ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 ore

Benzina, lo sconto in Italia cala ma il prezzo resta migliore

In provincia di Como non sono preoccupati: ‘Rimaniamo molto più competitivi che in Ticino, per un pieno da noi si risparmieranno una decina di euro’
Spagna
3 ore

Bomba-carta all’ambasciata ucraina a Madrid, un ferito

La persona coinvolta nell’episodio ha ricevuto assistenza sanitaria, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Aperta un’indagine sull’accaduto
Italia
6 ore

Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni

Non muta invece la pena, che resta da 3 a 6 anni, come restano possibili le intercettazioni, circoscritte alle indagini sull’organizzazione dell’evento
Estero
11 ore

È morto l’ex presidente cinese Jiang Zemin

Aveva 96 anni ed era malato di leucemia. Guidò la Cina dalla fine degli anni Ottanta verso il nuovo millennio
Video
Italia
12 ore

Frana a Ischia: la vignetta dello scandalo

Intanto è spuntato nelle ultime ore un video che riprende il momento esatto del tragico scoscendimento
Tunisia
12 ore

Scoop terroristico senza rivelare fonti: giornalista condannato

All’agente delle forze dell’ordine, che è stato la ‘talpa’ del servizio mandato in onda su una radio, tre anni di reclusione
Confine
14 ore

Sequestrati a Ronago otto orologi per un valore di 350mila euro

I sette Rolex e un Patek Philippe erano a bordo di un’auto in entrata in Italia dalla Svizzera. Denunciate due persone.
Estero
22 ore

Kiev e la diplomazia ripiombano nel buio

Un’altra giornata di guerra, un’altra giornata di speranze deluse e provocazioni. Intanto l’Alleanza atlantica rilancia il suo impegno
24.09.2020 - 19:27

Sequestrati conti e appartamento a Navalny

La vendetta dell'oligarca Yevgeny Prigozhin contro l'oppositore russo appena dimesso dall'ospedale berlinese

sequestrati-conti-e-appartamento-a-navalny

Alexei Navalny non ha fatto in tempo a celebrare la dimissione dall'ospedale berlinese la Charité che si è visto sequestrare dalle autorità russe i suoi conti correnti e il suo appartamento nel quartiere semi centrale di Maryino, a seguito della causa intentata - e vinta - dall'oligarca Yevgeny Prigozhin. Quello che Vladimir Putin ha definito "il nostro George Soros". Prigozhin, sanzionato da Usa e Ue per le sue attività legate alla 'fabbrica dei troll' e alla compagnia d'armi privata Wagner, aveva annunciato poco tempo fa che avrebbe "rovinato" Navalny se fosse sopravvissuto all'avvelenamento. Fatto.

La vicenda in realtà è molto articolata. A inizio 2019 il Fondo Anti-Corruzione (Fbk) di Navalny aveva pubblicato un'indagine in cui indicava la società di catering alimentare Moskovsky Shkolnik come di proprietà Prigozhin (che ha negato) e l'ha accusata di aver provocato un'epidemia di dissenteria negli asili e nelle scuole di Mosca nel dicembre precedente. La società ha fatto causa e nell'ottobre del 2019 il tribunale ha condannato Fbk a pagare 88 milioni di rubli di danni (circa un milione di euro al cambio attuale). Non solo. Anche Navalny e l'avvocato del Fondo Lyubov Sobol sono stati condannati in solido. 

Infine, il  colpo di scena. Lo scorso agosto si è saputo che Prigozhin in persona aveva acquistato il credito dalla Moskovsky Shkolnik - ovvero dalla società che aveva negato di possedere - per poter rivalersi personalmente su Navalny e soci. Cosa che è puntualmente avvenuta. I conti di Fbk e di Sobol sono stati bloccati. E ora è toccato a Navalny.

"Invece di schierarsi con i bambini, il tribunale si è schierato con Prigozhin", ha commentato l'addetta stampa di Navalny Kira Yarmysh su Twitter. "Di conseguenza hanno sequestrato i beni e l'appartamento di una persona che era in coma", ha aggiunto, precisando che il principe degli oppositori russi (che ha una moglie e due figli) potrà ancora vivere nell'appartamento ma non potrà "venderlo, donarlo, affittarlo o ipotecarlo". Una vendetta evidentemente personale. Prigozhin, infatti, mentre Navalny era ancora in terapia intensiva allo Charité aveva effettuato un bonifico all'ospedale berlinese per finanziare le cure dell'oppositore. "Mi deve molti soldi, deve guarire", aveva fatto sapere attraverso il suo ufficio stampa.

Una spacconata che la clinica tedesca ha ignorato, rifiutando la transazione. Navalny, che ha promesso di tornare in Russia non appena la sua salute lo permetterà, per ora resta in Germania, dove sta continuando la sua riabilitazione. Il braccio di ferro tra il Cremlino e il resto del mondo intanto va avanti. Mosca, che nega l'avvelenamento, ha chiesto alla delegazione tedesca presso l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche di fornire "informazioni esaustive" sul cosiddetto caso Navalny e in particolare "i risultati di analisi, biomateriali e altri campioni clinici in possesso del governo federale". Il tutto entro dieci giorni, come da regolamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved