boris-johnson-cerca-di-rassicurare-gli-inglesi
Il premier britannico (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Trump supera la prova delle primarie

I verdetti dell’ultima tornata in Pennsylvania, North Carolina, Kentucky, Idaho e Oregon in vista delle elezioni di Midterm a novembre
Confine
5 ore

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
7 ore

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
9 ore

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
9 ore

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
10 ore

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
Estero
12 ore

Erdogan insiste sul ‘no’ a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco persiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Pkk considerati terroristi da Ankara
Confine
15 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
16 ore

Il soldato russo si dichiara colpevole di crimini di guerra

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
1 gior

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
1 gior

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
21.12.2020 - 20:16

Boris Johnson cerca di rassicurare gli inglesi

Secondo lui non devono temere né la nuova variante del coronavirus, né il blocco delle merci alle frontiere potenzialmente aggravato dalla Brexit

Ansa, a cura de laRegione

Un'isola di nome e di fatto, tagliata fuori dall'Europa e da buona parte del mondo. La cosiddetta variante inglese del Covid-19 fa paura e spinge la comunità internazionale a cercare disperatamente di trincerarsi di fronte a un pericolo che pure circola già ben oltre il confine della Manica. In uno scenario nel quale l'Ue non ha fornito un'indicazione comune lasciando spazio alla cacofonia degli annunci individuali di sospensione cautelare dei collegamenti con il Regno Unito decisi fin da ieri da quasi tutti i Paesi membri; mentre a Londra Boris Johnson si sforza di allontanare l'ombra del panico, giurando che le scorte degli alimentari, dei prodotti essenziali, dei farmaci e – non ultimo – dei vaccini anti-coronavirus non sono a rischio, a dispetto degli allarmi su un potenziale incrocio devastante alle frontiere doganali fra questa ennesima allerta sanitaria di fine 2020 e le potenziali conseguenze di un no deal commerciale con Bruxelles sempre più incombente negli affannosi negoziati sulla Brexit.

Il premier Tory ha reagito alla bufera convocando una riunione straordinaria del comitato di emergenza Cobra per fare il punto su una situazione su cui il Labour di Keir Starmer torna ad accusarlo di aver "perso il controllo", evocando lo spettro di un caos nazionale fra Natale e Capodanno. Poi, in un ennesimo briefing serale da Downing Street, si è rivolto al Paese e alla comunità internazionale, con il ministro dei Trasporti Grant Shapps e con il professor Patrick Vallance, consigliere scientifico capo del governo, per rassicurare. Ha spiegato che l'incubo degli scaffali vuoti non ha ragion d'essere, almeno per ora, poiché il Regno ha stock di alimentari e altre merci vitali "solidi e robusti", mettendo in guardia contro qualsiasi corsa all'accaparramento nei supermercati.

Ha quindi aggiunto di comprendere "pienamente le ansie dei nostri amici" in Europa e nel mondo per la mutazione del coronavirus individuata nelle ultime settimane a partire dal sud dell’Inghilterra – ma chissà se originata oltremanica o altrove – grazie alla mappatura del Dna condotta su una percentuale significativa di persone testate positive al Covid; non senza lasciare però intendere che se le cautele temporanee relative al traffico passeggeri sono perfettamente giustificabili, lo stop ai camion merci "con un singolo autista a bordo" imposto in particolare dalla Francia (ma non dalla Svizzera) rappresenta una risposta a "rischi molto bassi". Un provvedimento che del resto, ha notato, colpisce a oggi non più del 20% delle importazioni dal Vecchio Continente concentrate nel porto di Dover; e che il grosso delle spedizioni di "cibo, medicinali e rifornimenti continuano ad andare e venire normalmente".

Il tutto sullo sfondo di uno stallo negoziale con l'Ue sul dopo Brexit ad appena dieci giorni dalla scadenza della fase di transizione post divorzio, della quale BoJo e i suoi continuano a escludere categoricamente la benché minima proroga: a dispetto del rilancio degli appelli in extremis dei partiti di opposizione, indipendentisti scozzesi in testa, e anche a rischio di un no deal, il cui effetto – intrecciato con l'ultima emergenza Covid – potrebbe davvero innescare il caos alle dogane. In ogni caso il governo Tory assicura d'essere già al lavoro "in stretto contatto con i partner" per definire protocolli sanitari ad hoc utili a consentire sia una ripresa immediata dei transiti cargo sulla rotta Calais-Dover, sia un graduale ripristino dei voli e dei treni passeggeri, al momento sospesi quasi totalmente per gli arrivi dal Regno e decimati anche sul fronte dei rientri, con masse di viaggiatori bloccati su una sponda e sull'altra e costretti a cambiare i piani natalizi.

A dare un minimo di sponda agli incoraggiamenti del primo ministro britannico vi sono le indicazioni degli scienziati, che seppur prudenti sugli sviluppi tutti da verificare della variante inglese, e preoccupati per la sua apparente velocità di trasmissione, insistono nell’evidenziare come non vi siano elementi tali da far pensare che questa mutazione sia più letale delle precedenti (cosa che sembrano testimoniare i dati odierni dello stesso Regno, con un numero ancora elevato di casi quotidiani, oltre 33,ila, ma un calo dei morti nelle 24 ore a 215, circa la metà dell'Italia). Né che possa resistere ai vaccini anti-Covid, come fa eco fra gli altri l'agenzia del farmaco europea, che ieri ha peraltro approvato la commercializzazione di quello Pfizer-Biontech. D‘altronde proprio il Regno Unito ne ha avviato la distribuzione in anticipo su tutti gli altri Paesi occidentali, come ha rivendicato Johnson con orgoglio, annunciando il superamento del mezzo milione di dosi somministrate.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brexit coronavirus covid-19 vaccini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved