covid-le-varianti-fanno-paura-e-l-ue-stringe-sui-viaggi
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 min

L'Arabia Saudita respinge il rapporto Usa sul caso Khashoggi

Secondo il ministero degli esteri saudita il rapporto conteneva "informazioni e conclusioni inesatte"
Estero
36 min

Russia-Ue, il giallo del vaccino Sputnik V

Mosca sostiene di aver già presentato la domanda per ottenere l'ok al suo Sputnik V, mentre l'Europa dice che non è vero
Estero
1 ora

Svizzero ricercato per truffa milionaria arrestato a Venezia

Il cittadino elvetico è stato scovato dai militari dell'arma all'interno di una struttura ricettiva di lusso del centro storico lagunare
Estero
4 ore

Nigeria, liberati i 42 ostaggi rapiti a scuola 10 giorni fa

Ieri invece 317 ragazze sono state sequestrate da uomini armati in un attacco simile nello Stato di Zamfara
Estero
5 ore

Coronavirus, via libera a vaccino Johnson&Johnson

Gli esperti della Fda statunitense hanno dato l'ok al vaccino monodose anti-Covid della J&J
Estero
5 ore

Approvato dalla Camera il piano aiuti anti-Covid di Biden

È un pacchetto da 1'900 miliardi di dollari. Il parlamentare democratico Boyle: "Dopo 12 mesi di morte e disperazione, la ripresa americana inizia stanotte"
Estero
5 ore

Coronavirus, Oms: in Brasile nuova ondata, è una tragedia

Nelle ultime 24 ore il gigante sudamericano ha registrato 1'337 morti di Covid-19 e 65'169 contagi
Confine
5 ore

Coronavirus: a Viggiù da oggi vaccinazione di massa

I cittadini saranno convocati direttamente con sms o mail e gli appuntamenti non saranno modificabili
Confine
19 ore

'Colorati' altri sei comuni: Valle Vigezzo in zona rossa

Da domano, Craveggia, Villette, Toceno, Malesco, Santa Maria Maggiore e Druogno si aggiungono a Re, 'colorato' già da una settimana.
Estero
19 ore

Allarme Onu: gli Stati fanno troppo poco per il clima

Sfori insufficienti nell’attuazione dell’Accordo di Parigi, indica un rapporto. Lo scenario: emissioni tagliate solo dell’1 per cento nel 2030.
Estero
20 ore

Attacco a scuola in Nigeria, rapite oltre 300 ragazze

In corso un’operazione di salvataggio di polizia ed esercito. Una settimana fa erano stati sequestrati 42 persone (27 studenti).
Estero
22.01.2021 - 08:070

Covid, le varianti fanno paura e l'Ue stringe sui viaggi

L'Unione europea decide per delle zone 'rosso scuro', ma non chiude i confini. Scoraggiati i movimenti 'non essenziali'. Alcuni Paesi sono preoccupati

Una stretta coordinata sui viaggi, ma le frontiere dell'Unione restano aperte, e viene inserita una nuova categoria nella mappa dell'incidenza Covid, una zona rosso scura, per indicare le zone ad alto rischio. È il dato principale emerso dalla videoconferenza dei leader Ue, convocata dal presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, di fronte all'allarme mutazioni.

No a una chiusura a tappeto dei confini

La discussione è riuscita a scongiurare il pericolo di una chiusura a tappeto dei confini, che avrebbe ripiombato l'Unione ed il mercato interno nella situazione di caos di un anno fa, a favore di un coordinamento per misure mirate sugli spostamenti, con un forte scoraggiamento ad intraprendere viaggi non essenziali. Il lavoro verrà ora sviluppato nelle prossime settimane, anche se la competenza delle iniziative resta a carattere nazionale.

“Dobbiamo ridefinire la nostra mappatura” della geografia dell'epidemia “per individuare le aree ad alto rischio, introducendo una categoria rosso scura. A chi parte da queste zone possono essere chiesti test prima di partire e la quarantena dopo l'arrivo. Tutti i viaggi non essenziali devono essere altamente scoraggiati”, ha spiegato la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, specificando che l'Ue deve essere vista come “una zona epidemiologica unica”, su cui intervenire in modo mirato.

A raccomandare la necessità di misure restrittive alla libertà di movimento è stata anche l'Agenzia europea per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc). Misure che saranno facilitate anche dalla decisione di un riconoscimento reciproco dei test - compresi quelli rapidi - in tutta l'Unione.

Un'indicazione, quella dell'Ecdc, che ha confermato la linea di Angela Merkel, da giorni in pressing per convincere i colleghi ad allinearsi sui controlli sanitari ai confini, con test e quarantene aggiuntivi, ed un deciso giro di vite per i viaggi non necessari.

Decisamente sulla linea di Berlino il francese Emmanuel Macron, alle prese con nuovi violenti focolai ed il sospetto di una mutazione sconosciuta del virus più contagiosa che in alcune zone della Francia avrebbe fatto schizzare i contagi. Ma anche l'austriaco Sebastian Kurz, l'olandese Mark Rutte ed il belga Alexander De Croo.

Un colpo durissimo per i Paesi a vocazione turistica

Un colpo al cuore le nuove restrizioni per Paesi ad alta vocazione turistica come Grecia, Spagna e Malta, preoccupati per le proprie economie in vista della primavera-estate, che hanno provato a far avanzare l'idea di un passaporto delle vaccinazioni per facilitare gli spostamenti tra Stati. Un'idea da valutare "con estrema prudenza", e comunque non in questa fase, ha detto Michel.

A lanciare la proposta nei giorni scorsi era stato il premier ellenico Kyriakos Mitsotakis, che alla videoconferenza è tornato ad illustrarla ai colleghi, sostenuto dal maltese Robert Abela, e dallo spagnolo Pedro Sanchez.

‘Accelerare sui vaccini’

Tutti i leader si sono mostrati invece d'accordo sulla necessità di accelerare sulle dosi degli antidoti, soprattutto dopo i ritardi di Pfizer di questa settimana. Von der Leyen ha assicurato che i differimenti saranno riassorbiti entro metà febbraio, con i livelli delle consegne che torneranno al 100% di quelli previsti per settimana, già da lunedì. Intanto Merkel ha aperto all'uso del vaccino russo Sputnik V previa autorizzazione dell'Ema, mentre il governo dell'ungherese Viktor Orban si è portato avanti dando luce verde fin da ora.

In tutto la Commissione prevede la consegna di oltre 150 milioni di dosi nel primo trimestre, grazie anche all'atteso via libera di nuovi vaccini. Mentre dal secondo i numeri dovrebbero lievitare, per questo occorre prepararsi ad usarli tutti e bene. Il target è vaccinare l'80% di sanitari e over 80 entro marzo, ed il 70% degli adulti entro l'estate. Un'impresa ambiziosa, ma l'Ue ce la può fare.

© Regiopress, All rights reserved