trump-sbraita-ma-non-gli-crede-quasi-nessuno
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
3 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
4 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
9 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
10 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
11 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
19 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
21 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
06.11.2020 - 07:23
Aggiornamento : 10:35

Trump sbraita ma non gli crede (quasi) nessuno

Continuano le accuse di brogli da parte del presidente in carica, che considera iegali solo i voti a suo favore

«Se si contano i voti legali, sto vincendo io facilmente», ha detto il presidente Donald Trump in una dichiarazione dalla Casa Bianca. Trump ha denunciato brogli e tentativi di «rubare» le elezioni.

«La controversia legale sulle elezioni finirà alla Corte suprema», ha ribadito il presidente.

La rete televisiva Nbc ha interrotto la diretta della conferenza stampa dalla Casa Bianca per correggere le affermazioni di Trump. «Siamo nella posizione inusuale non solo di dover interrompere il presidente degli Stati Uniti ma anche di dover correggere il presidente degli Stati Uniti. Non ci sono stati voti illegali per quanto ci risulti e non c'è stata una vittoria di Trump, per quanto ci risulti», ha detto l'anchorman Brian Williams.

Anche diciannove ex procuratori, che hanno servito sotto presidenti repubblicani, hanno definito in una nota «infondate e avventate» le sue accuse di brogli. I firmatari invitano il presidente «a consentire pazientemente e rispettosamente che continui il processo legale del conteggio dei voti, in accordo con le leggi federali e statali, e a evitare ogni ulteriore commento o azione che può servire solo a minare la nostra democrazia».

Dal canto suo il candidato democratico Joe Biden ha esortato alla «pazienza» e la «calma», dichiarando di «non avere dubbi» che sarà il vincitore, ma bisognerà contare tutti i voti. «In America il voto è sacro, ogni voto va contato«, ha affermato.

Bannon: “Dovrebbe decapitare Fauci”

Intanto, Steve Bannon ha suggerito che Trump dovrebbe cominciare il suo secondo mandato decapitando Anthony Fauci e il direttore dell‘Fbi Christopher Wray e impalando le loro teste ai cancelli della Casa Bianca. «Un avvertimento», ha detto l'ex stratega di Trump nella sua podcast “The War Room”, e comunque «meglio che licenziarli».

«Il secondo mandato dovrebbe cominciare licenziando Wray e Fauci. No, preferirei fare un passo in più ma il presidente è un uomo di cuore, un buono», ha detto Bannon: «Tornerei ai vecchi tempi dei Tudor. Metterei le loro teste su pali ai due angoli della Casa Bianca come avvertimento ai burocrati federali. Se non sei d'accordo, sei finito». Twitter ha sospeso l'account della podcast dopo che Bannon l'ha messa in rete.

Un piano per attaccare il centro di conta dei voti

La polizia sta indagando su un presunto piano per attaccare il Pennsylvania Convention Center di Philadelphia, dove si sta effettuando il conteggio dei voti. Lo riportano i media americani, precisando che un uomo armato è stato arrestato vicino all'edificio.

Non è chiaro se l'arresto sia collegato al presunto piano. L'allerta, secondo il New York Post, è scattata dopo che la polizia è stata informata dell'arrivo di un gruppo di persone dalla Virginia a bordo di un Hummer. L'arresto è avvenuto all'interno di un ristorante vietnamita e gli agenti hanno sequestrato un'arma.

La Pennsylvania è uno degli Stati su cui sono puntati gli occhi insieme con Georgia, Arizona e Nevada.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved