laRegione
navalny-c-e-putin-dietro-il-mio-avvelenamento
Alexei Navalny in ospedale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Turchia
14 ore

Terremoto nell'Egeo, le vittime salgono a 26

Il bilancio peggiore è in Turchia: 24 morti e 800 feriti. Due le vittime a Samos, l'isola greca a ridosso delle coste turche
Grecia
14 ore

La Grecia torna in 'lockdown', ma parziale

Lo ha annunciato il premier Kyriakos Mitsotakis, introducendo un coprifuoco da mezzanotte alle 5
FRANCIA
1 gior

L’attentatore di Nizza era passato dall’alcol all’Islam

Macron ha schierato 7mila agenti in strada per rafforzare il dispositivo anti-attentati, in particolare davanti a scuole e luoghi di culto
Estero
1 gior

Austria verso il lockdown

Stando alla stampa il cancelliere Kurz annuncerà ulteriori restrizioni, tra cui il coprifuoco dalle 20 alle 6.
Confine
1 gior

I comaschi rispettano il coprifuoco

Nella prima settimana, le persone controllate sono state 1'966. Tra loro quelle sanzionate sono state 24
ITALIA
1 gior

I disordini tra camorra, hooligan e cattiva politica

Attorno alle proteste pacifiche contro coprifuoco e lockdown si addensano estremisti, ultrà e mafie, confusi tra i social e la piazza. Un'analisi
Estero
1 gior

Terremoto nell'Egeo, crolli a Smirne e sulle isole

La scossa di magnitudo 7 al largo di Samos (Grecia) ha colpito anche la regione turca antistante e Smirne. Persone sotto le macerie, almeno 6morti
Estero
1 gior

Isola aperta e progressista: nozze di massa a Taiwan

Quasi duecento coppie dello stesso sesso hanno partecipato al matrimonio di massa organizzato dai militari.
Confine
1 gior

Ossola, frontalieri preoccupati per le condizioni sui treni

I lavoratori che si recano in Vallese, Cantone duramente colpito dalla pandemia, chiedono più convogli e maggiori misure di prevenzione
Estero
01.10.2020 - 19:140

Navalny: 'C'è Putin dietro il mio avvelenamento'

Nella sua prima intervista dopo l'episodio del 20 agosto, il leader dell'opposizione russa annuncia il suo rientro in patria

Tra Alexey Navalny e il Cremlino ormai è scontro totale. Il principe degli oppositori russi ha infatti rilasciato un'intervista alla rivista Spiegel, la prima da quel 20 agosto in cui si è sentito male in aereo, scagliandosi senza mezzi termini contro il presidente Vladimir Putin. "Io affermo che c'è Putin dietro questo crimine, non ho altre spiegazioni per quel che è successo", ha raccontato ai giornalisti tedeschi dopo una vera e propria dichiarazione d'amore per la Germania, che gli ha "salvato la vita". Parole che hanno fatto impazzire di rabbia il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov: "D'altra parte lavora per la Cia", ha commentato Peskov, lanciando l'infamante (per un russo) accusa. Certo, non è la prima volta che un alto funzionario del governo mettere in relazione Navalny ai servizi segreti occidentali. Sino ad oggi il più alto in grado è stato Vyacheslav Volodin, il presidente della Duma. Che in mattinata è stato il più rapido a reagire all'intervista di Navalny. "Putin gli ha salvato la vita", ha dichiarato Volodin. "Tutti - dai piloti, ai medici, al presidente - hanno sinceramente lavorato per salvargli la vita. E solo una persona indecente può fare affermazioni del genere", ha aggiunto Volodin. Poi l'affondo: "Navalny sta collaborando con i servizi di sicurezza e le autorità dei Paesi occidentali, sta servendo i loro interessi", ha ribadito Volodin.
Ma la banda larga tra Berlino e Mosca oggi funzionava benissimo. Navalny ci ha messo pochissimo a intercettare le dichiarazioni e rispondere per le rime al capo della Duma. "Ancora una volta non capisco. Salvato da cosa? Le autorità russe negano l'avvelenamento. Se crediamo alle loro versioni e alle parole dello stesso Putin, dovrei essere stato salvato solo dalla vodka (fatta in casa), dal diabete e dalle simulazioni di avvelenamento", ha scritto su Twitter.
Ma, appunto, per Volodin non si tratta di una prima assoluta. Per il Cremlino invece sì. "Sappiamo che gli specialisti della Cia stanno lavorando con lui in questi giorni. E non è la prima volta che gli vengono date varie istruzioni", ha detto Peskov dopo aver definito "offensive, infondate e inaccettabili" le dichiarazioni di Navalny allo Spiegel. Così è partito un altro ping-pong. "Sapete che raramente faccio causa ai propagandisti, anche se mentono su di me tutto il giorno: non voglio perdere tempo", ha scritto Navalny sul suo sito. "Tuttavia, questa è una dichiarazione di un funzionario del governo. Pertanto, in primo luogo, farò causa a Peskov. E in secondo luogo esigo la pubblicazione delle prove che indicano che io lavoro 'con gli specialisti della Cia'. Mostratele direttamente in Tv, in prima serata", ha tuonato Navalny.
Insomma, quel poco di aplomb istituzionale che era rimasto, è scomparso. Il numero uno dell'opposizione russa, d'altra parte, ha praticamente minacciato Mosca. "Non farò a Putin il regalo di non ritornare in Russia. Non tornare vorrebbe dire che Putin ha raggiunto il suo scopo. Il mio obiettivo è ora tornare in forma il prima possibile, così potrò rientrare", ha confidato ai giornalisti. Il Cremlino, sino adesso, ha sempre sostenuto che Navalny era libero di "rientrare" in patria. Ora chissà.

© Regiopress, All rights reserved