laRegione
etiopia-ultimatum-scaduto-pronto-l-assalto-finale-al-tigre
Keystone
Il campo profughi di Um Rakuba, nel Sudan orientale
ULTIME NOTIZIE Estero
ITALIA
25 min

Conte incassa la fiducia alla Camera, ma il nodo è al Senato

Domani si decide, probabile un Conte ter sostenuto solo da una maggioranza relativa. Renzi resta chiuso fuori
GALLERY
Estero
45 min

9mila migranti a piedi verso gli Stati Uniti

Vengono dall'Honduras per sfuggire alla povertà, alla disoccupazione e alle disastrose conseguenze di due uragani
Estero
2 ore

Donald Trump grazia i suoi amici prima di andarsene

È un elenco infinito di nomi, almeno cento, quello che in queste ore giace sul Resolute Desk, la scrivania dello Studio Ovale
Estero
2 ore

Covid-19, le Nazioni unite bocciano Cina e Oms

A formulare le critiche questa volta è il team incaricato dalla stessa agenzia delle Nazioni Unite. Rilevati ritardi e incoerenze
Corea del Sud
4 ore

Samsung senza leader, l'erede condannato per corruzione

Lee Jae-yong, vice presidente di Samsung Electronics, è stato condannato a 30 mesi di carcere per corruzione e appropriazione indebita
Stati Uniti
6 ore

Con Biden stop alle esecuzioni per reati federali

Lo scrive Politico. Le condanne a morte per reati federali erano state ripristinate da Trump dopo una pausa di 17 anni
Russia
6 ore

Per Navalny disposti 30 giorni di arresto

L'udienza è avvenuta all'interno della stazione numero 2 del dipartimento del ministero dell'Interno russo a Khimki. Lo riporta Kira Yarmish su Twitter.
Estero
7 ore

Cina, ambulante manda in lockdown 3 milioni di persone

L'uomo, asintomatico, aveva attraversato due città della provincia nord-orientale di Jilin, Gongzhuling e Tonghua, causando un picco di oltre cento casi
Confine
7 ore

In dogana dichiara il pitone, ma nasconde il ragno nero

La sorpresa a bordo di un'auto di grossa cilindrata al valico di confine di Piaggio Valmara-Brissago
Estero
26.11.2020 - 19:550

Etiopia, ultimatum scaduto: pronto l’assalto finale al Tigrè

Il premier Abiy Ahmed annuncia l’attacco definitivo alla regione ribelle. Il Fronte di liberazione tigrino promette una difesa a oltranza.

Il Cairo – Scaduto l'ultimatum di 72 ore lanciato domenica, il premier etiope Abiy Ahmed ha annunciato la "fase finale" dell'attacco al capoluogo della regione ribelle dei Tigrè: un nuovo sviluppo del conflitto in corso dal 4 novembre e in cui istituzioni internazionali e ong temono un gran numero di altre vittime civili. C'è inoltre il rischio di una destabilizzazione dell'intero corno d'Africa, inclusa la stessa Etiopia, il secondo Stato più popoloso d'Africa dopo la Nigeria.

"L'ultima porta pacifica che era rimasta da attraversare al Tplf", il Fronte di liberazione del popolo dei Tigrè, "ora è stata fermamente chiusa", ha twittato il premier.

L’Onu teme una pulizia etnica, Abiy Ahmed rassicura

L'Onu ha messo in guardia da potenziali pulizie etniche ma Abiy - premiato col Nobel l'anno scorso per la storica pace con l'arcinemica confinante Eritrea - si è impegnato a proteggere i civili (Macallè ha circa 500 mila abitanti), aree residenziali, siti storici, luoghi di culto e strutture pubbliche. In serata ha anche annunciato l'intenzione di aprire un corridoio per l'assistenza umanitaria.

Di fronte a questi impegni, le uniche esternazioni fornite dal Tplf parlano però di difesa a oltranza e di arruolamento di massa anche di civili.

Nelle tre settimane di conflitto vi sarebbero stati già centinaia di morti e circa 40 mila sfollati sono fuggiti in Sudan, dove peraltro Khartum non ha risorse per gestirli. Il dato sui profughi è dell'Onu, ma con le telecomunicazioni tagliate e gli accessi alla regione settentrionale al confine con l'Eritrea bloccati si nota una disinformazione tracimata anche su media internazionali.

Due anni di tensioni

La situazione si è creata con l'avvento al potere del 44enne Abiy nel 2018: due anni in cui la Regione con capitale Macallè si è ribellata attraverso diverse provocazioni come elezioni tenute a settembre nonostante un rinvio imposto a livello centrale a causa del Covid.

I tigrini non accettano il ridimensionamento imposto dal premier considerando che costituiscono solo un 6% degli oltre 110 milioni di etiopi e sebbene siano sempre stati al centro del potere e dell'economia dopo la caduta del regime militare nel 1991.

È chiaro però che in Etiopia ci sono già faglie di conflitti etnici che vanno oltre la questione del Tigrè, in quanto il Paese dell'Africa orientale è frammentato in oltre 90 etnie (una decina le principali, tra cui Oromo, Amhara, Somali, appunto i Tigrini e gli Afar).

Nel tentativo di superare l'attuale federalismo etnico attraverso un discorso unitarista basato sul concetto di "medemer" (parola che vuol dire "sinergia"), il premier ha chiaramente bisogno di rinsaldare consenso con le componenti Amhara e Oromo, che l'hanno spesso accusato di essere troppo morbido con le altre etnie o 'traditore' della propria (Abiy è oromo per parte di padre).

Intanto ad Addis Abeba sono giunti gli inviati della missione voluta dall'Unione africana per provare a mediare tra il governo federale e lo Stato regionale del Tigrè.
 
 

© Regiopress, All rights reserved