il-re-di-svezia-sul-covid-abbiamo-fallito
Keystone
Il re ha parlato
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Trovati i corpi di 20 giovani in un nightclub in Sudafrica

Le vittime non presentano ferite. Non sono ancora note le cause dei decessi.
Estero
2 ore

Ucraina: attacco missilistico su Kiev

La capitale non veniva colpita da bombardamenti da circa tre settimane. Il sindaco: ‘La Russia cerca di intimidire gli ucraini prima del vertice Nato’
Estero
2 ore

Oms: il vaiolo delle scimmie non è ora un’emergenza sanitaria

Dall’inizio di maggio è stato rilevato un aumento dei casi lontano dai Paesi dove la malattia è da tempo endemica.
Estero
16 ore

‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’

La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
20 ore

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
1 gior

Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’

Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
Estero
1 gior

Kiev: ‘Dalla Bielorussia lanciati missili contro Chernihiv’

L’attacco alla regione ucraina sarebbe avvenuto intorno alle 4 di questa mattina (ora svizzera)
Estero
1 gior

Borrell arrivato in Iran per rilanciare l’accordo sul nucleare

L’alto rappresentante per politica estera dell’Ue cercherà di convincere il Paese a firmare l’intesa
Estero
1 gior

Sparatoria a Oslo: due morti e 14 feriti. Arrestato un uomo

L’attacco è avvenuto in tre luoghi vicini: il club gay London Pub, il jazz club Herr Nilsen e un punto vendita di cibo da asporto.
17.12.2020 - 20:28

Il re di Svezia: sul Covid abbiamo fallito

Carlo XVI Gustavo liquida il ‘modello’ svedese. Polonia in lockdown tre settimane. Germania, record di 30mila casi.

Roma – Il modello svedese nella battaglia al Covid ha "fallito". L'accusa arriva dalla più alta carica del Paese scandinavo, re Carlo, che ha bocciato la strategia del governo di puntare ad una sorta di immunità di gregge senza chiudere nulla. Unico caso in Europa, tornata a blindarsi sotto i duri colpi della seconda ondata della pandemia. Come la Germania, arrivata alla cifra record di 30mila contagi in un giorno, o la Polonia, pronta ad entrare in lockdown per tre settimane.

Il 2020 si chiuderà con numeri devastanti per l'Europa, la prima regione del mondo a superare il mezzo milione di morti, con oltre 23 milioni di contagi. E la storia della pandemia ha insegnato che il calo della curva è arrivato soltanto adottando rigide restrizioni alla mobilità e ai contatti.

‘Il popolo ha sofferto tremendamente’

La Svezia, al contrario, ha puntato sul senso di responsabilità dei cittadini. Oltre a non aver imposto il lockdown, il governo ha emesso soprattutto delle raccomandazioni e pochissime limitazioni. Negozi, scuole, bar e ristoranti non hanno mai chiuso. Tutto questo però ha portato a 350mila contagi e 7'800 vittime, un'enormità per un Paese di 10 milioni di abitanti. Mentre nei giorni scorsi le terapie intensive a Stoccolma sono arrivate quasi al collasso. E' stato un "anno terribile", ha sottolineato il 74enne re Carlo in un'intervista, mettendo il governo di fronte ai suoi errori: "Penso che abbiamo fallito, il popolo ha sofferto tremendamente". Anche il figlio del sovrano e sua moglie, il mese scorso, erano risultati positivi.

Numero record di contagi in Germania

Svezia a parte, strumenti come il lockdown, le zone rosse ed il coprifuoco sono stati ripristinati in quasi tutta Europa, di fronte ad una curva di nuovi contagi ancora troppo alta. In Germania sono stati oltre 30mila in un giorno, per la prima volta dalla comparsa del virus. Al culmine di una lunga progressione che ha convinto le autorità centrali, in accordo con le regioni, a ripristinare un blocco nazionale per tutte le feste natalizie.

Alla lista dei Paesi tornati al lockdown, dall'Olanda alla Slovacchia, si è aggiunta oggi anche la Polonia, che chiuderà per tre settimane del 28 dicembre al 17 gennaio: preoccupa il numero dei decessi, che oscillano tra i 400 e i 600 al giorno.

In Gran Bretagna il regime di semi-isolamento, con bar e ristoranti chiusi e contatti sociali ristretti, ormai riguarda quasi 38 milioni di persone. Il governo ha esteso l'area delle zone rosse, considerate ad alto rischio di trasmissione del virus, mentre l'Irlanda del Nord si avvia ad una chiusura totale di sei settimane. In tutto il Paese, nelle ultime 24 ore, i contagi sono balzati ad oltre 35mila.

Non ci resta che chiudere

Anche in diverse regioni spagnole, come Catalogna, Andalusia e Navarra, i contagi sono tornati a crescere e le autorità locali non hanno escluso ulteriori strette per scoraggiare gli spostamenti di Natale. In Italia e Francia (dove Macron è risultato positivo) l'allerta è massima. Chiudere adesso sembra l'unica arma, con buona pace degli svedesi. Perché le vaccinazioni nell'Ue inizieranno tra 10 giorni e ci vorranno mesi per mettere la popolazione in sicurezza.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
covid germania lockdown pandemia svezia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved