in-australia-google-paga-tv-e-giornali
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
4 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
5 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
5 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
LIVE

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
17 ore

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
19 ore

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
20 ore

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Estero
17.02.2021 - 08:10
Aggiornamento : 15:39

In Australia Google paga tv e giornali

Storico accordo: il colosso del web sborserà a un editore 30 milioni di dollari all'anno

Ats, a cura de laRegione

Google ha concordato di pagare oltre 30 milioni di dollari australiani l'anno, per l'uso del contenuto di news di Nine Entertainment Co, uno dei maggiori gruppi di media australiani, che comprende il Canale Tv 9 e i quotidiani Sydney Morning Herald, The Age di Melbourne e Australian Financial Review.

Lo riferisce lo stesso Sydney Morning Herald, citando "fonti del settore a conoscenza dei colloqui", secondo cui Nine ha appena firmato una lettera di intenti con Google per un accordo di tale ammontare annuale per cinque anni. Un accordo commerciale finale andrà alla firma entro due settimane.

In anticipo sul Governo

L'accordo riguarda i contenuti tratti da giornali, Tv, radio e risorse digitali, e assicurerà sostegno alle testate della società. Consentirà anche a Google di far fronte, limitando i danni, all'imminente introduzione di un codice di condotta vincolante che il governo conservatore sta per presentare in Parlamento con il sostegno dell'opposizione laburista e dei Verdi. Il codice prevede che Facebook e Google debbano concordare con gli editori australiani indennizzi per la condivisione dei loro contenuti.

Nine è la più grande società di informazione australiana a firmare una lettera di intenti con Google ma, secondo fonti del settore, stanno per fare altrettanto Guardian Australia e l'emittente pubblica nazionale Abc, mentre proseguono i colloqui con il gruppo di Rupert Murdoch News Limited, che comprende The Australian e popolari tabloid a Sydney e a Melbourne oltre a vari giornali locali.

Un esempio per il mondo?

Il ministro del Tesoro Josh Frydenberg ha espresso ottimismo, osservando che "gli occhi del mondo" sono puntati sull'esito delle riforme australiane. "Credo che sia i proprietari dei media, sia i giganti digitali, riconoscono che abbiamo trovato una soluzione qui in Australia, qualcosa che possiamo mandare avanti, che può assicurare una stabilità per il futuro dei media e che vedrà i giornalisti continuare ed essere ricompensati per la creazione di contenuti originali", ha aggiunto.

Il codice obbligatorio di condotta, formulato dall'ente di vigilanza Australian Competition and Consumer Commission (Accc), prevede trattative tra Facebook e Google e le compagnie australiane dei media per concordare il pagamento stesso, con penali fino a 10 milioni di dollari se non rispetteranno gli accordi.

Facebook e Google hanno dapprima respinto con forza l'idea di un codice di condotta, minacciando di bandire le notizie australiane dalle loro piattaforme, ma hanno poi acconsentito a negoziare.

In Australia, come in altri Paesi, decine di giornali sono stati chiusi e centinaia di giornalisti licenziati ma il governo ha fatto propria la battaglia per evitare che i giganti di internet divorino gli introiti pubblicitari a spese del mondo dell'informazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
australia contenuti google media
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved