trump-deve-decidere-se-vuole-aprire-una-crisi-istituzionale
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 ore

Wojtyla, 40 anni fa l'attentato in Piazza San Pietro

Ali Agca sparò due colpi contro il Pontefice, che venne sottoposto a un'operazione di cinque ore e mezza e riuscì a sopravvivere
Estero
14 ore

"Ridurre diseguaglianze e combattere esclusione sociale"

Sono alcuni tra gli aspetti principali della dichiarazione dei leader Ue sul pilastro sociale adottata stamani
Estero
16 ore

Brexit, 30 cittadini Ue detenuti alla frontiera nel 2021

Avevano tentato di entrare nel Paese per lavoro senza avere il visto necessario o lo status di residenza previsto dallo 'EU Settlement Scheme'
Estero
17 ore

Stadio razzo cinese fotografato nel cielo di Roma

L'astrofisico Gianluca Masi: "L'osservazione era possibile agilmente a occhio nudo"
Estero
17 ore

Covid, in India superata soglia dei 4mila morti in un giorno

Da inizio pandemia sono 238'270 le vittime nel paese a causa del Coronavirus. Nelle ultime 24 ore si registrano 401'078 nuovi casi
Estero
1 gior

L'Europa boccia Biden sui brevetti

Secondo i 27 dell'Ue il problema sta nella produzione, non nella libertà della proprietà intellettuale
Estero
1 gior

Johnson espugna un fortino dei laburisti

I Labour faticano nelle elezioni locali e avanzano i tories del primo ministro in carica. In attesa del voto in Scozia
Estero
1 gior

In aula a Bologna i conti svizzeri di Licio Gelli

Nel nuovo processo sulla strage in stazione del 1980 ricostruiti i flussi di denaro dell'ex capo della P2
Estero
1 gior

Colombia nel caos: ‘Saccheggi ed esecuzioni in strada’

Il bilancio è di 24 morti dopo le proteste per la riforma fiscale che avrebbe sfavorito le classi più povere. ‘Nei negozi manca perfino il latte’
Confine
1 gior

Calano i contagi da Covid-19 a Como. Ma le misure restano

Nel fine settimana in centro stabiliti dei circuiti pedonali a senso unico e posto il divieto di transito per i veicoli
Estero
1 gior

Stati Uniti: una ragazza spara in una scuola, tre feriti

Si tratta di una giovane di prima media, non è ancora chiaro il motivo del gesto
Estero
2 gior

Nella Manica navi da guerra inglesi contro i pescatori francesi

Una diversa interpretazione delle regole marittime dell'accordo Brexit nell'isola di Jersey crea un'escalation tra Londra e Parigi. Ora via alla diplomazia
Estero
2 gior

La South Carolina rispolvera il plotone di esecuzione

Una legge prevede che mancanza del mix di farmaci per l'iniezione letale il condannato possa scegliere oltre alla sedia elettrica (prevista) anche la fucilazione.
Estero
2 gior

Spari a pescherecci italiani, un ferito, ma la Libia nega

I colpi sparati da una motovedetta militare libica verso il peschereccio 'Aliseo'. La marina libica: 'solo colpi di avvertimento in aria'
Estero
2 gior

Scontri in Colombia: 24 morti nelle proteste

Ottavo giorno di mobilitazione in tutto il Paese. Centri della protesta sono Cali e Bogotà
Estero
2 gior

Case farmaceutiche deluse dalla scelta di Biden sui brevetti

La revoca delle protezioni della proprietà intellettuale per accelerare la produzione di vaccini sarebbe la risposta sbagliata a un problema complesso
Estero
2 gior

Il Belgio sposta una pietra e ‘invade’ la Francia

Un cippo che indica il confine è stato riposizionato 2,29 metri più in là. Un caso che scomoda perfino Napoleone, morto il 5 maggio di 200 anni fa
Presidenziali Usa 2020
09.11.2020 - 08:430
Aggiornamento : 12:58

'Trump deve decidere se vuole aprire una crisi istituzionale'

Intervista con Christian Rocca, esperto di questioni americane: 'Se c'è qualcuno che può riunire l'America, quello è Joe Biden'

La voce della folla festante si è sentita bene nella Casa Bianca. E l'ha verosimilmente sentita anche il presidente Donald Trump, che in quel momento stava rientrando da una partita a golf. L'attuale presidente non sembra avere comunque nessuna intenzione di riconoscere la sconfitta, insistendo sulla sua battaglia contro i “voti illegali” arrivati dopo la chiusura delle urne. E questo nonostante il pressing di alcune persone a lui vicine, tra cui – riportano fonti vicine alla cerchia famigliare del presidente – persino la moglie Melania (al di là del tweet ufficiale per sostenere il marito) e il genero Jared Kushner, suo consigliere personale. Entrambi, forse, consci che il distacco a favore dell'avversario è abbastanza grande da non poter essere colmato contestando qualche migliaio di voti o chiedendo uno o più riconteggi. Inoltre, nelle ultime ore, agli stati conquistati da Biden si è pure aggiunto il Nevada, mentre Arizona e Georgia sembrano sempre più blu-dem che rossi-repubblicani.

Intanto Biden e la sua vice Kamala Harris, prima donna e prima donna di colore ad accedere alla vicepresidenza, tirano dritto e si mettono già al lavoro, aprendo un sito internet dedicato alla transizione e delineando i primi passi che intraprenderanno appena entreranno alla Casa Bianca.

L'intervista

'Una garanzia per tornare great again'

Mentre Trump e supporter hanno continuato a perorare la causa delle elezioni rubate, senza per ora portare prove tangibili dei clamorosi brogli denunciati dal presidente dalla sala stampa della Casa Bianca, le strade dei centri cittadini si sono riempite di persone festanti per l'esito delle elezioni in un moto popolare che non sembra avere precedenti.

«Ovviamente abbiamo visto le immagini in provenienza dalle città che votano da sempre democratico – fa notare Chistian Rocca, direttore della testata online linkiesta e già inviato negli Stati Uniti per Il Foglio –. Ma, obiettivamente, non ho mai visto una cosa del genere, nemmeno quando ha vinto Obama. Non dimentichiamoci però che 71 milioni di americani hanno comunque votato per l’attuale inquilino della Casa Bianca, che ha pure fatto registrare preferenze da record».

Ora cosa succederà?

I passaggi salienti sono fondamentalmente due: a dicembre i grandi elettori attribuiranno formalmente i propri voti e verrà quindi scelto il 46esimo presidente. Il 20 gennaio, a mezzogiorno, terminerà la presidenza Trump, Biden presterà giuramento e poi entrerà immediatamente alla Casa Bianca. Cosa accadrà tra adesso ed allora dipenderà in larga misura da Trump. Se deciderà di insistere sull'esistenza di brogli elettorali anche dopo essere andato davanti ai giudici, rischia di dare vita una delle più gravi crisi istituzionali americane dopo la guerra civile. Per ora si è limitato ad aprire un call-center per raccogliere le prove dei brogli. Mossa che fa intendere come di prove non ne abbia. (E questo nonostante le chiare accuse lanciate anche dal podio della Casa Bianca, ndr.)

Intanto si fa sempre più sentire il silenzio dei repubblicani...

Infatti. Salvo poche eccezioni, i rappresentanti di spicco del Partito repubblicano sembrano supportare Trump nella sua battaglia. Non a caso nessuno, tranne qualche eccezione, ha chiamato Biden per congratularsi. Il fatto che la leadership conservatrice non abbia il coraggio di far capire al presidente che ha perso è il segno che Trump ha presa sul partito. Ma è anche il segnale del fallimento morale e civile del 'Grand Old Party'.

Trump dovrà in ogni caso lasciare la Casa Bianca a gennaio. Restano invece molte incognite su cosa farà dopo...

Il problema più grande per Trump ora è la perdita dell’immunità presidenziale, che lo esporrà a numerosissime cause. Rischia seriamente di passare la sua vita di difendersi da accuse di ogni tipo per presunti reati commessi anche durante i quattro anni di presidenza. Si tratta di violazioni che finora non potevano essere perseguite, ma che potranno esserlo non appena lascierà la carica.

È comunque innegabile che la politica americana non sarà più la stessa...

La porta è ormai stata aperta, e anche se Trump non dovesse restare in politica, rimarrà comunque il trumpismo. Il rischio è che, invece di un imprenditore la cui agenda è fondamentalmente incentrata sul promuovere la propria immagine, potrebbe arrivare un Trump competente, efficace, in grado di guidare il movimento enorme che si è creato con un’ideologia di profonda destra.

Nel mentre Biden dovrà cercare di riunire un paese diviso. C'è però chi lo vede come una figura poco carismatica. Ci riuscirà?

Intanto partiamo dal carisma: Biden ha battuto tutti alle primarie, con poche caratteristiche semplici ed efficaci. È il candidato con più esperienza, è quello più serio e con meno punti deboli. A confronto dell'attuale presidente, è come colui che poteva garnatire un ritorno alla normalità e alla decenza nel modo di fare politica. Paradossalmente Biden era la miglior garanzia di far tornare l’America “great again”. Tutto questo l’ha trasformato in un candidato formidabile.

Ora potrà godersi un minimo di luna di miele, ma poi dovrà fare molta attenzione a bilanciare le varie anime del partito democratico, non scontentare quei repubblicani che l’hanno comunque votato e tentare di portare a bordo anche a parte dei 71 milioni di persone che hanno votato Trump. Se c’è qualcuno che può farlo è proprio Joe Biden, che è un pilastro del partito democratico da 30 anni.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved