laRegione
turchia-oltre-330-condanne-all-ergastolo-per-i-militari-golpisti
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
45 min

Donald Trump grazia i suoi amici prima di andarsene

È un elenco infinito di nomi, almeno cento, quello che in queste ore giace sul Resolute Desk, la scrivania dello Studio Ovale
Estero
1 ora

Covid-19, le Nazioni unite bocciano Cina e Oms

A formulare le critiche questa volta è il team incaricato dalla stessa agenzia delle Nazioni Unite. Rilevati ritardi e incoerenze
Corea del Sud
2 ore

Samsung senza leader, l'erede condannato per corruzione

Lee Jae-yong, vice presidente di Samsung Electronics, è stato condannato a 30 mesi di carcere per corruzione e appropriazione indebita
Stati Uniti
5 ore

Con Biden stop alle esecuzioni per reati federali

Lo scrive Politico. Le condanne a morte per reati federali erano state ripristinate da Trump dopo una pausa di 17 anni
Russia
5 ore

Per Navalny disposti 30 giorni di arresto

L'udienza è avvenuta all'interno della stazione numero 2 del dipartimento del ministero dell'Interno russo a Khimki. Lo riporta Kira Yarmish su Twitter.
Estero
5 ore

Cina, ambulante manda in lockdown 3 milioni di persone

L'uomo, asintomatico, aveva attraversato due città della provincia nord-orientale di Jilin, Gongzhuling e Tonghua, causando un picco di oltre cento casi
Confine
6 ore

In dogana dichiara il pitone, ma nasconde il ragno nero

La sorpresa a bordo di un'auto di grossa cilindrata al valico di confine di Piaggio Valmara-Brissago
Confine
6 ore

Deroghe in zona rossa? Non per Como e Varese

I dati del coronavirus sono ancora alti. Continuano i controlli della polizia per far rispettare distanziamento e Dpcm
Estero
26.11.2020 - 19:020
Aggiornamento : 20:04

Turchia, oltre 330 condanne all’ergastolo per i militari golpisti

Pene severissime al maxi-processo contro gli autori del tentativo di colpo di stato nel 2016. Le dovranno scontare in regime di carcere duro.

Istanbul – Pioggia di ergastoli per i militari che cercarono di rovesciare Recep Tayyip Erdogan. A oltre 4 anni dal fallito colpo di stato in Turchia, in cui morirono oltre 250 persone e quasi 2'200 rimasero ferite, si è concluso con oltre 300 condanne uno dei principali maxi-processi contro i suoi autori, centrato sulle azioni eversive alla base aerea di Akinci, alla periferia di Ankara, che fu il quartier generale dei golpisti e dove l'allora capo di stato maggiore e attuale ministro della Difesa, Hulusi Akar, venne preso in ostaggio.

Per 337 degli oltre 450 imputati, un tribunale della capitale turca ha emesso condanne all'ergastolo, da scontare in regime di carcere duro. Tra questi ci sono molti ex alti ufficiali delle forze armate e diversi piloti dei caccia che la notte tra il 15 e il 16 luglio 2016 bombardarono alcuni dei luoghi simbolo delle istituzioni nazionali, tra cui il Parlamento e un'area vicina al palazzo presidenziale di Ankara. Per loro i capi d'accusa andavano da "tentato rovesciamento dell'ordine costituzionale" a "tentato omicidio del presidente della Repubblica" a "omicidio volontario".

Ergastoli anche a civili

A 79 ergastoli è stato condannato l'ex luogotenente colonnello Hasan Husnu Balikci, ritenuto l'uomo che ha sventrato con le bombe lanciate dal suo jet F-16 un'ala della Grande assemblea nazionale. Stessa pena per l'ex luogotenente Mustafa Mete Kaygusuz, accusato di aver dato gli ordini per i bombardamenti, e l'ex comandante alla base Nato di Incirlik, Bekir Ercan Van, che avrebbe fornito il carburante ai caccia. Un altro ex pilota, Muslim Macit, è stato giudicato colpevole dell'uccisione di 15 persone con un raid in cui lanciò due ordigni a caduta libera MK-82 nei pressi del palazzo di Erdogan.

Altri 60 imputati sono stati condannati a pene minori e 75 assolti. L'ergastolo è stato inflitto anche a diversi civili, tra cui l'uomo d'affari Kemal Batmaz, dipinto da anni dalle autorità turche come uno degli anelli di collegamento con l'imam e magnate Fethullah Gulen, l'ex alleato di Erdogan accusato di aver orchestrato il golpe e di cui la giustizia di Ankara ha chiesto ripetutamente e invano l'estradizione dagli Stati Uniti, dove è residente dal 1999. Il chierico musulmano, che guida una rete con milioni di accoliti nel mondo, si è sempre dichiarato innocente.

La repressione dopo il tentato golpe

La repressione del governo Erdogan dopo il putsch ha portato all'arresto di quasi centomila persone e all'epurazione di oltre 140 mila dipendenti pubblici. Un pugno di ferro favorito dai decreti dello stato d'emergenza, durato due anni, e che secondo le opposizioni ha colpito anche migliaia di dissidenti estranei al tentativo di golpe e storicamente avversari di Gulen. I processi conclusi in relazione a quegli eventi diventano almeno 290, con quasi 4500 persone condannate, di cui circa un terzo alla pena dell'ergastolo. Altri 9 processi sono ancora in corso, tra cui quello con oltre 500 imputati per i presunti atti eversivi della guardia presidenziale.

© Regiopress, All rights reserved