jeremy-corbyn-sospeso-dal-partito-laburista
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
53 min

Case farmaceutiche deluse dalla scelta di Biden sui brevetti

La revoca delle protezioni della proprietà intellettuale per accelerare la produzione di vaccini sarebbe la risposta sbagliata a un problema complesso
Estero
3 ore

Il Belgio sposta una pietra e ‘invade’ la Francia

Un cippo che indica il confine è stato riposizionato 2,29 metri più in là. Un caso che scomoda perfino Napoleone, morto il 5 maggio di 200 anni fa
Estero
10 ore

Usa: “Togliamo le protezioni sui brevetti dei vaccini”

In questo modo si potrebbe accelerare la produzione e la distribuzione delle dosi in tutto il mondo
Estero
11 ore

Iniziati a Parigi i processi agli ex terroristi rossi

Parla Marina Petrella: "Siamo alla fine, dolore per tutte le vittime. Ho vissuto un'intera vita in fuga"
Estero
14 ore

Dopo anni di proteste, mai più Columbus Day a New York

Sarà Italian Heritage Day/Indigenous People's Day. E il nuovo calendario include il Juneteenth, giornata per festeggiare l'emancipazione degli schiavi.
Confine
15 ore

‘Rosa camuna’ a don Roberto, obiettivo 25mila firme

La petizione lanciata da Azione Cattolica chiede a Regione Lombardia di concedere al sacerdote ucciso la più alta onorificenza regionale
Confine
16 ore

Speranza di vita in Lombardia, 2 anni e mezzo 'rubati' dal Covid

A Como il calo medio dell'aspettativa di vita è di 2 anni e 4 mesi, un anno e 8 mesi a Varese. A livello nazionale si vive mediamente un anno e 2 mesi in meno
Confine
21 ore

Chiusure nei weekend, protestano i centri commerciali in Italia

Martedì prossimo i punti vendita di tutti i centri commerciali d'Italia abbasseranno simbolicamente le saracinesche per alcuni minuti
Estero
1 gior

Bandito da Facebook e Twitter, Trump lancia il suo social

Si chiama ‘From the Desk of Donald J. Trump’. Sulla piattaforma l'ex presidente caricherà video e comunicati, che potranno essere condivisi in rete
Estero
1 gior

Israele, Netanyahu non è riuscito a formare un governo

È scaduto il termine di 28 giorni affidatogli dal presidente per formare una maggioranza. Mandato affidato a Lapid
Estero
1 gior

Caso Floyd, l'ex agente condannato ricorre in Appello

Secondo i legali di Derek Chauvin, l'ex poliziotto non avrebbe avuto diritto a un giusto processo a causa del movimento Black Lives Matter
Estero
1 gior

Madrid, trionfa la popolare Ayuso. Ma avrà bisogno di Vox

Primi exit poll sulle elezioni amministrative: Ciudadanos crolla, l’ultradestra necessaria per la maggioranza, forte calo del Partito socialista.
Estero
29.10.2020 - 20:580

Jeremy Corbyn sospeso dal Partito laburista

L’ex leader messo temporaneamente alla porta per la sua reazione a un rapporto che accusa il Labour di non aver saputo prevenire atti illeciti di antisemitismo

Londra – "Giornata di vergogna" per il Labour britannico, riconosciuto colpevole da un'autorità indipendente del Regno, l'Equality and Human Rights Commission, di non aver saputo fronteggiare una serie di "inescusabili atti illeciti di discriminazione e vessazione" d'impronta antisemita denunciati fra i sui ranghi negli anni della leadership di Jeremy Corbyn, 71enne esponente della sinistra pacifista e storico sostenitore della causa palestinese.

Un verdetto che Corbyn ha in parte rigettato, inducendo il suo successore Keir Starmer a sospenderlo clamorosamente dal partito ad appena sei mesi dal passaggio di consegne, anche a costo di riaccendere il lacerante conflitto fra correnti in seno alla maggiore forza politica d'opposizione parlamentare al governo conservatore di Boris Johnson.

Il rapporto della commissione, chiamata in causa dai ricorsi di funzionari e militanti ebrei laburisti, nonché da alcune delle principali organizzazioni della comunità ebraica britannica, è stato illustrato dopo mesi d'indagine dalla presidente ad interim dell'organismo, Caroline Waters, e non usa mezzi termini.

"Nel Partito laburista - vi si afferma - c'è stata una cultura che nella migliore delle ipotesi non ha fatto abbastanza per prevenire l'antisemitismo e nella peggiore è parsa accettarlo". Il testo evoca "un fallimento significativo di leadership" negli anni corbyniani a dispetto delle promesse del "compagno Jeremy" di garantire "tolleranza zero": fra ostilità preconcette, "interferenze" sulle procedure disciplinari e sospetti tentativi d'insabbiamento di specifici fascicoli.

Una condanna vera e propria a cui Corbyn - reagendo a caldo su Facebook - s'è inchinato solo a metà. Riconoscendo che l'antisemitismo è stato ed è una macchia nel Labour, come nella società britannica, ma aggiungendo subito di non essere d'accordo con "tutte le conclusioni" dell'inchiesta.

E, anzi, denunciando a sua volta la presunta "drammatizzazione" strumentale della polemica da parte di "avversari interni ed esterni al partito" e "dei media" di establishment; nonché l'asserito sabotaggio deliberato dei suoi tentativi di affrontare la questione imputata fino al 2018 (ossia nell'arco di tempo preso di mira dalla commissione) a settori dell'apparato del Labour legati a ciò che restava della vecchia guardia della destra blairiana.

Recriminazioni inopportune, se non infondate, secondo sir Keir Starmer, già ministro ombra della Brexit nel gabinetto Corbyn, ma alfiere adesso di un approccio politico più moderato e deciso nei panni di neo leader a combattere come una priorità assoluta ogni traccia di antisemitismo per "recuperare la fiducia" del mondo ebraico.

Di qui la decisione di "sospendere Jeremy" e avviare un'indagine interna su di lui: non tanto per i contenuti del rapporto che inizialmente lo stesso sir Keir aveva evitato di personalizzare contro la singola figura del predecessore, pur scusandosi ed evocando "una giornata di vergogna" per il partito; quanto per non averne accettato in silenzio i richiami, mostrando così di voler essere "parte del problema".

Ora occorrerà attendere le contromosse della sinistra interna, tuttora forte in una base militante che Jeremy Corbyn è riuscito in questi anni a riportare a dimensioni da maggior partito d'Europa per numero assoluto d'iscritti. Una base che gli ha garantito due designazioni plebiscitarie nel 2015 e nel 2017 e fra le cui linee gode tuttora, dopo oltre mezzo secolo di militanza e 37 anni da deputato inamovibile del collegio londinese di Islington, di tassi di popolarità rilevanti. Lui avverte intanto di voler dare battaglia "con forza" contro "l'ingiusto provvedimento politico" di sospensione comminatogli.

Mentre a cogliere la palla al balzo sono i Tory di Johnson, dopo i segnali di rimonta del Labour indicati da alcuni sondaggi recenti sullo sfondo delle critiche alla gestione della pandemia da parte dell'esecutivo, che parlano di antisemitismo strutturale e sfidano l'attuale leader addirittura a "espellere" l'ex numero uno dopo aver collaborato con lui per un quinquennio di fila. Ben consapevoli che una spaccatura intestina definitiva ridurrebbe a illusione per chissà quanto qualsiasi speranza laburista di poter risalire la china.

© Regiopress, All rights reserved