in-danimarca-sesso-senza-consenso-stupro
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’

Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
7 ore

Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri

La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
8 ore

‘È in ritardo’, torna indietro la prima nave ucraina con il mais

Partita da Odessa per il Libano, l’acquirente non ha voluto farla attraccare e si è infine diretta verso la Turchia
pacifico
8 ore

La Cina chiude le manovre a Taiwan, ma la tensione resta alta

Pechino ha ribadito il proposito di prendere il controllo dell’isola anche con la forza, se necessario. Per Taipei non ci sarà alcuna riunificazione
la guerra in ucraina
8 ore

Kiev, a Zaporizhzhia il rischio di una nuova Fukushima

‘I russi danneggiano la centrale’. Zelensky azzarda: ‘Libereremo la Crimea’
Estero
8 ore

Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’

L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
Estero
9 ore

Naufragio nell’Egeo, sono 50 i profughi dispersi in mare

Sulla barca salpata dalla Turchia, diretta in Italia, c’erano circa 80 persone. Intanto gli sbarchi sulle coste italiane entrano nella campagna elettorale
italia
9 ore

Niente calcio in piazza, arriva la protesta dello smartphone

A Melendugno, nel Salento, bambini incollati al cellulare per contestare la decisione di vietare i giochi col pallone nel centro abitato
Estero
10 ore

Rinuncia all’eredità di 4 miliardi: ‘Potrei non essere felice’

Marlene Engelhorn, discendente del fondatore del colosso Basf: sua nonna è al 687º posto nella classifica dei più ricchi del mondo stilata da Forbes
Estero
11 ore

Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York

L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro sé stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
13 ore

Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera

Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
16 ore

Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese

La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
16 ore

Morto il beluga che si era smarrito nella Senna

Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
17 ore

Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza

Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
17 ore

Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi

Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
18.12.2020 - 18:04
Aggiornamento: 19:06

In Danimarca, sesso senza consenso = stupro

Si tratta di un importante cambio di paradigma rispetto allo stupro inteso solo come violenza fisica. Anche in Svizzera c'è chi chiede una riforma

In Svizzera diverse associazioni lo chiedono da anni, in Danimarca dal primo gennaio sarà legge: potrà essere considerato stupro qualsiasi atto sessuale che si dimostri avvenuto senza consenso, senza dover necessariamente fornire anche le prove di violenze fisiche, di minacce o dell’incapacità di respingere l’aggressore, come si pretendeva finora. Questo dovrebbe permettere di tutelare meglio le vittime, stimate dalle autorità in oltre 10mila all’anno in uno Stato con meno di sei milioni di abitanti. La riforma è stata approvata ieri all’unanimità dal Folketing, il Parlamento unicamerale. “Ora è chiaro che se non c’è il consenso di entrambi, è stupro”, ha commentato il ministro della Giustizia Nick Haekkerup, socialdemocratico. Anche il Partito conservatore ha sostenuto la nuova legge, dopo una lunga campagna avviata da Amnesty International: nel 2008, l’ong attiva nella difesa dei diritti umani aveva già fornito abbondanti prove del fatto che meno della metà delle denunce in materia arriva in tribunale e sono pochissime le condanne. Il tutto, in un Paese nel quale si stima che più di quattro casi su cinque passino completamente sotto silenzio (i dati nel resto d'Europa, d‘altronde, non sono più incoraggianti).

Una nuova cultura

Quello danese è un cambio di paradigma culturale, oltre che legale: spostando la definizione di stupro dalla violenza in quanto tale alla mancanza di consenso, dovrebbe permettere agli inquirenti e alle corti di agire con maggiore efficacia, e incoraggiare le vittime a farsi avanti. L’idea è che lo stupro sia, come ha spiegato la giornalista danese Kirstine Holst al ‘New York Times’, “una violenza in sé, per cui non c’è bisogno di provarne altre”. Ovviamente l’onere della prova continua comunque a incombere sul denunciante, ma d’ora in poi i giudici non saranno costretti a sanzionare solo i casi più brutali. “Un sacco di gente in Danimarca pensa ancora che uno stupratore sia qualcuno che salta fuori da un cespuglio per aggredirti mentre torni a casa di notte, e perfino certe vittime non considerano stupro il sesso forzato”, ha detto allo stesso quotidiano Beck Hansen, presidente della Società delle donne danesi; “Adesso diventa una questione di consenso, di dir di sì”.

La riforma sarà accompagnata dalla creazione di una linea telefonica per le vittime attiva 24 ore al giorno sette giorni su sette, e da cambiamenti nei corsi di educazione sessuale a scuola; potrebbe inoltre avere un impatto sull’operato della polizia, spesso accusata di verificare i fatti con un approccio troppo legato a vecchi stereotipi e tale da intimidire chi vi si rivolge.

Un Paese avanzato. O no?

La Danimarca è considerata da tempo uno dei Paesi più avanzati in termini di uguaglianza di genere. Eppure è solo la dodicesima nazione in Europa a introdurre una legge di questo tipo: arriva più tardi della Svezia, ma anche di Belgio, Croazia, Cipro, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Lussemburgo, Malta e Regno Unito. La Francia ha invece respinto il principio del consenso in occasione di una recente riforma. A trainare il cambiamento è anche l’adesione alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, meglio nota come Convenzione di Istanbul.

Commentando la situazione danese, che vede oltre la metà delle vittime avere meno di 25 anni, Amnesty ha parlato l’anno scorso di “cultura diffusa dello stupro e impunità endemica”. La legge aveva già criminalizzato lo stupro domestico e la costrizione delle vittime indifese nel 2013, includendo tra le fattispecie anche atti diversi dal rapporto sessuale completo. In precedenza,invece, neppure il sesso con una persona in stato d‘incoscienza rientrava nella definizione di legge.

Un appello per la Svizzera

Anche in Svizzera decine di organizzazioni chiedono una revisione del codice penale con l’introduzione del principio del consenso, attraverso la revisione degli articoli 189 (coazione sessuale) e 190 (violenza carnale). Lo scorso giugno, 55 associazioni tra le quali Amnesty International, Alliance F, Salute Sessuale Svizzera e Terre des femmes hanno pubblicato un appello per muoversi in questa direzione. Da noi intervistata su ‘laRegione’ del 10 dicembre, la direttrice generale di Amnesty in Svizzera Alexandra Karle aveva segnalato la riforma come priorità a livello nazionale per il 2021, in modo che “si possa davvero riconoscere che un no è un no”. Al momento dell’appello, aveva spiegato: “La legge attuale non permette alla stragrande maggioranza delle persone colpite di ottenere giustizia. La maggior parte degli aggressori non deve ricorrere alla violenza perché sfrutta lo smarrimento della vittima e il rapporto di fiducia”.

Un sondaggio dell’istituto gfs.bern del 2019 mostra la preoccupante diffusione anche in Svizzera degli atti sessuali non desiderati: il 22% delle donne interrogate ha dichiarato di averne già subiti, mentre il 12% denuncia rapporti sessuali contro la sua volontà. Di chi si è dichiarato vittima, solo l’8% ha presentato una denuncia.

Leggi anche:

La giornata mondiale dei diritti umani e la pandemia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consenso danimarca riforma stupro violenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved