le-parole-di-trump-le-fatiche-di-biden-e-i-problemi-del-midwest
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
18 min

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
2 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
3 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
7 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
9 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
10 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
18 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
20 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
20 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
1 gior

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
1 gior

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
PRESIDENZIALI USA 2020
laR
 
05.11.2020 - 12:11
Aggiornamento : 14:41

Le parole di Trump, le fatiche di Biden e i problemi del Midwest

Proviamo a mettere la trincea di questo turno elettorale in un contesto storico, con l'aiuto di un fine conoscitore del passato americano

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Siccome rincorrere la cronaca di queste ore toglie il respiro, a John Lamberton Harper – pluridecorato studioso di storia americana e docente alla School of Advanced International Studies della Johns Hopkins University – chiediamo aiuto per mettere gli eventi di questi giorni in prospettiva.

Professor Harper, Trump ha proclamato vittoria prima del tempo, accusato i Democratici di brogli inesistenti, minacciato di ricorrere alla Corte Suprema. Le vengono in mente episodi simili nel passato degli Stati Uniti?

No, sinceramente mi pare qualcosa senza precedenti. Non mi stupisce, perché lo aveva preannunciato. Ma mentre ci sono stati in passato episodi di elezioni molto combattute – l’ultima nel 2000, con Bush Jr. e Al Gore – non ricordo alcun presidente scegliere un approccio del genere. A prescindere dal risultato, è probabile che le sue parole e il suo comportamento indeboliscano la credibilità istituzionale, esacerbando i conflitti interni alla società americana.

In che senso?

Il presidente si pone in una posizione di rifiuto, la stessa dell’elettorato che rappresenta e che quindi riesce a mobilitare: una coalizione di gruppi che si sentono minoritari, o minacciati, o sulla difensiva, che vedono in Trump una sorta di guardia del corpo. Ma intanto una parte maggioritaria del paese, diversa dal punto di vista etnico, sociale e culturale, si trova costantemente sfidata.  

Cosa succede quando il sistema politico non riesce più ad accomodare e conciliare i conflitti sociali?

Evocare lo spettro della guerra civile sarebbe senz’altro esagerato, ma gli scontri di quest’ultimo periodo fanno capire che le tensioni sono alte, la situazione pericolosa tanto a livello sociale quanto a livello istituzionale. 

Parlava di minoranze minacciate: un bell’esempio viene dal Midwest, dove Biden sta cercando a fatica di riconquistare quell'elettorato bianco operaio che un tempo invece si sarebbe dato per scontato, dato che costituiva il baricentro del partito democratico.

Il distanziamento da quella base è iniziato negli anni Novanta, con la ‘Terza via’ moderata di Clinton che si è affrancato dalla componente più sindacale, assecondando senza grandi contrappesi la globalizzazione e l’apertura commerciale (l’accordo di libero commercio nordamericano Nafta, l’inclusione economica della Cina). Il risultato è che solo tra il 2001 e il 2010 si è perso circa un terzo dei posti di lavoro nel settore manifatturiero. Per questo ad alcuni Trump è sembrato un salvatore.

Trump poi ha riversato le stesse ‘colpe’ su Obama. Ma davvero i Democratici potevano rimanere fedeli alle vecchie formule? Di fronte a cambiamenti strutturali di natura globale, così facendo non avrebbe rischiato di condannarsi a una prematura obsolescenza?

Naturalmente c’entra anche il cambiamento strutturale e tecnologico, ma col senno di poi si sarebbe potuta gestire la globalizzazione con più prudenza. A una sua versione senza freni, alcuni uomini di Trump propongono alternative sensate. Penso a Robert Lighthizer, il Rappresentante per il commercio che ha guidato i negoziati con la Cina: un tempo, il suo modo di affrontare problemi reali sarebbe stato benvenuto anche nel partito democratico.

Al di là dell’economia c’entra anche il razzismo: l’America contesa nella trincea del Midwest è quella che non accetta una società multietnica.

Però non bisogna fare l’errore di separare le due cose. D’accordo, Trump sfrutta in modo spregiudicato il fattore razziale, come si è visto con le critiche alla legittimità della presidenza Obama e con l’atteggiamento accomodante vero i suprematisti bianchi. Ma non ci riuscirebbe mai se molti dei suoi elettori non si trovassero in uno stato d’insicurezza anzitutto economica: se hai un buon lavoro e stai bene, non hai bisogno di un capro espiatorio. Anche per questo, e senza voler in alcun modo minimizzare l’atteggiamento di Trump, quello che stiamo vedendo è il frutto di tensioni molto più profonde e durature. Difficile essere ottimisti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved