ora-joe-biden-e-davvero-a-un-passo-dalla-vittoria
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
32 min

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
2 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
3 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
8 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
9 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
10 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
19 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
20 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
20 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
1 gior

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
1 gior

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
1 gior

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
1 gior

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
1 gior

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
1 gior

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
1 gior

Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni

Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
1 gior

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
PRESIDENZIALI USA 2020
04.11.2020 - 21:43
Aggiornamento : 05.11.2020 - 00:18

Ora Joe Biden è davvero a un passo dalla vittoria

Si prende MIchigan e Wisconsin, ormai è a pochi 'grandi elettori' dalla conferma. Ma Trump non sembra volerlo ammettere

Al momento di andare in stampa non possiamo essere certi di come andranno a finire le elezioni americane, ma in netto vantaggio appare il candidato democratico Joe Biden, che dopo avere arrancato tutto il giorno ha aumentato il suo distacco (vedi infografica). Chi si aspettava una scoppola al presidente uscente Donald Trump è però rimasto deluso: complici l’affluenza record e il grande ricorso al voto per corrispondenza, il risultato resta tirato, anche al netto dell’intervento di avvocati e tribunali.

Tribunali, sì. Perché Trump non si è solo autoproclamato trionfante già alle due di mercoledì – “per quanto mi riguarda abbiamo già vinto” –, quando qui erano le otto e nessuno era ancora in grado di assegnargli un vantaggio decisivo che poi gli è mancato per tutta la giornata. Il presidente ha anche accusato i Democratici di aver fatto sparire il suo vantaggio negli Stati da loro controllati, e ha parlato di “una truffa ai danni del pubblico americano”. Ha anche minacciato di ricorrere alla Corte Suprema, e la sua campagna vuole avviare un’azione legale in Michigan e Pennsylvania.

Il paradosso del più votato

Prima di mezzanotte, Biden appariva ormai padrone del Wisconsin e del Michigan, sebbene nettamente indietro in Pennsylvania (come al solito, ormai, il Midwest è diventato una trincea elettorale decisiva). Vittoria prevista anche in Nevada e in Arizona. Nessun colpaccio, invece, in Florida e Texas, due Stati che se vinti avrebbero soffocato sul nascere la corsa di Trump.

Al di là dei colpi di scena, si è trattato di un’elezione storica: grazie al forte ricorso al voto postale, stavolta avrebbero votato oltre 160 milioni di americani su 240 milioni di aventi diritto: circa il 67%, una percentuale che non si vedeva almeno dal 1900, quando però le donne e gli afroamericani del Sud non votavano.

Un ‘turnout vote’, insomma: un voto dove la differenza la fa chi mobilita più elettori, non chi li sposta da una parte all’altra (‘persuasion vote’). “Si sono affrontati due candidati d’accordo solo sul fatto che quest’elezione decide il futuro della democrazia americana”, spiega il vicedirettore del ‘Post’ Francesco Costa, uno che se ne intende; “in una situazione così polarizzata la mobilitazione tende ad aumentare”.

Con un paradosso significativo: Biden si avvia a essere il candidato più votato di sempre, perfino davanti a quel Barack Obama di cui fu il vice, eppure la sua strada è risultata molto impervia. Come fu il caso con Hillary Clinton, la differenza infatti la fanno ancora una volta i ‘grandi elettori’, ovvero i voti elettorali assegnati a ogni Stato: basta il 50% più un voto per ottenerli tutti, con l’eccezione molto marginale di Maine e Nebraska. “Il sistema elettorale americano ci regala sempre delle notti appassionanti, però non funziona più”, commenta Costa; “tutti i sistemi cercano un compromesso tra rappresentanza e governabilità, ma mi pare che quello americano abbia finito per sacrificare la prima. Tant’è vero che questa notte la costa Ovest non se l’è filata nessuno, tutto è stato deciso nell’altra metà degli Stati Uniti”.

Quasi gol

Per molti sostenitori democratici, l’incertezza della giornata si era temporaneamente tradotta in delusione, nonostante Biden sia comunque riuscito a far meglio di Hillary presso alcuni gruppi strategici come gli elettori bianchi delle realtà meno privilegiate. “Probabilmente molti Democratici si aspettavano una vittoria a valanga. Il fatto che non sia arrivata può deludere un po’, ma d’altronde succede così quasi sempre. Forse non bisognava posizionare l’asticella troppo in alto”, nota Costa.

In attesa dei dati definitivi, è interessante anche notare come gli exit poll abbiano rovesciato alcune aspettative dei sondaggi preelettorali: è vero che si è trattato di un referendum pro o contro Trump, ma il coronavirus e le tensioni razziali hanno giocato un ruolo meno importante di quanto si pensasse. “Si direbbe che l’economia sia stata considerata più importante della gestione della pandemia”, osserva Costa. “Questo rovesciamento di priorità potrebbe aver aiutato Trump a limitare l’erosione di consensi. Anche la minore importanza assegnata alla questione razziale può avere avuto un effetto simile. Questi dati ci raccontano un elettorato diverso da quello che avevamo in mente: un elettorato che vive come un’urgenza la necessità di far tornare l’economia alla normalità, mentre Biden insisteva piuttosto sul virus e sulla mascherina”.

La stessa mobilitazione elettorale non ha favorito in modo netto i Dem. “Era legittimo ipotizzare che il più facile accesso al voto potesse agevolare i Democratici, facilitando quelle minoranze che votano meno, soprattutto al Sud. Tuttavia, alla polarizzazione dello scontro si è aggiunto il fatto che molti Stati in bilico fossero quelli vinti da Trump nel 2016: in questa prospettiva, si sono sentiti chiamati in causa anche coloro che di solito non votano, perché non sono particolarmente legati al partito o perché tanto fino a poco tempo fa ‘non c’era partita’. Trumpiani, più che repubblicani. Un buon esempio è quello del Texas”, rimasto al presidente uscente.

Donald non molla

Se dovesse perdere, come sembra, difficilmente il ‘modello Trump’ verrebbe archiviato come un’esperienza sporadica, un capitolo chiuso. Secondo Costa “Trump potrebbe uscire dalle elezioni con quasi 70 milioni di voti. E questo nonostante gli scandali e la pandemia”. Segno che dal punto di vista meramente elettorale “il suo approccio non è la soluzione peggiore per chi in futuro volesse fare carriera nel Partito repubblicano”.

Ragione in più, a giudicare dal sinistro discorso tenuto ieri nella East Room della Casa Bianca e dalle esternazioni su Twitter,per non mollare facilmente l’osso. “Mi sarebbe piaciuto essere stupito da un atteggiamento diverso di Trump”, conclude Costa. “Non sono nemmeno sicuro che farà i ricorsi dei quali parla: non ne vedo la base legale, se si parla del voto per posta; quanto alla richiesta di riconteggi, cause e controcause sono possibili, ma solo in caso di margini molto ridotti. In ogni caso, sono più spaventato dal possibile effetto che il messaggio sulle elezioni ‘rubate’ potrebbe avere sull’ordine pubblico.”

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved