usa-2020-trump-non-molla-e-confida-nella-corte-suprema
'Hanno truccato le elezioni ma vincerò' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
1 ora

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
2 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
6 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
8 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
9 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
17 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
19 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
19 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
06.12.2020 - 19:40
Aggiornamento : 20:07

Usa 2020, Trump non molla e confida nella Corte suprema

Davanti a una folla esultante, in gran parte senza mascherina, il tycoon non desiste dalle accuse di brogli e rilancia la sua battaglia

Ats, a cura de laRegione

"Hanno truccato le elezioni ma vincerò". Ad oltre un mese dall'"election day", il presidente in carica degli Usa Donald Trump non desiste dalle accuse di brogli e rilancia la sua battaglia nel suo primo comizio postvoto, parlando all'aperto per quasi due ore davanti a una folla esultante di circa diecimila persone, in gran parte senza mascherina, proprio mentre molte regioni della California finiscono sotto lockdown.

È volato con la moglie Melania a Valdosta, Georgia, per sostenere i due senatori repubblicani uscenti David Perdue e Kelly Loeffler nei ballottaggi testa a testa del 5 gennaio, che potrebbero mettere l'intero Congresso nelle mani dei democratici spianando la strada all'agenda del presidente eletto Joe Biden.

Ma il presidente uscente ha usato il rally prima di tutto per denunciare il presunto voto fraudolento, proiettando anche due filmati di emittenti conservatrici che evocano un sinistro complotto per manipolare il risultato. "Lo sapete, ho vinto in Georgia", ha esordito, ignorando che anche il secondo riconteggio attribuisce per 12'000 voti la vittoria a Biden, primo presidente democratico a riconquistare questo Stato dopo Bill Cinton nel 1992. Lo stesso segretario di Stato Brad Raffensperger ha ribadito oggi che non "ci sono stati brogli di massa" e che nel Peach State "Donald Trump ha perso".

"Hanno manipolato le elezioni presidenziali ma vincerò lo stesso", ha insistito The Donald, svelando a cosa sono appese le sue speranze: "Forse la Corte suprema e i parlamenti statali interverranno e salveranno il Paese".

Il presidente confida quindi nel massimo organo giudiziario degli Usa, dove ha cementato una maggioranza conservatrice nominando tre giudici di destra, e nella possibilità che le legislature controllate dai repubblicani, facendosi beffa del risultato, nominino elettori a suo sostegno in vista del 14 dicembre, quando si riuniranno per eleggere formalmente il presidente.

"Non voglio attendere il 2024, voglio tornare tre settimane indietro", ha chiarito, alludendo nuovamente ad una sua possibile ricandidatura. Ma appare improbabile che la Corte suprema o singoli Stati ribaltino l'esito del voto, dopo che anche il ministro della giustizia Barr ha escluso brogli di massa e la California ha certificato il voto assicurando formalmente a Biden il quorum previsto dei grandi elettori.

Trump ha provato a chiedere anche al governatore repubblicano della Georgia Brian Kemp di convocare una sessione speciale del parlamento statale ma la risposta è stata negativa. Idem sul controllo delle firme del voto anticipato. Per questo nel comizio lo ha attaccato duramente, suscitando i "buu" della folla e alimentando la spaccatura nel partito. Poi ha ammonito i suoi sostenitori ad andare a votare ai ballottaggi "forse più importanti nella storia americana" perché "il controllo del Senato significa il controllo del Paese".

"Se vinceranno i democratici l'America rischia una deriva socialista", ha ammonito prima di far salire sul palco i due candidati del partito, entrambi nel mirino per sospetti di insider trading. Ma molti repubblicani temono che le sue accuse di brogli possano scoraggiare la base, convincendola che tanto le elezioni sono truccate.

Nel suo comizio Trump ha attaccato anche il figlio di Biden, Hunter, definendolo "un aspirapolvere umano" che ruba soldi a vari Paesi. E ha accusato falsamente i democratici di aver suggerito che il Covid-19 non è cinese ma viene dall'Italia. Tesi mai espressa da nessun esponente del partito di Biden.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved