il-natale-blindato-dell-italia-di-conte
Conte con la prima ministra estone in visita Kersti Kaljulaid (Keystone)
02.12.2020 - 23:29

Il Natale blindato dell'Italia di Conte

Coprifuoco alle 22, divieto di uscire dal proprio Comune il 25 e 26 dicembre, niente cenoni a ristorante per un Natale "diverso dagli altri"

I ristoranti aperti a pranzo anche a Natale e Capodanno, il coprifuoco alle 22 e il divieto di cenoni negli alberghi il 31 dicembre. E ancora, il divieto di spostarsi da una Regione all'altra se non per lavoro o salute, per raggiungere la residenza o per "necessità", autocertificate, come quella di "assistere un genitore solo". Il divieto di uscire dal proprio Comune il 25 e 26 dicembre. E la raccomandazione a non sedersi a tavola, anche dentro casa, nelle festività con persone non conviventi. Sarà un decreto del presidente del Consiglio, domani sera, a segnare i confini di quello che il ministro della Salute Roberto Speranza annuncia al Parlamento come un Natale "diverso dagli altri".

La linea dura del governo è acclarata: dal 21 dicembre al 7 gennaio (ma le date potrebbero ancora variare) limitazione degli spostamenti e "lotta" agli assembramenti, anche sulle piste da sci. Ma non tutto è deciso, a partire dalla scuola. E su quanto debba essere davvero dura in concreto la linea, va in scena fino all'ultimo un durissimo braccio di ferro: al Senato esplodono le tensioni nella maggioranza, Italia viva e una minoranza del Pd chiedono di permettere i ricongiungimenti familiari anche fuori regione e allentare la morsa del Natale. Il premier Giuseppe Conte porta a tarda sera in Consiglio dei ministri un decreto legge per definire il perimetro delle nuove restrizioni, a partire dal divieto degli spostamenti. Il decreto servirà anche a consentire al prossimo decreto di durare più di trenta giorni (si discute se porre il limite a 45, 50 o 60), per poter coprire le festività almeno fino alla Befana.

Per piegare la curva evitando il lockdown generale, spiega il ministro della Salute, vanno evitati gli assembramenti nelle località sciistiche e limitati gli spostamenti internazionali. Si sta invece valutando – e Luigi Di Maio dal M5s auspica che sia così – di riportare in classe a dicembre i ragazzi delle superiori, magari riducendo la didattica a distanza dal 14 dicembre. Per il resto, il governo prevede: divieto di uscire dal Comune il 25-26 dicembre e 1 gennaio, stop alle crociere, quarantena per chi rientra dall'estero, apertura degli alberghi in tutta Italia, ma con chiusura alle 18 dei loro ristoranti la sera del 31 dicembre.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
decreto dicembre divieto italia natale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved