londra-aumentera-le-testate-nucleari
Boris Johnson (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
3 ore

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
5 ore

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
5 ore

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
6 ore

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
Estero
8 ore

Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Confine
11 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
LIVE

Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
22 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
23 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
23 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
16.03.2021 - 19:44
Aggiornamento : 20:02

Londra aumenterà le testate nucleari

Dopo la Brexit altra mossa di Boris Johnson: ‘Siamo una potenza globale e il futuro si gioca nel Pacifico. Russia e Cina sono minacce’

Una Gran Bretagna globale per il dopo Brexit, che torna ad additare la Russia come nemico numero uno, che resta ancorata all'Alleanza atlantica e agli Usa ma proiettandosi anche nel Pacifico. E che soprattutto s'impegna a un programma pluriennale di modernizzazione della difesa e di riarmo: incluso, per la prima volta dal dopo guerra fredda, con l'annuncio di un incremento del 40% delle testate nell'arsenale del suo "deterrente nucleare". È la visione della rinnovata strategia di politica estera e di sicurezza tracciata dal primo ministro conservatore Boris Johnson nella prospettiva di un decennio, da qui al 2030. Visione che spazia dalle nuove priorità della cyber difesa alla sfida della cooperazione "multilaterale" contro la pandemia e alla lotta ai cambiamenti climatici, rivendicando per il Regno (nell'anno di presidenza di turno del G7 e della conferenza Onu CoP26) una posizione guida. Il tutto in un quadro segnato dalla narrativa di un confronto riemergente, se non di un nuovo muro, nello scacchiere del pianeta: di qua "il fronte delle democrazie" occidentali e di coloro che ne riconoscono la leadership; di là la "minaccia" crescente attribuita a regimi neo autoritari e affini, con Mosca nel mirino e Pechino un po' meno.

Il quadro geopolitico

Presentando la sua mappa geopolitica dell'avvenire alla Camera dei Comuni, Johnson ne ha parlato come di uno "strumento vitale" per guardare avanti, evocando un piano di "nuovi investimenti" - a partire dalla revoca del tetto sull'ampliamento dell'arsenale atomico nazionale, rimasto in vigore 30 anni - in grado di offrire "maggiori capacità" alla politica estera e alle forze armate di Sua Maestà. E di consentire al Paese appena uscito dall'Ue di puntare a "prosperare in un mondo sempre più competitivo per svolgere la sua storica missione di forza per il bene". Fra i punti cruciali, l'indicazione di una linea più dura verso la Cina sui diritti umani e dossier quali la stretta su Hong Kong o la repressione degli uiguri musulmani; ma con la precisazione che interagire con Pechino "in modo forte e positivo" nel commercio e nell'economia, o ancora sulla questione del clima, "è coerente con i valori e gli interessi" britannici. Mentre per la Russia di Vladimir Putin viene rispolverata una più indistinta etichetta di minaccia suprema del momento. La partita del futuro sembra del resto destinata a essere nel Pacifico, dove Londra vorrebbe riproporsi da co-protagonista, se non più da protagonista come nei secoli passati, consolidando la partnership (anche militare e d'intelligence, evidentemente) con India, Giappone o Australia, accanto alla ribadita fedeltà alla Nato e - va da sé - alla 'special relation' con Washington.

La "Global Britain"

Un contesto nel quale la modernizzazione degli apparati bellici d'Oltremanica, rimasti indietro secondo un'infinità di rapporti recenti rispetto ai progressi cinesi, russi o di altri competitor, assume nella retorica johnsoniana un valore cruciale: con la confermata nascita di una forza ad hoc addetta alla cyber difesa (quartier generale nel nord dell'Inghilterra), l'obiettivo d'un 40% di testate nucleari nuove in più nei prossimi anni, il richiamo al già noto programma pluriennale d'investimenti militari e di sostegno all'industria nazionale per ben 16,5 miliardi di sterline approvato fin da novembre. Un valore cruciale, ma non unico, come ha peraltro chiosato Dominic Raab, ministro degli Esteri e socio brexiteer di BoJo, riferendosi al concetto di una rinnovata "global Britain" come un modello entro il quale Londra mira a ritagliarsi un ruolo anche e soprattutto nella soft diplomacy: dalla questione dei mutamenti climatici e della promozione di un'economia più verde, alla cooperazione sui vaccini anti Covid, alla bandiera del "libero commercio" globale. Con la volontà d'essere assertivi e credibili, ma "pragmatici": evitando, almeno contro la Cina, ogni ritorno a "una mentalità da Guerra Fredda". Buoni propositi, stando alle voci più favorevoli. Ambizioni illusorie da ex impero, secondo l'opposizione laburista di Keir Stramer: sullo sfondo di un Paese "impreparato", reduce da anni di tagli e azzardi politici e con un governo "incapace" di fare davvero i conti con la realtà.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson cina londra russia testate nucleari
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved