la-cina-e-il-coronavirus-da-untori-a-primi-della-classe
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Olanda
2 ore

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
5 ore

Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet

Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
6 ore

La Cina contro Blinken: ‘Il suo discorso ci infanga’

La Cina reagisce alle parole del segretario di Stato americano secondo cui Pechino è ‘la sfida a lungo termine più seria per l’ordine internazionale’
Estero
10 ore

Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola

Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
Speciale Ucraina
LIVE

Fra Kiev e Mosca resta il nodo dei colloqui

Per il negoziatore russo ‘i colloqui son di basso profilo ma continuano’. Zelensky: ‘Necessario parlare a Putin’. Segui il live de laRegione
Estero
20 ore

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
20 ore

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
22 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
1 gior

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
1 gior

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
1 gior

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
1 gior

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
Estero
1 gior

Uk, imposta una tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas

La misura è temporanea e servirà a contrastare l’aumento dei prezzi dell’energia
Estero
1 gior

‘Ora andare in discoteca mi mette ansia’

Su TikTok spopola la ‘Boiler summer cup’, una sfida a punti che premia chi riesce ad adescare le ragazze ritenute in sovrappeso
Estero
1 gior

Italia, dissequestrata la storica biblioteca dei Girolamini

I sigilli vennero messi dieci anni fa nell’ambito di un’inchiesta sul furto di migliaia di volumi antichi
Estero
1 gior

Trasporto aereo, aumentano i bagagli persi o in ritardo

Sono più di quattro ogni mille passeggeri le borse e valigie smarrite, giunte tardivamente, rubate o danneggiate
Estero
1 gior

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria
Confine
1 gior

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
1 gior

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
2 gior

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
2 gior

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
2 gior

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
laR
 
02.12.2020 - 10:57
Aggiornamento : 14:34

La Cina e il coronavirus: da untori a primi della classe

Dopo il primo focolaio a Wuhan, il paese è riuscito a domare la pandemia. Ne parliamo con un giornalista esperto dell'area

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

E quindi, la Cina? Era stata l’epicentro della pandemia, dipinta da mezzo mondo – non senza stereotipi e un certo compiacimento occidentale – come ‘untrice’. Ora invece si direbbe la prima della classe nella gestione del Covid-19, almeno dal punto di vista sanitario. Ma è davvero così? Ne parliamo con Gabriele Battaglia, collaboratore di Rsi, Radio Popolare e Internazionale, che ormai da un decennio lavora in Cina.

La Cina conta fino a oggi poco più di 90mila casi e 4'700 morti su 1,4 miliardi di cittadini. Per fare le proporzioni: gli Stati Uniti di contagi ne hanno avuti quasi 12 milioni, con oltre 250mila morti su meno di 330 milioni d’abitanti. Come ha fatto Pechino a superare il colpo iniziale?

Hanno messo in pratica con grande efficienza quanto imparato dalla prima fase, e hanno potuto contare su una forte mobilitazione popolare. Hanno saputo introdurre lockdown ‘duri’ – durante i quali davvero non puoi mettere il naso fuori di casa e sei costantemente controllato –, ma mirati e circoscritti, col coinvolgimento di comitati di base, di quartiere e di condominio per fornire supporto a chi si è trovato chiuso in casa; mentre tutto il resto è potuto proseguire. Un approccio che ha a che fare con il forte potere del partito, ma anche con una cultura diffusa che privilegia molto la sicurezza rispetto alla libertà.

C’entra anche l’uso della tecnologia per il controllo, già sperimentata in alcune città per realizzare un ‘grande fratello’ in favore del governo autoritario di Pechino?

In parte, ma senza quella partecipazione collettiva, senza quell’adesione anche culturale non sarebbe bastato. In ogni caso, è vero che oggi senza le app che certificano i propri contatti e regolari misurazioni della temperatura corporea non si può entrare o andare da nessuna parte.

Siamo sicuri che i numeri forniti dalla Cina non siano truccati?

Io non credo. Ci sarà forse qualche caso che sfugge, ma francamente non ho visto morti per strada o altre scene del genere, come d’altronde mi pare confermato dalla stampa internazionale più autorevole. Oltre 500 milioni di persone hanno viaggiato attraverso il paese durante le festività della Settimana d’oro, dal primo al 7 ottobre, cosa impensabile se la situazione fosse molto più grave del dichiarato.

Però è stata proprio la Cina a ostacolare l’inchiesta internazionale dell’Organizzazione mondiale della sanità sulla gestione della pandemia. Voleva nascondere i suoi errori?

In quel caso si fa riferimento alla prima fase, dove in effetti si è reagito con una decina di giorni di ritardo, dovuto soprattutto alla sottovalutazione da parte delle autorità locali e alla scelta di lasciar svolgere i festeggiamenti del Capodanno cinese. Anche se poi il presidente Xi Jinping ha chiamato personalmente la popolazione a rispettare tutte le misure di sicurezza e ha avviato un rapido potenziamento delle strutture sanitarie. Poi, certo, la Cina si è sempre rifiutata di cedere alle richieste di una commissione d’inchiesta internazionale. Vivendolo come un confronto politico nella guerra di propaganda con gli Usa, ha alzato un muro e adottato la tattica del ‘pensate ai guai di casa vostra, noi l’epidemia la stiamo controllando’.

Com’è cambiata la sanità cinese dall’inizio della crisi?

Dopo anni di servizi quasi esclusivamente privati, si è avuta una rapida conversione a una sanità pubblica e gratuita. Ma non è detto che una volta passato il virus si resti su questa posizione: per le riforme da tempo in discussione sembra prevalere chi preferisce un sistema misto ‘alla tedesca’.

E i mercatini degli animali esotici, dai quali è possibile che il virus sia passato agli uomini?

Quei mercatini erano già proibiti prima della crisi, a differenza di quelli più convenzionali dove comunque gli animali – pesci, pollame – sono esposti vivi, perché così vogliono i clienti, e le misure igieniche sono state migliorate. I mercatini abusivi rimangono e si rivolgono alla borghesia nascente, che ritiene uno status symbol servire a tavola specie strane come il pangolino, a prescindere dal fatto che siano buone o meno. Tutto quello che per il suo esotismo richiama il dragone o la fenice – simboli fondamentali per l’immaginario cinese – è consumato proprio per questa sorta di ostentazione (non è vero però che i cinesi mangiano i pipistrelli: quello accade semmai nel Sudest asiatico, e anche lì molto di rado; certe specie si utilizzano piuttosto per i preparati della medicina tradizionale). A incentivare certo contrabbando è anche il fatto che con la loro caccia i contadini impoveriti riescono a guadagnare qualche soldo in più per il loro sostentamento.

Come procedono i vaccini cinesi?

In questo momento ce ne sono cinque diversi: due in Fase 3 della sperimentazione, tre già in corso di somministrazione alle persone a rischio, al personale sanitario, all’esercito, ai lavoratori delle dogane, a chi viaggia. Pare però che almeno uno di questi vaccini non generi anticorpi a sufficienza per immunizzare davvero, e comunque anche per gli altri occorrerà attendere per valutarne appieno l’efficacia. Intanto, la sola Sinopharm avrebbe già somministrato un milione di dosi. Naturalmente, si punta molto sullo sviluppo del vaccino anche per una questione di immagine internazionale, per passare da untori a salvatori.

Una specie di diplomazia del coronavirus.

Anche in questo caso si nota una certa ambivalenza della diplomazia cinese, che da una parte vuole usare i risultati anche per presentare il paese come grande potenza, dall’altra è ancora affezionata al ruolo di avanguardia dei paesi in via di sviluppo: per questo, mentre Donald Trump prometteva di comprare il vaccino per assicurarlo per primi agli americani, Pechino annunciava già di volerlo fornire anche alle nazioni asiatiche e africane, fondamentali per lo sviluppo della sua sfera d’influenza politica ed economica. Anche perché l’impegno nelle alleanze commerciali regionali rende sempre più difficile isolare la Cina dalle reti globali. Anche se ritengo che negli ultimi anni alla diplomazia economica non sia corrisposta una grande abilità in quella politica.

Il Covid-19 ha anche esasperato ulteriormente il conflitto con gli Stati Uniti, già avviato dalla guerra dei dazi.

Sì, ed è interessante notare come questa possa essere un’opportunità per un’Europa che volesse smarcarsi da Washington e sviluppare relazioni autonome. Purtroppo, però, mi pare che l’Unione europea vada ancora a traino degli Usa, e le manchi comunque una voce unitaria e ben distinguibile.

Sempre a proposito di economia: come stanno attraversando la crisi i comuni cittadini?

Si tratta di una popolazione abituata a resistere, a stringere i denti e tirare avanti. In ogni caso il paese è in ripresa e si prospetta una crescita del Pil del 5% per quest’anno. La ripartenza è stata rapida e molto trasversale dopo la prima ondata, e la seconda non ha minacciato così tanto l’economia, mentre il fatto di passare dalle varie fasi della pandemia prima degli altri – la stessa seconda ondata su Pechino è di giugno – ha permesso di occupare con l’export i mercati lasciati sguarniti dai fornitori occidentali.

Ci sono però anche alcune fragilità?

I pacchetti di stimoli pubblici previsti per il rilancio rischiano comunque di aumentare significativamente il debito pubblico, anche se potrebbero aiutare quei settori che il piano quinquennale dello scorso ottobre ritiene strategici, in particolare i consumi domestici e la tecnologia. Purché naturalmente non si traducano nelle ennesime colate di cemento. Un altro aspetto emerso negli ultimi giorni è la difficoltà di alcune aziende statali a livello locale, che in questo momento non riescono a ripagare i bond emessi in passato. Potrebbe essere un segno di crisi, ma anche della scelta da parte dello Stato di lasciar morire le imprese ritenute non produttive e poco strategiche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina coronavirus wuhan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved