il-dramma-dei-minori-lungo-la-rotta-balcanica
Keystone
L’Europa è ancora lontana
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
24 min

Oltre 256’000 euro non dichiarati intercettati in dogana

È il totale delle tredici operazioni di controllo contro il traffico transfrontaliero di valuta svolte al valico di Ponte Chiasso nelle ultime settimane
germania
9 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
10 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
13 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
13 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
14 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
15 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
16 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
19.02.2021 - 20:510

Il dramma dei minori lungo la ‘rotta balcanica’

La denuncia di Save the Children: centinaia di ragazzi non accompagnati e bambini con le loro famiglie vittime dei respingimenti e in balia dei trafficanti.

Belgrado – Save the Children ha denunciato il dramma di centinaia di minori non accompagnati e bambini con le loro famiglie intrappolati sulla rotta balcanica, vittime dei respingimenti dei Paesi europei e dello sfruttamento dei trafficanti. In occasione della missione della Commissaria Ue per gli Affari Interni Ylva Johansson in Bosnia- Erzegovina e Albania, l'Organizzazione ha lanciato un appello all'Unione europea perché vengano assicurate subito le misure di protezione necessarie a tutti i minori migranti ai confini esterni e interni dell'Europa e all'interno dei suoi stessi Paesi.

In un comunicato, Save the Children afferma che "migranti e rifugiati, compresi 500 minori non accompagnati identificati e 400 bambini con le loro famiglie che si trovano in Bosnia- Erzegovina, sono intrappolati lungo la rotta balcanica nel tentativo di raggiungere l'Europa occidentale, sempre più esposti a gravi rischi a causa di trafficanti e sfruttatori, ma anche delle autorità di frontiera".

Violenze ed abusi

I controlli sempre più stringenti e i respingimenti sia ai confini esterni della Ue che a quelli interni - aggiunge Save the Children - "hanno infatti portato ad un aumento di violenze e altri abusi nei confronti dei minori e di altri soggetti vulnerabili".

L'Organizzazione si appella quindi all'Ue "perché vengano assicurate subito le misure di protezione necessarie a tutti i minori migranti ai confini esterni e interni dell'Europa e all'interno dei suoi stessi Paesi".

Inoltre, Save the Children chiede che "le riforme della legislazione europea sull'immigrazione e l'asilo (fra cui quella del Regolamento di Dublino), in particolar modo per quanto riguarda la condivisione della responsabilità tra Stati rispetto agli arrivi di richiedenti asilo, diano risposte alla sofferenza e ai gravi rischi che questi minori stanno correndo per cercare salvezza in Europa, in molti casi per riunificarsi con i loro famigliari che vivono già in un paese europeo".

Respingimenti anche all’interno dell’Ue

"I respingimenti dei migranti, tra cui quelli dei minori non accompagnati e delle famiglie con bambini, non avvengono solo ai confini esterni dell'Unione Europea ma anche alle frontiere tra i Paesi Membri, come nel caso dei confini tra Italia e Slovenia, e tra Slovenia e Croazia, tra gli altri," ha dichiarato Anita Bay Bundegaard, direttrice di Save the Children Europe.

"È urgente che l'Unione Europea e gli Stati Membri mettano fine ai respingimenti illegali e diano priorità alla protezione dei minori nelle aree di frontiera, garantendo un corretto accertamento dell'età, protezione e sicurezza per i minori, e consentano un meccanismo regolare e indipendente per la denuncia delle violazioni che sia loro accessibile."

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved