brexit-londra-ratifica-definitivamente-l-accordo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
2 ore

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
4 ore

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
5 ore

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
6 ore

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
Estero
7 ore

Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Confine
11 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
LIVE

Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
22 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
22 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
regno unito
30.12.2020 - 20:47
Aggiornamento : 21:16

Brexit, Londra ratifica definitivamente l'accordo

Il premier britannico Boris Johnson esulta: ‘Soddisfatto il desiderio del popolo di vivere secondo le proprie leggi’

Ansa, a cura de laRegione

Il premier britannico Boris Johnson può finalmente esultare. A Londra la Camera dei Comuni ha infatti approvato l'accordo commerciale post-Brexit tra Regno Unito e Unione europea con 521 voti favorevoli e 73 contrari. A favore il partito conservatore del primo ministro e i laburisti di Keir Starmer, questi ultimi non compatti. Contrari, per ragioni diverse, gli indipendentisti scozzesi, i libdem, i partiti nordirlandesi e il gallese Plaid Cymru. Il provvedimento è stato così indirizzato, già in giornata, verso la promulgazione reale (royal assent) dopo un passaggio procedurale alla Camera dei Lord. E Johnson esulta, parlando di "nuovo capitolo" nella storia del paese.

L'estenuante maratona negoziale e politica (interna ed esterna al Regno) apertasi dopo il referendum del 2016 sull'addio all'Ue si è quindi conclusa con un accordo raggiunto in extremis e che riceve i fondamentali via libera, britannico ed europeo, a poche ore dalla fine del periodo di transizione post-Brexit (fissata per domani). Se Westminster chiude in giornata i suoi lavori sul complesso dossier europeo, da Bruxelles arriva la firma al "deal" dei presidenti del Consiglio e della Commissione, Charles Michel e Ursula von der Leyen, per conto dei 27 leader europei. Lo stesso ha fatto Johnson a Downing Street, commentando così su Twitter: "Firmando questo accordo, soddisfiamo il desiderio del popolo britannico di vivere secondo le proprie leggi, stabilite dal proprio Parlamento eletto". Mentre il Parlamento dell'Unione deve ancora ratificare il trattato ma il passaggio appare piuttosto scontato e non ci dovrebbero essere insidie lungo il cammino finale.

Dal primo gennaio la Brexit sarà a pieno regime

Dal primo gennaio, quando la Brexit entrerà nella sua piena fase, la Gran Bretagna lavorerà a stretto contatto con l'Ue all'insegna di una "nuova relazione tra eguali", ha assicurato il premier Tory, spiegando che si andrà avanti "mano nella mano ogni volta che i nostri valori e interessi coincideranno". Ai parlamentari Johnson ha ricordato che l'accordo di libero scambio con Bruxelles è stato negoziato a una "velocità sorprendente". In meno di un anno, in piena pandemia, "perché creare certezza sul nostro futuro offre le migliori possibilità di battere il Covid e di riprendersi in modo ancora più forte l'anno prossimo", ha aggiunto il primo ministro. In termini politici, il premier Tory può vantare di aver mantenuto le promesse, arrivando a una intesa con l'Ue entro la fine del periodo di transizione. Intesa che trova se non il plauso almeno il sostegno dell'opposizione laburista, finita col dividersi (ancora una volta) in materia di Brexit. Il loro leader Starmer ha parlato di un accordo "con molti difetti" ma l'alternativa sarebbe stata quella di lasciare il mercato unico e l'unione doganale senza alcun "deal", facendo salire i prezzi e mettendo a rischio le imprese. La ribellione interna al Labour ha proporzioni comunque limitate: 36 deputati astenuti e uno solo contrario.

Contrari gli indipendentisti scozzesi

Di avviso opposto, invece, gli indipendentisti scozzesi dell'Snp, la seconda forza di opposizione ai Comuni, e da sempre su posizioni anti-Brexit. Il loro leader a Westminster, Ian Blackford, ha condannato l'accordo come "un atto di vandalismo economico" e ha attaccato i laburisti per non essersi opposti. I giochi comunque sono fatti e, come ha ricordato lo stesso Johnson nel suo intervento, è giunto il tempo della libertà, da un controllo legislativo esterno al Regno, ma anche della responsabilità, per quello che Londra potrà fare contando solo sulle sue forze.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson brexit
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved