le-parole-di-trump-le-fatiche-di-biden-e-i-problemi-del-midwest
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 ore

Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi

Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
15 ore

L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti

Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
16 ore

La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto

Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
Estero
16 ore

Germania, abolito il divieto di informare sull’aborto

Il parlamento tedesco ha votato la cancellazione del paragrafo 219a del codice penale, risalente ai primi mesi della dittatura nazista
Confine
18 ore

Schianto a Maccagno, 15enne del Bellinzonese rischia la vita

Un’auto con a bordo una donna e due minorenni è uscita di strada ieri sera. Non sono ancora note le cause dell’incidente
Confine
18 ore

Aumentano i sequestri di valuta alla frontiera

A Brogeda e alla stazione di Chiasso sono stati intercettati oltre 23 milioni di euro. Le violazioni accertate dalla Guardia di finanza sono 663
Estero
20 ore

Onu: la giornalista Shireen Abu Akleh uccisa da forze israeliane

Questa la conclusione dell’inchiesta delle Nazioni Unite. L’uccisione l’11 maggio scorso durante gli scontri a Jenin (Cisgiordania). Israele nega
Confine
21 ore

Mottarone, slitta a settembre il deposito delle perizie

La proroga per ‘sopravvenute esigenze di ulteriori indagini e approfondimenti’. Dai primi accertamenti rilevati dei componenti che andavano sostituiti
Estero
23 ore

Spagna, iniziato lo sciopero del personale di Ryanair

Secondo il quotidiano El País, per il momento la protesta non sta generando particolari disagi ai viaggiatori
Estero
23 ore

Ritiro da Severodonetsk ordinato alle forze ucraine

Il governatore del Lugansk: ‘Non ha più senso rimanere in posizioni che sono state costantemente bombardate per mesi’
Estero
23 ore

Morte sospetta di tartarughe e delfini al largo del Guatemala

Si ipotizza un inquinamento delle acque. Le autorità hanno aperto un’inchiesta
Estero
23 ore

Ideavano un attentato in Italia, fermati due presunti jihadisti

Il giovane uomo è stato posto agli arresti domiciliari per garantire un percorso di deradicalizzazione
PRESIDENZIALI USA 2020
laR
 
05.11.2020 - 12:11
Aggiornamento : 14:41

Le parole di Trump, le fatiche di Biden e i problemi del Midwest

Proviamo a mettere la trincea di questo turno elettorale in un contesto storico, con l'aiuto di un fine conoscitore del passato americano

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Siccome rincorrere la cronaca di queste ore toglie il respiro, a John Lamberton Harper – pluridecorato studioso di storia americana e docente alla School of Advanced International Studies della Johns Hopkins University – chiediamo aiuto per mettere gli eventi di questi giorni in prospettiva.

Professor Harper, Trump ha proclamato vittoria prima del tempo, accusato i Democratici di brogli inesistenti, minacciato di ricorrere alla Corte Suprema. Le vengono in mente episodi simili nel passato degli Stati Uniti?

No, sinceramente mi pare qualcosa senza precedenti. Non mi stupisce, perché lo aveva preannunciato. Ma mentre ci sono stati in passato episodi di elezioni molto combattute – l’ultima nel 2000, con Bush Jr. e Al Gore – non ricordo alcun presidente scegliere un approccio del genere. A prescindere dal risultato, è probabile che le sue parole e il suo comportamento indeboliscano la credibilità istituzionale, esacerbando i conflitti interni alla società americana.

In che senso?

Il presidente si pone in una posizione di rifiuto, la stessa dell’elettorato che rappresenta e che quindi riesce a mobilitare: una coalizione di gruppi che si sentono minoritari, o minacciati, o sulla difensiva, che vedono in Trump una sorta di guardia del corpo. Ma intanto una parte maggioritaria del paese, diversa dal punto di vista etnico, sociale e culturale, si trova costantemente sfidata.  

Cosa succede quando il sistema politico non riesce più ad accomodare e conciliare i conflitti sociali?

Evocare lo spettro della guerra civile sarebbe senz’altro esagerato, ma gli scontri di quest’ultimo periodo fanno capire che le tensioni sono alte, la situazione pericolosa tanto a livello sociale quanto a livello istituzionale. 

Parlava di minoranze minacciate: un bell’esempio viene dal Midwest, dove Biden sta cercando a fatica di riconquistare quell'elettorato bianco operaio che un tempo invece si sarebbe dato per scontato, dato che costituiva il baricentro del partito democratico.

Il distanziamento da quella base è iniziato negli anni Novanta, con la ‘Terza via’ moderata di Clinton che si è affrancato dalla componente più sindacale, assecondando senza grandi contrappesi la globalizzazione e l’apertura commerciale (l’accordo di libero commercio nordamericano Nafta, l’inclusione economica della Cina). Il risultato è che solo tra il 2001 e il 2010 si è perso circa un terzo dei posti di lavoro nel settore manifatturiero. Per questo ad alcuni Trump è sembrato un salvatore.

Trump poi ha riversato le stesse ‘colpe’ su Obama. Ma davvero i Democratici potevano rimanere fedeli alle vecchie formule? Di fronte a cambiamenti strutturali di natura globale, così facendo non avrebbe rischiato di condannarsi a una prematura obsolescenza?

Naturalmente c’entra anche il cambiamento strutturale e tecnologico, ma col senno di poi si sarebbe potuta gestire la globalizzazione con più prudenza. A una sua versione senza freni, alcuni uomini di Trump propongono alternative sensate. Penso a Robert Lighthizer, il Rappresentante per il commercio che ha guidato i negoziati con la Cina: un tempo, il suo modo di affrontare problemi reali sarebbe stato benvenuto anche nel partito democratico.

Al di là dell’economia c’entra anche il razzismo: l’America contesa nella trincea del Midwest è quella che non accetta una società multietnica.

Però non bisogna fare l’errore di separare le due cose. D’accordo, Trump sfrutta in modo spregiudicato il fattore razziale, come si è visto con le critiche alla legittimità della presidenza Obama e con l’atteggiamento accomodante vero i suprematisti bianchi. Ma non ci riuscirebbe mai se molti dei suoi elettori non si trovassero in uno stato d’insicurezza anzitutto economica: se hai un buon lavoro e stai bene, non hai bisogno di un capro espiatorio. Anche per questo, e senza voler in alcun modo minimizzare l’atteggiamento di Trump, quello che stiamo vedendo è il frutto di tensioni molto più profonde e durature. Difficile essere ottimisti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved