il-piu-grande-sequestro-di-cocaina-di-sempre-in-europa
(Keystone)
Estero
24.02.2021 - 21:460

Il più grande sequestro di cocaina di sempre in Europa

Recuperate 16 tonnellate di droga ad Amburgo e altre sette in Belgio, arrivavano dal Paraguay

"Il più grande sequestro di cocaina mai realizzato in Europa": 23 tonnellate di stupefacente scoperte in Germania e Belgio nel giro di pochi giorni in un'operazione coordinata tra diversi Paesi europei, di cui ha dato notizia la dogana di Amburgo. Il sequestro di 16 tonnellate nella città anseatica, avvenuto il 12 febbraio scorso su segnalazione di diverse autorità doganali europee, si è svolto nel modo più classico. I doganieri tedeschi si sono avvicinati a dare un'occhiata ad alcuni containers provenienti dal Paraguay dopo aver notato alcune "palesi irregolarità". "Dopo uno strato di merce genuina, dietro la porta del container, c'erano numerosi barattoli di latta pieni di altra merce" ha riferito la dogana. Sotto uno strato di mastice le autorità tedesche hanno scoperto in ciascun barattolo da 9 a 20 chili di droga, suddivisa in vari pacchetti. La dogana tedesca ha così messo le mani in totale su 1.700 barattoli per un peso complessivo, appunto, di oltre 16.000 kg di cocaina. Rivenduto sul mercato al dettaglio lo stupefacente avrebbe fruttato qualche miliardo di euro.

Nell'ambito della stessa operazione, in Belgio il 21 febbraio c'è stato un secondo sequestro da 7,2 tonnellate di cocaina nel porto di Anversa. In Olanda infine, nelle ultime ore è stato fermato un uomo di 28 anni, sospettato di essere coinvolto nella maxi-importazione dello stupefacente. Secondo fonti citate da Der Spiegel si tratterebbe di un olandese, Atif S., capo di un'azienda di logistica. Il sottosegretario responsabile delle dogane al ministero delle Finanze tedesco, Rolf Boesinger, ha parlato di un bel "colpo contro il crimine organizzato dei narcotici". Al momento non è noto se ci sia un eventuale legame con la 'ndrangheta, l'organizzazione criminale che si ritiene più coinvolta nell'import della cocaina in Europa. Per il momento le indagini proseguiranno sotto la guida della procura di Amburgo in coordinamento con i colleghi olandesi, belgi e con l'autorità delle dogane di Amburgo. Anversa è tradizionalmente il primo porto di accesso per l'arrivo della droga importata dalla criminalità organizzata da Centro e Sud America, ma è la prima volta che il porto di Amburgo viene coinvolto in maniera così significativa. Le autorità del Belgio nel 2020 hanno raggiunto la cifra record di sequestri per un volume di 65,5 tonnellate di cocaina.

© Regiopress, All rights reserved