la-cina-condanna-a-tre-anni-i-fuggitivi-da-hong-kong
Keystone
I familiari davanti alla stampa
ULTIME NOTIZIE Estero
italia
4 ore

Condanne per 400 anni al clan Casamonica: ‘Era mafia’

Roma esulta per la sentenza del tribunale dopo un lungi processo: si chiude il cerchio su anni di soprusi e violenze
afghanistan
4 ore

I talebani: ‘Prima riconosceteci, poi i diritti’

Minaccia del mullah alla comunità internazionale dopo le accusa sulla condizione delle donne
ruanda
4 ore

Lo Schindler africano condannato a 25 anni

Confermate le accuse di terrorismo per Paul Rusesabagina, l’uomo che salvò oltre mille persone durante il genocidio ispirando il film ‘Hotel Ruanda’
Estero
5 ore

Pfizer: ‘Vaccino sicuro per bambini tra 5 e 11 anni’

Dati sugli under-5 disponibili prima di fine anno. Analizzate 22 potenziali reazioni allergiche
Stati Uniti
6 ore

Sparatoria in un liceo della Virginia: due feriti

La scuola è la Heritage High School di Newport. Non si hanno al momento altre informazioni
Estero
9 ore

Da novembre gli Stati Uniti riaprono ai vaccinati

I viaggiatori internazionali che entreranno negli Usa dovranno presentare la prova del vaccino prima dell’imbarco, insieme all’esito negativo di un test
Estero
10 ore

Bolsonaro a NY, pizza in strada perché non vaccinato

Il presidente brasiliano è atterrato negli Usa dove farà il tradizionale discorso di apertura all’Assemblea generale delle Nazioni Unite
Estero
11 ore

Dal primo ottobre in Vaticano solo con Green pass

Lo ha stabilito un’ordinanza della Pontificia commissione dello Stato Vaticano. Valido anche il certificato Covid svizzero
Estero
30.12.2020 - 17:200

La Cina condanna a tre anni i fuggitivi da Hong Kong

In 12 arrestati dopo tentativo di fuga a Taiwan, due i minorenni. Amnesty International denuncia: processo iniquo

Pechino – I dieci fuggitivi e attivisti pro democrazia di Hong Kong, processati a Shenzhen per l'attraversamento illegale del confine marittimo cinese nel tentativo di raggiungere Taiwan, sono stati condannati a pene detentive tra i 7 mesi e i 3 anni. La Corte del Popolo di Yantian ha riconosciuto il leader della fuga in Tang Kai-yin, infliggendogli 3 anni di reclusione e la multa da ventimila yuan (2'491 euro), mentre Quinn Moon, unica donna del gruppo ritenuta anche co-leader, dovrà scontare due anni di carcere e pagare la multa di 15mila yuan (1'868 euro). Gli altri 8 imputati sono stati raggiunti da una condanna a 7 mesi di carcere e dalla multa di diecimila yuan (1'245 euro).

I dieci fuggitivi si erano dichiarati colpevoli nella breve udienza di lunedì affidandosi alla clemenza della Corte, in base a quanto riferito dal quotidiano di Hong Kong pro-Pechino, Wen Wei Po. Quanto ai due imputati minorenni, parte del gruppo di 12 persone bloccato il 23 agosto dalla guardia costiera cinese sul motoscafo diretto a Taiwan, è stata disposta la loro consegna alla polizia dell'ex colonia britannica.

Vittime della nuova legge sulla sicurezza nazionale

Le condanne seguono l'imposizione di Pechino su Hong Kong della nuova legge sulla sicurezza nazionale per frenare le forti proteste pro democrazia dello scorso anno che dal 30 giugno ha conferito ai governi locale e centrale poteri per perseguire i dissidenti politici. Diversi attivisti sono fuggiti dalla città per trasferirsi all'estero e le organizzazioni politiche hanno chiuso i battenti a causa della stretta sulle libertà.

Un processo "del tutto ingiusto", ha affermato Chow Hang-tung, uno dei legali del gruppo noto come 'Save 12', lamentando che le famiglie e gli avvocati siano stati tenuti all'oscuro del processo, con un preavviso di pochi giorni, insufficiente a soddisfare le regole di quarantena per il Covid-19. "Secondo i media statali cinesi, gli imputati hanno persino elogiato il sistema giudiziario locale, il che è assurdo. Non possiamo neanche immaginare che tipo di trattamento abbiano ricevuto nel centro di detenzione", ha aggiunto Chow.

Stati Uniti e Ammesty International deplorano

Lunedì gli Usa, con una dura nota, avevano chiesto il rilascio immediato rilascio del gruppo, la cui unica colpa è di aver tentato una fuga "dalla tirannia. La Cina comunista non si fermerà davanti a nulla per impedire al suo popolo di cercare la libertà altrove", aveva spiegato l'ambasciata americana in una nota.

"Queste condanne emesse al termine di un processo iniquo mettono a nudo i pericoli cui deve far fronte chiunque si trovi sotto il sistema giudiziario cinese", ha detto Yamini Mishra, direttore regionale dell'Asia-Pacifico di Amnesty International. Di diverso parere il ministero degli Esteri di Pechino: "la legge deve essere rispettata e coloro che la violano saranno ritenuti responsabili", ha commentato in conferenza stampa il portavoce Wang Wenbin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved