ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
59 min

Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo

L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Russia
3 ore

Putin: ‘Un accordo sull’Ucraina è inevitabile’

Intanto, la regione orientale di Donetsk rimane al centro degli attacchi russi, in particolare Avdiivka e Bakhmut
Estero
5 ore

Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’

La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Confine
8 ore

Dogana Chiasso-Brogeda, riapre la rampa di accesso alla A9

Dopo una chiusura di 13 anni, il manufatto è stato ristrutturato e garantirà una diminuzione del traffico di mezzi pesanti in direzione di Milano
Confine
9 ore

Statale 337, avanti fino al 21 dicembre la messa in sicurezza

Per la seconda fase dei lavori prevista la chiusura, ma con 4 fasce di transito con senso unico alternato. Preoccupati i commercianti vigezzini
Kenya
12 ore

Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni

Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
23 ore

Teheran manda al patibolo e spara ai genitali

Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Francia
1 gior

Il presidente Macron: dal 2023 preservativi gratis per i giovani

La distribuzione, ai ragazzi fra i 18 e i 25 anni, è stata definita una piccola rivoluzione nella prevenzione
Iran
1 gior

La polizia spara ai genitali delle manifestanti

I medici hanno detto di aver notato che le donne spesso arrivano con ferite diverse rispetto agli uomini
Nuova Zelanda
1 gior

Bimbo in pericolo: ‘Per nostro figlio solo sangue non vaccinato’

Il caso neozelandese: un bambino di quattro mesi soffre di una grave stenosi al cuore e necessita urgentemente di un’operazione
Italia
2 gior

Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto

Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior

Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’

L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior

Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi

Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior

Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo

Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
2 gior

Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple

Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
2 gior

La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio

Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
2 gior

Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti

L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
2 gior

Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia

Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
PRESIDENZIALI USA 2020
04.11.2020 - 21:43
Aggiornamento: 05.11.2020 - 00:18

Ora Joe Biden è davvero a un passo dalla vittoria

Si prende MIchigan e Wisconsin, ormai è a pochi 'grandi elettori' dalla conferma. Ma Trump non sembra volerlo ammettere

ora-joe-biden-e-davvero-a-un-passo-dalla-vittoria
(Keystone)

Al momento di andare in stampa non possiamo essere certi di come andranno a finire le elezioni americane, ma in netto vantaggio appare il candidato democratico Joe Biden, che dopo avere arrancato tutto il giorno ha aumentato il suo distacco (vedi infografica). Chi si aspettava una scoppola al presidente uscente Donald Trump è però rimasto deluso: complici l’affluenza record e il grande ricorso al voto per corrispondenza, il risultato resta tirato, anche al netto dell’intervento di avvocati e tribunali.

Tribunali, sì. Perché Trump non si è solo autoproclamato trionfante già alle due di mercoledì – “per quanto mi riguarda abbiamo già vinto” –, quando qui erano le otto e nessuno era ancora in grado di assegnargli un vantaggio decisivo che poi gli è mancato per tutta la giornata. Il presidente ha anche accusato i Democratici di aver fatto sparire il suo vantaggio negli Stati da loro controllati, e ha parlato di “una truffa ai danni del pubblico americano”. Ha anche minacciato di ricorrere alla Corte Suprema, e la sua campagna vuole avviare un’azione legale in Michigan e Pennsylvania.

Il paradosso del più votato

Prima di mezzanotte, Biden appariva ormai padrone del Wisconsin e del Michigan, sebbene nettamente indietro in Pennsylvania (come al solito, ormai, il Midwest è diventato una trincea elettorale decisiva). Vittoria prevista anche in Nevada e in Arizona. Nessun colpaccio, invece, in Florida e Texas, due Stati che se vinti avrebbero soffocato sul nascere la corsa di Trump.

Al di là dei colpi di scena, si è trattato di un’elezione storica: grazie al forte ricorso al voto postale, stavolta avrebbero votato oltre 160 milioni di americani su 240 milioni di aventi diritto: circa il 67%, una percentuale che non si vedeva almeno dal 1900, quando però le donne e gli afroamericani del Sud non votavano.

Un ‘turnout vote’, insomma: un voto dove la differenza la fa chi mobilita più elettori, non chi li sposta da una parte all’altra (‘persuasion vote’). “Si sono affrontati due candidati d’accordo solo sul fatto che quest’elezione decide il futuro della democrazia americana”, spiega il vicedirettore del ‘Post’ Francesco Costa, uno che se ne intende; “in una situazione così polarizzata la mobilitazione tende ad aumentare”.

Con un paradosso significativo: Biden si avvia a essere il candidato più votato di sempre, perfino davanti a quel Barack Obama di cui fu il vice, eppure la sua strada è risultata molto impervia. Come fu il caso con Hillary Clinton, la differenza infatti la fanno ancora una volta i ‘grandi elettori’, ovvero i voti elettorali assegnati a ogni Stato: basta il 50% più un voto per ottenerli tutti, con l’eccezione molto marginale di Maine e Nebraska. “Il sistema elettorale americano ci regala sempre delle notti appassionanti, però non funziona più”, commenta Costa; “tutti i sistemi cercano un compromesso tra rappresentanza e governabilità, ma mi pare che quello americano abbia finito per sacrificare la prima. Tant’è vero che questa notte la costa Ovest non se l’è filata nessuno, tutto è stato deciso nell’altra metà degli Stati Uniti”.

Quasi gol

Per molti sostenitori democratici, l’incertezza della giornata si era temporaneamente tradotta in delusione, nonostante Biden sia comunque riuscito a far meglio di Hillary presso alcuni gruppi strategici come gli elettori bianchi delle realtà meno privilegiate. “Probabilmente molti Democratici si aspettavano una vittoria a valanga. Il fatto che non sia arrivata può deludere un po’, ma d’altronde succede così quasi sempre. Forse non bisognava posizionare l’asticella troppo in alto”, nota Costa.

In attesa dei dati definitivi, è interessante anche notare come gli exit poll abbiano rovesciato alcune aspettative dei sondaggi preelettorali: è vero che si è trattato di un referendum pro o contro Trump, ma il coronavirus e le tensioni razziali hanno giocato un ruolo meno importante di quanto si pensasse. “Si direbbe che l’economia sia stata considerata più importante della gestione della pandemia”, osserva Costa. “Questo rovesciamento di priorità potrebbe aver aiutato Trump a limitare l’erosione di consensi. Anche la minore importanza assegnata alla questione razziale può avere avuto un effetto simile. Questi dati ci raccontano un elettorato diverso da quello che avevamo in mente: un elettorato che vive come un’urgenza la necessità di far tornare l’economia alla normalità, mentre Biden insisteva piuttosto sul virus e sulla mascherina”.

La stessa mobilitazione elettorale non ha favorito in modo netto i Dem. “Era legittimo ipotizzare che il più facile accesso al voto potesse agevolare i Democratici, facilitando quelle minoranze che votano meno, soprattutto al Sud. Tuttavia, alla polarizzazione dello scontro si è aggiunto il fatto che molti Stati in bilico fossero quelli vinti da Trump nel 2016: in questa prospettiva, si sono sentiti chiamati in causa anche coloro che di solito non votano, perché non sono particolarmente legati al partito o perché tanto fino a poco tempo fa ‘non c’era partita’. Trumpiani, più che repubblicani. Un buon esempio è quello del Texas”, rimasto al presidente uscente.

Donald non molla

Se dovesse perdere, come sembra, difficilmente il ‘modello Trump’ verrebbe archiviato come un’esperienza sporadica, un capitolo chiuso. Secondo Costa “Trump potrebbe uscire dalle elezioni con quasi 70 milioni di voti. E questo nonostante gli scandali e la pandemia”. Segno che dal punto di vista meramente elettorale “il suo approccio non è la soluzione peggiore per chi in futuro volesse fare carriera nel Partito repubblicano”.

Ragione in più, a giudicare dal sinistro discorso tenuto ieri nella East Room della Casa Bianca e dalle esternazioni su Twitter,per non mollare facilmente l’osso. “Mi sarebbe piaciuto essere stupito da un atteggiamento diverso di Trump”, conclude Costa. “Non sono nemmeno sicuro che farà i ricorsi dei quali parla: non ne vedo la base legale, se si parla del voto per posta; quanto alla richiesta di riconteggi, cause e controcause sono possibili, ma solo in caso di margini molto ridotti. In ogni caso, sono più spaventato dal possibile effetto che il messaggio sulle elezioni ‘rubate’ potrebbe avere sull’ordine pubblico.”

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved