la-brexit-ritorna-in-bilico-c-entra-anche-la-francia
il premier britannico Boris Johnson (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
21 min

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
3 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
5 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
5 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
6 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
LIVE

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
17 ore

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
20 ore

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
21 ore

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
1 gior

Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet

Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
1 gior

La Cina contro Blinken: ‘Il suo discorso ci infanga’

La Cina reagisce alle parole del segretario di Stato americano secondo cui Pechino è ‘la sfida a lungo termine più seria per l’ordine internazionale’
Estero
1 gior

Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola

Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Speciale Ucraina
1 gior

Biden non si ferma: pronto a inviare armi più potenti a Kiev

Obiettivo: arginare la lenta ma progressiva avanzata dei russi nel Donbass dove l’esercito ucraino comincia a scontare l’inferiorità di uomini e mezzi
04.12.2020 - 21:47
Aggiornamento : 22:21

La Brexit ritorna in bilico (c'entra anche la Francia)

Johnson e von der Leyen cercheranno domani di salvare la partita. Parigi: ‘Se l'accordo non sarà buono ci opporremo’

Ansa, a cura de laRegione

Saranno il premier britannico, Boris Johnson, e la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, a cercare di sbloccare domani in extremis, in un colloquio telefonico a due, i nodi irrisolti del negoziato fra Londra e Bruxelles sulle relazioni post Brexit. Lo hanno annunciato in un comunicato congiunto i capi negoziatori delle due parti, David Frost e Michel Barnier, a conclusione di un'altra lunga giornata di trattative conclusa senza un'intesa finale sul testo di un accordo di libero scambio che in queste ore appare più in bilico che mai. Frost e Barnier scrivono che al momento "non ci sono le condizioni" per chiudere la partita, date "le significative divergenze" sui punti di frizione ormai noti: il cosiddetto level playing field, la pesca e la governance sui contenziosi futuri. "Su queste basi - precisano - si è concordato di mettere in pausa i colloqui" in modo da poter "aggiornare i Principali" , vale a dire i rispettivi leader politici, sulla situazione: situazione su cui "la Presidente von der Leyen e il Primo Ministro Johnson discuteranno" sabato pomeriggio.

L'accordo, che appariva a un passo, resta dunque irraggiungibile, per ora. Con l'ombra del temuto no deal all'orizzonte, se dai vertici politici non arriverà la spinta verso un compromesso all'ultimo tuffo. Che il negoziato fosse entrato in "una fase molto difficile", al bivio finale mentre stanno per scadere anche i tempi supplementari, lo aveva del resto anticipato un portavoce di Downing Street fin da metà giornata. E a pesare non sono solo le residue linee rosse delle due parti sui dissidi cruciali rimasti da districare, ma pure l'improvvisa minaccia di Parigi di "un veto" in caso d'intesa insoddisfacente per la Francia su uno dei temi in sospeso: quello dei diritti di pesca europei nelle acque d'interesse nazionale britannico. I dossier rimasti in mano ai team capitanati da Barnier e Frost in quest'ennesima settimana di discussioni "intense" tenutesi stavolta alla Londra alla ricerca della quadratura del cerchio, si trasferiscono in ogni caso adesso su un altro piano. Da quello tecnico a quello politico, per verificare se vi sia la possibilità di arrivare almeno con un colpo di coda a un trattato di libero scambio accettabile per tutti.

Trattato che se non eliminerà certo tutte le conseguenze della Brexit, potrebbe almeno allontanare l'incubo di un caos commerciale tanto devastante sulla carta per il Regno quanto inquietante anche per i 27, a maggior ragione nel combinato disposto con lo tsunami dell'emergenza Covid. I temi più spinosi sul tavolo - a meno di un mese dalla fine della transizione fissata per il 31 dicembre - sono i soliti: la pesca, questione di nicchia in termini di valore economico generale ma di grande importanza per nazioni rivierasche quali Francia o Danimarca; e il level playing field, ossia l'allineamento che Bruxelles vorrebbe da Londra sugli aiuti di Stato e su norme come quelle relative alle tutele ambientali o ai diritti dei lavoratori a garanzia d'una futura concorrenza leale, ma che il governo di BoJo non vuole sia trasformato in una perdurante sudditanza alla legislazione Ue in barba alla ritrovata "sovranità". Mentre va chiarito pure quale a organismo giuridico terzo demandare le dispute dell'avvenire. Di fatto si tratta del 5% d'un testo che per il restante 95% pare concordato.

Ma più che sufficiente - date le questioni di principio, d'interesse, di bandiera, d'immagine in ballo e i tempi stretti - a far saltare ancora il banco. "Siamo impegnati a lavorare duro - aveva assicurato stamane un portavoce del premier Tory brexiteer - per cercare di raggiungere un accordo con l'Ue. Ci sono tuttavia ancora alcune questioni da risolvere e il tempo rimasto è poco, per questo siamo a uno stadio molto difficile delle trattative. Ciò che è certo - aveva però ammonito - è che noi non potremo firmare un deal che non rispetti i principi fondamentali sulla sovranità, sulla pesca e sul recupero del controllo". Parole a cui si era contrapposto, dall'altra sponda della Manica, l'avvertimento di segno uguale e contrario della Francia di Emmanuel Macron, affidato a Clément Beaune, sottosegretario agli Affari Europei: "Se l'accordo non sarà buono - il suo secco messaggio - noi ci opporremo. Ogni Paese ha diritto di veto".

Mentre da Berlino rimbalzava l'ultimo tentativo di mediazione dei toni tedesco: col doppio richiamo del portavoce di Angela Merkel da un lato a "un compromesso ancora possibile", dall'altro alla puntualizzazione che un accordo che non potrà essere "a qualsiasi prezzo" dato il rapporto di forza di 27 a 1. Sia come sia, difficile immaginare che il dilemma resti sospeso fino a lunedì. Giorno nel quale il governo Johnson ha in programma di riportare alla Camera dei Comuni - per aggirare il veto di quella non elettiva dei Lord - il testo del contestato Internal Market Bill, che rivendica al Regno il potere di violare il diritto internazionale e modificare unilateralmente alcuni punti dell'intesa di divorzio raggiunta faticosamente l'anno scorso con l'Ue (in particolare sui controlli ai confini irlandesi), in assenza di svolte sui commerci futuri. Legge che, se approvata definitivamente, potrebbe segnare davvero il punto di non ritorno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brexit concorrenza francia gran bretagna johnson macron pesca regno unito
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved