BOS Bruins
Detroit Red Wings
01:00
 
FLO Panthers
WAS Capitals
01:00
 
NJ Devils
SJ Sharks
01:00
 
brexit-londra-ratifica-definitivamente-l-accordo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
unione europea
1 ora

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
germania
1 ora

Fece morire di sete bimba yazida, ergastolo a jihadista

A Francoforte condanna storica per genocidio dell’Isis. L’uomo teneva schiava la piccola e sua madre
norvegia
1 ora

Breivik ha inviato minacce ai sopravvissuti di Utoya

Il comitato delle vittime: ‘Manda lettere dal carcere, è inaccettabile’
Estero
2 ore

Sparatoria in un liceo del Michigan, almeno tre morti

Il presunto killer avrebbe 15 anni ed è stato fermato dalla polizia, lo riportano i medi americani
Estero
3 ore

Zemmour, il fondamentalista ributtante

Il polemista e paladino della destra francese, xenofobo e reazionario, si candida ufficialmente per l’Eliseo
Estero
4 ore

Prime indicazioni da Israele: ‘Con tre dosi protetti da Omicron’

Il ministro della Sanità: ‘Le prime indicazioni mostrano che coloro che hanno un richiamo sono molto probabilmente protetti contro questa variante’
Estero
6 ore

Boris Johnson: ‘Terza dose a tutti entro fine gennaio’

In Gran Bretagna la campagna vaccinale riprenderà ai ritmi iniziali, con la riapertura di centri extra e l’impiego di 400 militari
Estero
6 ore

La Germania valuta misure specifiche per i non vaccinati

Oltre all’obbligo vaccinale, al vaglio l’introduzione di una limitazione dei contatti soprattutto per chi non ha ricevuto le due dosi
Estero
6 ore

47mila casi in Francia: ‘La situazione si sta aggravando’

Il ministro della Salute Olivier Véran fa leva sulla necessità di ampliare la campagna di richiamo per quanto riguarda le vaccinazioni
Estero
9 ore

‘In Cina la stretta sugli uiguri fu pianificata dal Pcc’

È quanto scrive il Guardian citando documenti segreti diffusi online, fra cui tre discorsi di Xi Jinping del 2014
regno unito
30.12.2020 - 20:470
Aggiornamento : 21:16

Brexit, Londra ratifica definitivamente l'accordo

Il premier britannico Boris Johnson esulta: ‘Soddisfatto il desiderio del popolo di vivere secondo le proprie leggi’

Il premier britannico Boris Johnson può finalmente esultare. A Londra la Camera dei Comuni ha infatti approvato l'accordo commerciale post-Brexit tra Regno Unito e Unione europea con 521 voti favorevoli e 73 contrari. A favore il partito conservatore del primo ministro e i laburisti di Keir Starmer, questi ultimi non compatti. Contrari, per ragioni diverse, gli indipendentisti scozzesi, i libdem, i partiti nordirlandesi e il gallese Plaid Cymru. Il provvedimento è stato così indirizzato, già in giornata, verso la promulgazione reale (royal assent) dopo un passaggio procedurale alla Camera dei Lord. E Johnson esulta, parlando di "nuovo capitolo" nella storia del paese.

L'estenuante maratona negoziale e politica (interna ed esterna al Regno) apertasi dopo il referendum del 2016 sull'addio all'Ue si è quindi conclusa con un accordo raggiunto in extremis e che riceve i fondamentali via libera, britannico ed europeo, a poche ore dalla fine del periodo di transizione post-Brexit (fissata per domani). Se Westminster chiude in giornata i suoi lavori sul complesso dossier europeo, da Bruxelles arriva la firma al "deal" dei presidenti del Consiglio e della Commissione, Charles Michel e Ursula von der Leyen, per conto dei 27 leader europei. Lo stesso ha fatto Johnson a Downing Street, commentando così su Twitter: "Firmando questo accordo, soddisfiamo il desiderio del popolo britannico di vivere secondo le proprie leggi, stabilite dal proprio Parlamento eletto". Mentre il Parlamento dell'Unione deve ancora ratificare il trattato ma il passaggio appare piuttosto scontato e non ci dovrebbero essere insidie lungo il cammino finale.

Dal primo gennaio la Brexit sarà a pieno regime

Dal primo gennaio, quando la Brexit entrerà nella sua piena fase, la Gran Bretagna lavorerà a stretto contatto con l'Ue all'insegna di una "nuova relazione tra eguali", ha assicurato il premier Tory, spiegando che si andrà avanti "mano nella mano ogni volta che i nostri valori e interessi coincideranno". Ai parlamentari Johnson ha ricordato che l'accordo di libero scambio con Bruxelles è stato negoziato a una "velocità sorprendente". In meno di un anno, in piena pandemia, "perché creare certezza sul nostro futuro offre le migliori possibilità di battere il Covid e di riprendersi in modo ancora più forte l'anno prossimo", ha aggiunto il primo ministro. In termini politici, il premier Tory può vantare di aver mantenuto le promesse, arrivando a una intesa con l'Ue entro la fine del periodo di transizione. Intesa che trova se non il plauso almeno il sostegno dell'opposizione laburista, finita col dividersi (ancora una volta) in materia di Brexit. Il loro leader Starmer ha parlato di un accordo "con molti difetti" ma l'alternativa sarebbe stata quella di lasciare il mercato unico e l'unione doganale senza alcun "deal", facendo salire i prezzi e mettendo a rischio le imprese. La ribellione interna al Labour ha proporzioni comunque limitate: 36 deputati astenuti e uno solo contrario.

Contrari gli indipendentisti scozzesi

Di avviso opposto, invece, gli indipendentisti scozzesi dell'Snp, la seconda forza di opposizione ai Comuni, e da sempre su posizioni anti-Brexit. Il loro leader a Westminster, Ian Blackford, ha condannato l'accordo come "un atto di vandalismo economico" e ha attaccato i laburisti per non essersi opposti. I giochi comunque sono fatti e, come ha ricordato lo stesso Johnson nel suo intervento, è giunto il tempo della libertà, da un controllo legislativo esterno al Regno, ma anche della responsabilità, per quello che Londra potrà fare contando solo sulle sue forze.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved