l-assoluzione-di-trump-inguaia-i-repubblicani
Keystone
L’ha fatta franca un’altra volta
ULTIME NOTIZIE Estero
speciale ucraina
LIVE

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
5 ore

Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali

Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
11 ore

Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin

La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
23 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
1 gior

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
1 gior

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
1 gior

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
1 gior

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
1 gior

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
1 gior

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
stati uniti
laR
 
14.02.2021 - 19:46
Aggiornamento : 20:54

L’assoluzione di Trump inguaia i repubblicani

Partito lacerato dopo il verdetto del Senato. Le considerazioni del professor Mario Del Pero.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Donald Trump, una risorsa elettorale essenziale o, al contrario, l’istigatore dell’assalto a Capitol Hill che dev’essere messo definitivamente da parte? I repubblicani escono profondamente divisi dal processo di impeachment all’ex presidente americano, assolto sabato dal Senato. Secondo Mario Del Pero, «potrebbero cercare comunque di liberarsene, pur senza prenderlo di petto». Ad ogni modo, dice alla ‘Regione’ il professore di Storia internazionale a SciencesPo (Parigi), Trump «continuerà a ipotecare i futuri sviluppi del partito».

I democratici credono di aver ottenuto una vittoria morale e politica che permette finalmente a Joe Biden di affrontare i suoi grandi temi, come il piano di ripresa economica. «Questo triste capitolo della nostra storia ci ha ricordato che la democrazia è fragile. Che deve essere sempre difesa. Che dobbiamo essere sempre vigili», ha ammonito il nuovo presidente, sottolineando che «anche se il voto finale non ha portato a una condanna, la sostanza dell’accusa non è in discussione».

‘Pronto a candidarsi’

Il ‘Grand Old Party’ è lacerato. Lo sguardo è già rivolto alle elezioni di metà mandato nel 2022, quando i repubblicani sperano di riconquistare la maggioranza al Senato e alla Camera dei rappresentanti. «Il mio obiettivo è vincere nel 2022 per porre fine al programma più radicale che vedo uscire dalla presidenza democratica di Joe Biden, e non possiamo farlo senza Donald Trump», ha martellato su Fox News il senatore Lindsey Graham, uno dei suoi più fedeli alleati. «È pronto a candidarsi», «a ricostruire il partito repubblicano» e «sono pronto a lavorare con lui», ha detto.

Una maggioranza di 57 senatori (sette i repubblicani) su 100 si è espressa a favore di una condanna. Ma servivano i due terzi della camera alta (67 voti) per un verdetto di colpevolezza, al quale avrebbe potuto fare seguito una sentenza di ineleggibilità. Tra coloro che lo hanno assolto, l’influente senatore repubblicano Mitch McConnell. Nella sua residenza di lusso a Mar-a-Lago, in Florida, il magnate dell’immobiliare – accusato di aver istigato l’assalto al Congresso del 6 gennaio – ha reagito rapidamente. “Il nostro magnifico, storico e patriottico movimento, Make America Great Again, è appena iniziato”, ha scritto in una nota stampa.

«I repubblicani – commenta il professore Mario Del Pero – sapevano di rischiare molto qualora si fossero schierati esplicitamente contro Trump, che gode ancora del sostegno della maggioranza dell’elettorato conservatore. Allo stesso tempo, è difficile pensare che non vedano la gravità delle azioni dell’ex presidente. L’impressione è che cercheranno comunque di liberarsene, pur senza prenderlo di petto. È quanto si desume da defezioni come quelle della rappresentante permanente all’Onu Nikki Haley e sentendo Mitch McConnell: il capogruppo al Senato ha votato contro la condanna adducendo pretesti sulla sua costituzionalità, ma poi ha definito Trump ‘praticamente e moralmente responsabile’ dell’accaduto. Per molti come lui non sarebbe un male se ora fosse la giustizia ordinaria a prendersi la responsabilità di liquidarlo, dato che ci sono già indagini in corso».

Indietro non si torna

Si vedrà. Quel che è certo è che «vedremo una vera battaglia per l’anima del partito repubblicano nei prossimi due anni», come ha dichiarato il governatore repubblicano moderato del Maryland Larry Hogan alla Cnn. Ancora Mario Del Pero: «Trump continuerà a ipotecare i futuri sviluppi del partito, oltre a cercare di monetizzare mediaticamente l’esperienza alla Casa Bianca per affrontare le difficoltà economiche alle quali va incontro, come la probabile megamulta del fisco americano. In ogni caso la sua figura ha cambiato radicalmente temi, stile e direzione politica rispetto ai tempi di George W. Bush, e non penso che tutto tornerà come prima: difficile, ad esempio, pensare di tornare dal protezionismo alla promozione del libero scambio. Probabilmente si cercherà invece di correggere la deriva razzista, i flirt col suprematismo bianco, e quella condotta la cui gravità non è sfuggita neanche a senatori molto conservatori. Come Bill Cassidy, un figlio del profondo Sud che rappresenta la Louisiana, ma è tra i sette repubblicani che hanno votato a favore della condanna di Trump».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assoluzione donald trump impeachment mario del pero repubblicani senato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved