gantz-molla-netanyahu-nuove-elezioni-in-vista-a-israele
Gantz e Netanyahu, sempre più lontani (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 min

L’Oms avverte: possibili gravi conseguenze da variante Omicron

L’avvertimento è contenuto in un documento tecnico pubblicato oggi dall’Oms. Nessun decesso legato alla variante segnalato finora
Estero
1 ora

Etna, soccorritore morto durante un intervento di salvataggio

Un appartenente al Soccorso alpino e speleologico siciliano è morto per cause non precisate durante il recupero di un escursionista caduto in un canalone
Estero
1 ora

Olanda, fuggono da un hotel di quarantena: arrestati sull’aereo

La coppia era stata posta in quarantena dopo l’arrivo dal Sudafrica
Estero
2 ore

Paura Omicron, il Giappone chiude le frontiere agli stranieri

Lo ha annunciato oggi il governo nipponico. Il paese era ancora chiuso ai turisti ma aveva riaperto a inizio mese a viaggiatori d’affari e studenti
Estero
11 ore

Barbados diventa Repubblica e rimpiazza Elisabetta

Il 30 novembre, a 50 anni dall’indipendenza dal Regno Unito, s’insedierà la prima presidente. Alla cerimonia parteciperà anche il principe Carlo.
coronavirus
14 ore

Avanza la variante Omicron, un caso sospetto in Svizzera

Gli esperti: ‘Più contagiosa, ma meno pericolosa’. Israele chiude i confini e aumentano i casi rilevati in Europa
Estero
14 ore

Frontex, sorvoli per evitare altri morti nella Manica

Vertice sui migranti senza il Regno Unito, ma Parigi tende la mano: ‘Lavoriamo tutti assieme’
stati uniti
14 ore

Spara col fucile per gioco e uccide l’amico di 5 anni

A premere il grilletto un ragazzino di appena 13 anni, portato in carcere dalla polizia. Aumentano le vendite di armi negli Usa
Estero
20 ore

Moderna: se necessario, un nuovo vaccino pronto a inizio 2022

La casa farmaceutica precisa che serviranno circa due settimane per un’idea precisa sull’efficacia dei vaccini contro la variante Omicron
Estero
01.12.2020 - 22:530

Gantz molla Netanyahu: nuove elezioni in vista a Israele

Blu Bianco si sgancia dal governo di coalizione a sette mesi dalla nascita del contrastato esecutivo di coalizione.

Blu Bianco si sgancia dal governo di coalizione con Benyamin Netanyahu. A sette mesi dalla nascita del contrastato esecutivo di coalizione con l'ex avversario di ben 3 elezioni, il leader centrista Benny Gantz ha sciolto i dubbi annunciando che domani il partito voterà la sfiducia presentata dall'opposizione di Yair Lapid alla Knesset. Se questa passerà i tre gradi di lettura in Parlamento, Israele tornerà a marzo alle urne: le quarte in poco più di due anni.

'Non rispetta gli impegni'

Gantzha accusato Netanyahu di "non rispettare gli impegni" denunciando che il premier è immerso "in un tentativo di sopravvivenza per sfuggire al suo processo" per corruzione, frode e abuso di potere in tre distinte inchieste giudiziarie. "Ho deciso - ha aggiunto - che Netanyahu non guidi questo governo". L'ex capo di stato maggiore prestato alla politica non ha tuttavia chiuso tutte le porte: l'unica possibilità per evitare che il governo cada e che si torni al voto è quella di "far passare la finanziaria entro i tempi stabiliti". Una mossa che però Netanyahu ha finora accuratamente evitato pur nella consapevolezza che se il bilancio statale non sarà approvato entro il 23 dicembre, la Knesset sarà automaticamente sciolta e il paese andrà alle urne.

Un'ultima via d'uscita

Il tempo per una mediazione in un governo che finora si è diviso quasi su tutto in teoria ci sarebbe, visto che la mozione (appoggiata anche da parte della destra di Naftali Bennett) deve ottenere la maggioranza alla Knesset passando ben tre letture. Il passo di Gantz - secondo alcuni analisti - complica però di molto la situazione. Il premier ha rivolto un appello estremo a Gantz perchè recedesse dall'intenzione. "Noi - ha detto - voteremo domani contro la mozione. In nome dell'unità chiedo a Gantz di fare lo stesso. Non abbiamo bisogno di elezioni adesso. Abbiamo compiti da portare a termine. Bisogna farlo tutti insieme ed è difficile farlo durante le elezioni". Appello però caduto nel vuoto.

Una poltrona per due

In realtà in dissidio tra il Likud del premier e Blu Bianco è nato il giorno stesso del varo del governo di unità nazionale: quell'unione è sembrata subito contro natura per due leader che avevano predicato in 3 campagne elettorali di essere alternativi l'uno all'altro. Gantz in conferenza stampa ha difeso la sua scelta di sette mesi fa di aderire all'esecutivo di coalizione con Netanyahu nonostante avesse ottenuto dal voto più seggi alla Knesset. Una decisione che all'epoca provocò la scissione con il suo maggior alleato Yair Lapid, da allora capo dell'opposizione. "Ho fatto quella scelta - ha ammesso Gantz - con cuore pesante. Lo imponeva l'emergenza covid, ma non ho mai avuto illusioni su Netanyahu". Così come è sembrato a molti, a cominciare da Blu Bianco, che Netanyahu non avrebbe mai rispettato l'impegno di cedere - come prevedeva l'accordo di governo - la premiership dopo un anno e mezzo di governo.

Gantz nei mesi scorsi ha lamentato più volte il blocco voluto da Netanyahu nelle nomine ai vertici dell'amministrazione pubblica d'Israele, compreso il capo della polizia. Così come il fatto di essere stato tenuto all'oscuro di alcuni passi fondamentali del premier, tra cui l'incontro segreto con il principe bin Salman. Ora ha deciso e da domani incomincia il primo passo di quello che potrebbe essere il girone finale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved