ULTIME NOTIZIE Estero
america latina
1 ora

Nicaragua: Ortega all’attacco delle Ong

Nuova raffica di chiusure per le associazioni, il numero è salito a 2’193
bruxelles
1 ora

Sanzioni europee a Mosca, c’è anche l’ideologo Dugin

Divieto per i cittadini dell’Ue di ricoprire cariche negli organi direttivi di alcune persone giuridiche, entità o organismi controllati dallo Stato russo
stati uniti
2 ore

Biden grazia i condannati per possesso di marijuana

Il presidente americano: ‘Nessuno dovrebbe essere in carcere per questo motivo’
asia
2 ore

Missili e caccia in volo, Kim sfida ancora Usa e Seul

Alta tensione nell’area. Pyongyang: ‘La portaerei Reagan è una grave minaccia’
Estero
3 ore

Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera

L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
9 ore

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
16 ore

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
16 ore

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
16 ore

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
1 gior

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
1 gior

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
03.02.2021 - 19:38
Aggiornamento: 22:50

Draghi scalda i motori: “Pronto a rilanciare l'Italia”

Pd e Forza Italia lo sosterranno, M5S a rischio spaccatura. La Lega pensa a un appoggio esterno. In futuro possibile staffetta con Mattarella al Quirinale

draghi-scalda-i-motori-pronto-a-rilanciare-l-italia
(Keystone)

Mario Draghi ha accettato l'incarico. Proverà a formare un governo. E ha tutte le carte in regola per riuscirci. L'ex presidente della Bce è un nome talmente altisonante che è difficile storcere il naso. Mattarella non poteva giocarsi una carta migliore come presidente del Consiglio. Quella carta l'ha portata in dote Matteo Renzi, che - per tutti - era passato da rottamatore di partiti a demolitore di governi. Evidentemente, oltre al piccone per abbattere Conte, il leader di Italia Viva si era portato anche cemento e cazzuola per ricostruire.

Il capocantiere Mario Draghi è sembrato più che pronto: “Vincere la pandemia, completare la campagna vaccinale, dare risposte ai problemi quotidiani, rilanciare il Paese sono le sfide. Abbiamo a disposizione le risorse straordinarie dell'Ue, abbiamo la possibilità di operare con uno sguardo attento alle future generazioni e alla coesione sociale”. Questa l'agenda: un cambio di marcia sul Recovery Plan, più spesa per la sanità, più investimenti per la ripresa. Con due priorità: i giovani, troppo spesso dimenticati, e la sopravvivenza delle imprese dopo la mazzata Covid.

A rispondere con entusiasmo all'appello di Draghi è stato il Partito Democratico. E arriverà Forza Italia. L'obiettivo è la cosiddetta maggioranza Ursula, dal nome del presidente della Commissione europea von der Leyen, eletta – per parte italiana – proprio con i voti del partito di Berlusconi, del Pd e di M5S.

Il rebus Cinquestelle e le mire di Renzi

Il rebus odierno sono proprio i Cinquestelle, come spiega Ilario Lombardo, giornalista de ‘La Stampa’ che ha vissuto da vicino battesimo e funerale dei due governi Conte: “Il leader Beppe Grillo ha parlato di fedeltà a Conte, senza porre veti su Draghi. E Conte e Draghi si sono parlati. Un via libera del premier uscente all'ex presidente della Bce sarebbe una specie di semaforo verde per i parlamentari del Movimento. Tuttavia c'è un rischio spaccatura se qualcuno dovesse dire sì troppo in fretta, o se – una volta decisa una linea morbida – qualcuno s'impuntasse per il no”. È una questione di tempismo e opportunità, insomma, più che di convinzione, secondo Lombardo: “In politica si dice che bisogna far maturare i tempi e consumare i passaggi. E questo è più che mai vero oggi per i Cinquestelle. Forza Italia appoggerà il governo, e per loro averli come alleati non è una cosa semplice da digerire. Certo, finora hanno dimostrato le solite ingenuità e durante le trattative si sono fatti mangiare da Renzi, uno che ha tanti difetti, ma quando si tratta di giochi di palazzo sa benissimo come muoversi”. Spingerà per avere un incarico nel governo? “Non è detto, lui conta tanto in Parlamento pur avendo solo il 2%, ma non ha consenso fuori. E forse un ruolo di primo piano potrebbe non giovargli. La sua tattica a lungo raggio è ricostituire un grande partito centrista moderato, come fu Forza Italia. Certo, avere messo il proprio marchio sull'arrivo di Draghi nobilita un lavoro che fino a pochi giorni fa era considerato sporco, da cinico arrivista. Molto dipenderà dall'esito di questo governo”. Perfino la Lega di Salvini potrebbe dare una sorta di appoggio esterno, mentre a rimanere fuori è Fratelli d'Italia.

Ma che data di scadenza ha un governo Draghi? “Al momento non è prevedibile - continua Lombardo - anche se va tenuto conto dei tempi di elezione del presidente della Repubblica. Mattarella scade nel gennaio 2022. Draghi, che è un candidato per il ruolo, potrebbe tirare avanti un anno e poi fare una specie di staffetta. Oppure si potrebbe decidere di confermare l'attuale presidente, tenendolo in carica un paio d'anni (successe anche con Napolitano, ndr), per calcolare meglio i tempi del passaggio di consegne”. In tutto questo resta da decifrare il ruolo del Pd, ultimo a scaricare Conte, primo a salire sul carro di Draghi. “Hanno provato a governare la crisi, ma a un certo punto hanno perso lucidità, dimenticandosi dell'obiettivo. Il loro livore nei confronti di Renzi li ha accecati, facendoli chiudere a riccio”.

Ora restano solo da capire tempi e modi, “ma Draghi non è uno sprovveduto. Sa che un governo tecnico non avrebbe l'appoggio dei Cinquestelle e partirebbe zoppo. O non partirebbe proprio. Dovrà dosare bene le scelte, ma ha un credito tale, in Italia e all'estero, da potersi permettere più di chiunque altro”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved