trump-medita-il-caos-i-suoi-senatori-anche
Donald Trump (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
11 ore

Wojtyla, 40 anni fa l'attentato in Piazza San Pietro

Ali Agca sparò due colpi contro il Pontefice, che venne sottoposto a un'operazione di cinque ore e mezza e riuscì a sopravvivere
Estero
14 ore

"Ridurre diseguaglianze e combattere esclusione sociale"

Sono alcuni tra gli aspetti principali della dichiarazione dei leader Ue sul pilastro sociale adottata stamani
Estero
16 ore

Brexit, 30 cittadini Ue detenuti alla frontiera nel 2021

Avevano tentato di entrare nel Paese per lavoro senza avere il visto necessario o lo status di residenza previsto dallo 'EU Settlement Scheme'
Estero
16 ore

Stadio razzo cinese fotografato nel cielo di Roma

L'astrofisico Gianluca Masi: "L'osservazione era possibile agilmente a occhio nudo"
Estero
17 ore

Covid, in India superata soglia dei 4mila morti in un giorno

Da inizio pandemia sono 238'270 le vittime nel paese a causa del Coronavirus. Nelle ultime 24 ore si registrano 401'078 nuovi casi
Estero
1 gior

L'Europa boccia Biden sui brevetti

Secondo i 27 dell'Ue il problema sta nella produzione, non nella libertà della proprietà intellettuale
Estero
1 gior

Johnson espugna un fortino dei laburisti

I Labour faticano nelle elezioni locali e avanzano i tories del primo ministro in carica. In attesa del voto in Scozia
Estero
1 gior

In aula a Bologna i conti svizzeri di Licio Gelli

Nel nuovo processo sulla strage in stazione del 1980 ricostruiti i flussi di denaro dell'ex capo della P2
Estero
1 gior

Colombia nel caos: ‘Saccheggi ed esecuzioni in strada’

Il bilancio è di 24 morti dopo le proteste per la riforma fiscale che avrebbe sfavorito le classi più povere. ‘Nei negozi manca perfino il latte’
Confine
1 gior

Calano i contagi da Covid-19 a Como. Ma le misure restano

Nel fine settimana in centro stabiliti dei circuiti pedonali a senso unico e posto il divieto di transito per i veicoli
Estero
1 gior

Stati Uniti: una ragazza spara in una scuola, tre feriti

Si tratta di una giovane di prima media, non è ancora chiaro il motivo del gesto
Estero
22.12.2020 - 21:260
Aggiornamento : 21:50

Trump medita il caos, i suoi senatori anche

Il presidente uscente continua a restare attaccato al potere, circondato solo dai fedelissimi. Cruz e Graham gli suggeriscono come rendere impossibili le prime mosse di Biden

Trump non sembra intenzionato a lasciare la Casa Bianca tanto facilmente, almeno non senza prima averle provate tutte. E ‘tutte’, quando si parla di Trump, è un termine che può assumere significati grotteschi: dal sequestro delle macchine elettorali al tentativo di aizzare il Congresso alla rivolta. Il tutto mentre il tam tam sui social rivela come gruppi di sostenitori lavorino a un Inauguration Day alternativo, quello che secondo le intenzioni dovrebbe dare il via al secondo mandato presidenziale di The Donald.

Quello che in privato diversi responsabili dell’amministrazione descrivono con preoccupazione – tra gli altri, alla Cnn – è un presidente ossessionato dall’idea di poter ancora riscrivere la storia delle elezioni e furioso con tutti quelli che secondo lui lo frenano e lo ostacolano. Figure che fino a ieri erano i suoi più stretti collaboratori ma che oggi, considerate al pari di “traditori”, non riescono più a gestirlo. Ce l’ha con il vice Mike Pence e con il segretario di Stato Mike Pompeo, che non combatterebbero abbastanza per sostenere la sua battaglia, quella che il 6 gennaio vuole portare in Congresso. E poi con il leader dei senatori Mitch McConnell, accusato di essere stato il primo ad abbandonare la barca, riconoscendo la vittoria di Biden e ratificando l’accordo sugli stimoli all’economia con i democratici. Le ire del tycoon si abbatterebbero persino sul genero Jared Kushner, che in queste ore se ne sta ben alla larga dalla West Wing, volato in Israele con la scusa di portare avanti il suo compito in Medio Oriente. Ma nelle movimentate riunioni del fine settimana le urla e gli epiteti di Trump avrebbero investito anche il capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows, il più vicino a lui quando è rimasto contagiato dal Covid-19, e il consulente legale Pat Cipollone, quello che lo aveva difeso dall’impeachment. Rei entrambi di aver frenato sulle ipotesi più incredibili prospettate dal presidente: come quella di ricorrere alla legge marziale, suggerita dal suo fedelissimo (e di recente graziato) ex consigliere alla sicurezza Michael Flynn, oppure quella di ordinare ai militari il sequestro delle macchine per il voto che, secondo l’avvocatessa cospirazionista Sidney Powell, sarebbero state truccate e manomesse con lo zampino di una società legata a Hugo Chavez.

Nessuno dunque si salva in queste ore, tranne un pugno di personaggi a dir poco controversi che negli ultimi giorni hanno fatto avanti e indietro dallo Studio Ovale, gli unici consiglieri di cui ormai Trump sembra fidarsi perché gli unici che ancora alimentano speranze di vittoria, non ultimo l’immancabile Rudy Giuliani.

I ‘dispetti’ dei senatori

Nel frattempo, i fedelissimi di Trump in Senato stanno facendo di tutto per rendere la vita impossibile al successore Joe Biden. Proprio due senatori di primo rango come Ted Cruz e Lindsey Graham hanno suggerito alla Casa Bianca una strategia per impedire al presidente eletto di far rientrare gli Usa nell’accordo con l’Iran e soprattutto in quello sul clima di Parigi, ritenuto prioritario: sottoporre i due accordi allo stesso Senato, in modo da vincolarli a un voto con maggioranza a due terzi e sottrarre a Biden la possibilità di resuscitarne la validità con un semplice atto esecutivo.

Di fatto, come spiega Cruz in una lettera a Trump pubblicata da RealClearPolitics, si tratta di presentare gli accordi come trattati con potenze straniere. E visto che i Dem sono in minoranza al Senato – si arriverebbe casomai al pareggio in caso di trionfo in Georgia al ballottaggio di gennaio – diventerebbe di fatto impossibile per Biden tornare nel solco dei principali alleati occidentali. La stessa strategia piace anche a Graham, che ne parla apertamente su Twitter, ritenendo che dopo tanti anni sia importante sentire (proprio ora) il parere del legislativo. Il tutto a meno di un mese dal cambio della guardia. ANSA/RED

© Regiopress, All rights reserved