crollo-del-ponte-morandi-manutenzione-inadeguata
Il crollo del 2018 ha causato 43 vittime (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
5 ore

Un anno fa la strage del Mottarone: ‘Abbandonati da tutti’

Lo sottolinea la madre di Elisabetta Personini e nonna del piccolo Mattia, 2 delle quattordici vittime del disastro della funivia a Stresa
Estero
7 ore

Biden: 13 Paesi in piano Indo-Pacifico. Aiuto a Taiwan se invasa

Il presidente Usa ha inoltre affermato che si sta considerando l’abolizione di alcuni dazi commerciali sulla Cina
Speciale Ucraina
LIVE

Carcere a vita per il soldato russo che uccise un civile

Il sergente Vadim Shishimarin è stato condannato da un tribunale di Kiev per l’omicidio di un uomo nella regione di Sumy. Segui il live de laRegione
la strage di capaci: 1992-2022
11 ore

‘La mafia li uccideva, poi rubava le loro parole’

A trent’anni dalla morte di Falcone restano l’orgoglio e le ferite di chi ha lottato per la verità
Estero
20 ore

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
Estero
22 ore

Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina

I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
22 ore

Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est

Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
23 ore

Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad

Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
23 ore

Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti

Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
1 gior

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
1 gior

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
1 gior

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
1 gior

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
21.12.2020 - 21:11
Aggiornamento : 22:04

Crollo del Ponte Morandi: 'Manutenzione inadeguata'

I periti del giudice per le indagini preliminari affermano che la disgrazia avvenuta a Genova sarebbe probabilmente potuta essere evitata

Ansa, a cura de laRegione

Oltre alla corrosione, a determinare il crollo del Ponte Morandi di Genova sono stati anche "i controlli e le manutenzioni che se fossero stati eseguiti correttamente, con elevata probabilità avrebbero impedito il verificarsi dell'evento".

Lo scrivono i periti del giudice per le indagini preliminari (gip) nella relazione sulle cause del crollo del ponte ligure. Il documento, di circa 500 pagine, è stato redatto nell'ambito del secondo incidente probatorio, quello che deve stabilire le cause del crollo avvenuto il 14 agosto 2018, causando la morte di 43 persone. La procura aveva formulato 40 quesiti a cui i super esperti hanno risposto.

"La mancanza - proseguono - e/o l'inadeguatezza dei controlli e delle conseguenti azioni correttive costituiscono gli anelli deboli del sistema; se essi, laddove mancanti, fossero stati eseguiti e, laddove eseguiti, lo fossero stati correttamente, avrebbero interrotto la catena causale e l'evento non si sarebbe verificato".

Altre cause, secondo i periti del gip sono le "carenze progettuali", le "mancanze di specifiche tecniche adeguate sulle guaine dei cavi e sulle modalità di iniezione", "difetti costruttivi in fase di realizzazione", "carenze di controlli in fase di costruzione da parte della direzione dei lavori e della commissione di collaudo" scrivono i periti.

E, ancora, gli esperti hanno riscontrato una "mancata esecuzione di indagini specifiche necessarie per verificare lo stato dei trefoli dei gruppi primari così come raccomandato dal 1985" e "assenza di interventi di restauro e riparazione che avrebbero dovuto essere eseguiti nel tempo per riparare il tirante difettoso".

La causa scatenante: corrosione del tirante della pila 9

"Non sono stati individuati fattori indipendenti dallo stato di manutenzione e conservazione del ponte che possano avere concorso a determinare il crollo, come confermato dalle evidenze visive emerse dall'analisi del filmato Ferrometal", scrivono i periti del gip.

La causa scatenante del crollo del ponte Morandi "è il fenomeno di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante Sud- lato Genova della pila 9", sostengono i periti del gip Angela Nutini.

"Tale processo di corrosione - proseguono i periti - è cominciato sin dai primi anni di vita del ponte ed è progredito senza arrestarsi fino al momento del crollo determinando una inaccettabile riduzione dell'area della sezione resistente dei trefoli che costituivano l'anima dei tiranti, elementi essenziali per la stabilità dell'opera".

Dal 1993, data dell'ultimo intervento di manutenzione, "non sono stati eseguiti interventi che potessero arrestare il processo di degrado in atto e/o di riparazione dei difetti presenti nelle estremità dei tiranti che, sulla sommità del tirante Sud-lato Genova della pila 9 erano particolarmente gravi", si legge nel documento. "Il tirante Sud-lato Genova della pila 9 ha mostrato un'evidente e gravissima forma di corrosione nella zona di attacco con l'antenna. La corrosione dei cavi primari ha avuto luogo in zone di cavità e mancata iniezione formatesi nella costruzione del ponte".

"I cavi secondari - concludono i periti - presentavano un grado di corrosione più generalizzato ed ancora più elevato risultando interessati da gravi difetti di iniezione determinati anche dalla inadeguatezza delle guaine metalliche. Si evince come lo stato di manutenzione e di conservazione della parte del viadotto crollato abbia avuto diretta e conclamata influenza sul crollo".

Indicazioni ignorate

"Sono state trascurate negli anni le indicazioni dello stesso ingegner Morandi con particolare riferimento al degrado degli acciai" dei tiranti, sottolineano i periti del gip nella relazione sulle cause del crollo del ponte.

"Il progettista aveva posto attenzione al rischio di corrosione dei cavi. Tali raccomandazioni erano particolarmente importanti e rilevanti tenuto conto della straordinarietà dell'opera. Inoltre, dalle prime verifiche, a breve distanza temporale dall'inaugurazione, sia tecnici del gestore sia lo stesso Morandi avevano evidenziato un già diffuso stato di ammaloramento e proposto modifiche di intervento".

"Limitatamente alle porzioni interessate dal crollo - scrivono i periti - le principali criticità riscontrate sono individuabili nella combinazione di carenze progettuali nei dettagli costruttivi e di difetti di esecuzione che hanno determinato la formazione della cavità nella sommità dell'antenna".

"Va inoltre evidenziata la difformità nella realizzazione delle guaine metalliche rispetto a quanto previsto nel progetto, difformità che ha determinato la scarsa impermeabilità della guaina agli agenti esterni e alla stessa malta di iniezione".

Carenze progettuali e difetti costruttivi

Secondo i periti del gip le "carenze progettuali", le "mancanze di specifiche tecniche adeguate sulle guaine dei cavi e sulle modalità di iniezione", i "difetti costruttivi in fase di realizzazione" sono altre cause che hanno determinato il crollo del ponte Morandi.

Ci sono "carenze di controlli in fase di costruzione da parte della direzione dei lavori e della commissione di collaudo", scrivono i periti del gip nella relazione sul crollo.

 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crollo genova manutenzione ponte morandi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved