BOS Bruins
Detroit Red Wings
01:00
 
FLO Panthers
WAS Capitals
01:00
 
NJ Devils
SJ Sharks
01:00
 
londra-aumentera-le-testate-nucleari
Boris Johnson (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
unione europea
1 ora

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
germania
2 ore

Fece morire di sete bimba yazida, ergastolo a jihadista

A Francoforte condanna storica per genocidio dell’Isis. L’uomo teneva schiava la piccola e sua madre
norvegia
2 ore

Breivik ha inviato minacce ai sopravvissuti di Utoya

Il comitato delle vittime: ‘Manda lettere dal carcere, è inaccettabile’
Estero
2 ore

Sparatoria in un liceo del Michigan, almeno tre morti

Il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia, lo riportano i medi americani
Estero
3 ore

Zemmour, il fondamentalista ributtante

Il polemista e paladino della destra francese, xenofobo e reazionario, si candida ufficialmente per l’Eliseo
Estero
5 ore

Prime indicazioni da Israele: ‘Con tre dosi protetti da Omicron’

Il ministro della Sanità: ‘Le prime indicazioni mostrano che coloro che hanno un richiamo sono molto probabilmente protetti contro questa variante’
Estero
6 ore

Boris Johnson: ‘Terza dose a tutti entro fine gennaio’

In Gran Bretagna la campagna vaccinale riprenderà ai ritmi iniziali, con la riapertura di centri extra e l’impiego di 400 militari
Estero
6 ore

La Germania valuta misure specifiche per i non vaccinati

Oltre all’obbligo vaccinale, al vaglio l’introduzione di una limitazione dei contatti soprattutto per chi non ha ricevuto le due dosi
Estero
6 ore

47mila casi in Francia: ‘La situazione si sta aggravando’

Il ministro della Salute Olivier Véran fa leva sulla necessità di ampliare la campagna di richiamo per quanto riguarda le vaccinazioni
Estero
9 ore

‘In Cina la stretta sugli uiguri fu pianificata dal Pcc’

È quanto scrive il Guardian citando documenti segreti diffusi online, fra cui tre discorsi di Xi Jinping del 2014
Estero
11 ore

Eric Zemmour ufficializza la candidatura alla presidenza

‘Perché i nostri figli non conoscano la barbarie, le nostre figlie non siano velate’. Così il polemista motiva la candidatura in un video su YouTube
Estero
16.03.2021 - 19:440
Aggiornamento : 20:02

Londra aumenterà le testate nucleari

Dopo la Brexit altra mossa di Boris Johnson: ‘Siamo una potenza globale e il futuro si gioca nel Pacifico. Russia e Cina sono minacce’

a cura de laRegione

Una Gran Bretagna globale per il dopo Brexit, che torna ad additare la Russia come nemico numero uno, che resta ancorata all'Alleanza atlantica e agli Usa ma proiettandosi anche nel Pacifico. E che soprattutto s'impegna a un programma pluriennale di modernizzazione della difesa e di riarmo: incluso, per la prima volta dal dopo guerra fredda, con l'annuncio di un incremento del 40% delle testate nell'arsenale del suo "deterrente nucleare". È la visione della rinnovata strategia di politica estera e di sicurezza tracciata dal primo ministro conservatore Boris Johnson nella prospettiva di un decennio, da qui al 2030. Visione che spazia dalle nuove priorità della cyber difesa alla sfida della cooperazione "multilaterale" contro la pandemia e alla lotta ai cambiamenti climatici, rivendicando per il Regno (nell'anno di presidenza di turno del G7 e della conferenza Onu CoP26) una posizione guida. Il tutto in un quadro segnato dalla narrativa di un confronto riemergente, se non di un nuovo muro, nello scacchiere del pianeta: di qua "il fronte delle democrazie" occidentali e di coloro che ne riconoscono la leadership; di là la "minaccia" crescente attribuita a regimi neo autoritari e affini, con Mosca nel mirino e Pechino un po' meno.

Il quadro geopolitico

Presentando la sua mappa geopolitica dell'avvenire alla Camera dei Comuni, Johnson ne ha parlato come di uno "strumento vitale" per guardare avanti, evocando un piano di "nuovi investimenti" - a partire dalla revoca del tetto sull'ampliamento dell'arsenale atomico nazionale, rimasto in vigore 30 anni - in grado di offrire "maggiori capacità" alla politica estera e alle forze armate di Sua Maestà. E di consentire al Paese appena uscito dall'Ue di puntare a "prosperare in un mondo sempre più competitivo per svolgere la sua storica missione di forza per il bene". Fra i punti cruciali, l'indicazione di una linea più dura verso la Cina sui diritti umani e dossier quali la stretta su Hong Kong o la repressione degli uiguri musulmani; ma con la precisazione che interagire con Pechino "in modo forte e positivo" nel commercio e nell'economia, o ancora sulla questione del clima, "è coerente con i valori e gli interessi" britannici. Mentre per la Russia di Vladimir Putin viene rispolverata una più indistinta etichetta di minaccia suprema del momento. La partita del futuro sembra del resto destinata a essere nel Pacifico, dove Londra vorrebbe riproporsi da co-protagonista, se non più da protagonista come nei secoli passati, consolidando la partnership (anche militare e d'intelligence, evidentemente) con India, Giappone o Australia, accanto alla ribadita fedeltà alla Nato e - va da sé - alla 'special relation' con Washington.

La "Global Britain"

Un contesto nel quale la modernizzazione degli apparati bellici d'Oltremanica, rimasti indietro secondo un'infinità di rapporti recenti rispetto ai progressi cinesi, russi o di altri competitor, assume nella retorica johnsoniana un valore cruciale: con la confermata nascita di una forza ad hoc addetta alla cyber difesa (quartier generale nel nord dell'Inghilterra), l'obiettivo d'un 40% di testate nucleari nuove in più nei prossimi anni, il richiamo al già noto programma pluriennale d'investimenti militari e di sostegno all'industria nazionale per ben 16,5 miliardi di sterline approvato fin da novembre. Un valore cruciale, ma non unico, come ha peraltro chiosato Dominic Raab, ministro degli Esteri e socio brexiteer di BoJo, riferendosi al concetto di una rinnovata "global Britain" come un modello entro il quale Londra mira a ritagliarsi un ruolo anche e soprattutto nella soft diplomacy: dalla questione dei mutamenti climatici e della promozione di un'economia più verde, alla cooperazione sui vaccini anti Covid, alla bandiera del "libero commercio" globale. Con la volontà d'essere assertivi e credibili, ma "pragmatici": evitando, almeno contro la Cina, ogni ritorno a "una mentalità da Guerra Fredda". Buoni propositi, stando alle voci più favorevoli. Ambizioni illusorie da ex impero, secondo l'opposizione laburista di Keir Stramer: sullo sfondo di un Paese "impreparato", reduce da anni di tagli e azzardi politici e con un governo "incapace" di fare davvero i conti con la realtà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved