiato all'economia e un senso di maggior libertà a cittadini ormai da un anno alle prese con le restrizioni.

Il certificato proposto da Bruxelles – e che verrebbe adottato anche da Svizzera, Liechtenstein, Islanda e Norvegia – sarà gratuito per i cittadini e consisterà in un Qr code da tenere nello smartphone o da stampare su carta, come quelli utilizzati per i biglietti aerei, con tre alternative per dimostrare di poter viaggiare: essersi sottoposti alla vaccinazione, essere risultati negativi a un tampone, oppure essere guariti dal Covid-19 e avere sviluppato gli anticorpi.

C'è, insomma, la possibilità di scegliere che strada percorrere per varcare le frontiere nazionali. E questo perché, hanno spiegato il commissario Ue per la Giustizia Didier Reynders e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, “non si tratta di un passaporto vaccinale” ma più semplicemente di una green card “per evitare divisioni e blocchi" tra i Paesi Ue "e facilitare gli spostamenti”.

Ok ai guariti e a chi fa il tampone

Avere ricevuto il vaccino non sarà dunque un pre-requisito per viaggiare, elemento ritenuto chiave da più parti per evitare discriminazioni nei confronti di coloro che non avranno potuto vaccinarsi. Se la proposta sarà approvata così com'è dai leader Ue (e anche dalla Svizzera, che sarà parte attiva nei colloqui) nei prossimi mesi, i governi nazionali saranno obbligati a consentire l'ingresso e la libera circolazione di coloro che potranno esibire il pass. E questo varrà per tutti i vaccini approvati dall'Ema, ma non solo: anche gli altri antidoti sul mercato finora privi di autorizzazione europea, come lo Sputnik e il Sinovac, sono ammessi nel certificato, sarà poi facoltà delle autorità nazionali del Paese d'arrivo decidere se riconoscerne la validità. Per rendere operativo il pass a giugno e salvare la stagione turistica servirà tuttavia trovare un accordo come sempre non scontato tra i Ventisette. A insistere sull'urgenza dello strumento sono soprattutto la Grecia e i Paesi il cui Pil dipende in modo preponderante dal turismo. E proprio Atene nei giorni scorsi ha deciso di anticipare i tempi, annunciando isole Covid-free e assicurando che dal 14 maggio tutte le persone in possesso di vaccino o tampone negativo potranno trascorrere li le proprie vacanze. Una fuga in avanti seguita anche da Vienna, che ha fatto sapere che il suo certificato arriverà già ad aprile. “Non vogliamo attendere l'introduzione a livello europeo”, ha sollecitato il cancelliere Sebastian Kurz. Senza una strategia comune, il rischio è che si creino corridoi sanitari turistici che Bruxelles vorrebbe scongiurare. “Spero che si arrivi a una sintesi comune perché nessuno abbia vantaggi competitivi a scapito di altri”, ha ammonito il ministro del Turismo italiano Massimo Garavaglia.

La Confederazione ottimista

In Svizzera gli ambienti turistici e dell'industria metalmeccanica vedono di buon occhio l'introduzione del certificato di vaccinazione europeo. In primis l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), che si è dichiarato “interessato a un'azione coordinata”. Oltre al passaporto di vaccinazione dell'Ue, la Confederazione terrà tuttavia presente anche i lavori in corso dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) con il suo progetto "Smart Vaccination Certificate". Verranno esaminati “attentamente i risultati e le soluzioni per una possibile applicazione a livello nazionale”. Già ieri si è discusso della novità Ue in Consiglio Nazionale, riunito per la Legge Covid 19 che dovrebbe essere votata domani.

La Federazione svizzera del turismo ha ribadiato di sostenere “ogni volta che è possibile misure che riportano al turismo elvetico gli assolutamente necessari ospiti”. Questo perché i viaggi internazionali sono in crisi e il settore del turismo ha bisogno di poter pianificare per poter tornare a operare in modo ordinato. Solo in questa maniera, “può essere evitato un danno ancora maggiore”. La Svizzera, insomma, deve partecipare al passaporto vaccinale, “soprattutto per evitare svantaggi competitivi”. La Federazione, infine, chiede uno strumento che sia "il più semplice possibile da gestire, sia per la popolazione sia per le autorità".

Anche l'associazione dell'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica Swissmem ha accolto con favore l'introduzione del pass valido a livello europeo e chiede “fin da subito che la Svizzera vi prenda parte”, ha detto ieri il direttore dell'organizzazione Stefan Brupbacher.

Il rischio privacy

Per rassicurare anche i Paesi di partenza dei turisti più cauti sull'idea, come Germania e Francia, alcuni aspetti restano da chiarire. A partire dalla privacy, motivo di preoccupazione anche per l'Italia. I dati condivisi con il QR code sono ridotti all'essenziale, ha assicurato Bruxelles, precisando che riguardano la firma digitale dell'ente sanitario che ha eseguito la vaccinazione o dell'istituto che ha effettuato il tampone per garantirne la veridicità. Vi è poi da determinare la validità del certificato, che dipenderà dalle informazioni condivise. Per l'avvenuta guarigione l'indicazione dell'Ue è di concedere una validità massima di 180 giorni, mentre la durata si riduce per la regolarità di un risultato negativo da tampone. Più complessa la questione sull’immunità data dai vaccini: nell'auspicio che il 70% dei cittadini riceva la sua dose entro l'estate, l'Ue attende dati certi. Sperando che il pass possa servire solo fino a quando l'Oms non dichiarerà chiusa la pandemia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved