laRegione
Nuovo abbonamento
universita-di-durham-chat-shock-per-abbordare-studentesse-povere
Il castello della cittadina britannica
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 gior

Trump: Amy Coney Barrett al posto di Bader Ginsburg

Il presidente statunitense avrebbe deciso la sostituta alla Corte Suprema
Estero
1 gior

Un altro arresto eccellente tra le fila dell'Uck

Kosovo, fermato il vicepresidente dell'Associazione dei veterani, dopo l'ex capo dei servizi sereti
Estero
1 gior

Ucraina, precipita un aereo militare, 25 le vittime

L'incidente che ha coinvolto un Antonov An-26 è avvenuto in serata, nella regione di Charkow. Vi sono anche dei sopravvissuti. Ignote le cause del disastro
Estero
1 gior

Inghilterra, un premio a Magawa, il topo antimine

Riconoscimento di prestigio per il roditore che in Cambogia ha contribuito a scovare decine di ordigni inesplosi
Estero
1 gior

Attacco all'arma bianca sui luoghi di Charlie Hebdo

Un uomo aggredisce i passanti davanti alla vecchia sede del settimanale satirico, dove avvenne la strage del 7 gennaio 2015
Estero
1 gior

Vaticano, cardinale sollevato dall'incarico

Angelo Becciu non è più il prefetto delle Cause dei Santi ma mantiene la porpora. La decisione di Papa Francesco evidenzia un clima teso e di sfiducia
Estero
1 gior

Dopo-voto, i repubblicani 'garantiscono' per Trump

Il Senato approva una risoluzione che assicura una transizione pacifica in caso di sconfitta del presidente
Genova
1 gior

La Liguria chiede alla Svizzera di ripensarci

La regione inserita nella lista delle aree a rischio coronavirus sollecita Berna a tornare sulla decisione: 'Superamento solo a La Spezia'
Francia
1 gior

Attacco con la mannaia a Parigi, il sospettato ha confessato

Si tratta di un 18enne pachisatano che non avrebbe precedenti per radicalismo islamico, ma noto alla polizia per reati comuni. Altri 5 fermi nelle ultime ore
Confine
1 gior

Como, don Roberto non è stato ucciso per motivi religiosi

Il ministro dell'Interno italiano Luciana Lamorgese ha tracciato il curriculum del presunto omicida. ‘Non è mai emerso come figura pericolosa’
Video
Francia
1 gior

Attacco col machete nei pressi dell'ex redazione di Charlie Hebdo

Almeno due feriti, di cui uno grave. I due sospetti aggressori sono attualmente in stato di fermo.
Estero
15.09.2020 - 20:320

Università di Durham, chat shock per abbordare studentesse povere

Nei messaggi, scambiati da studenti maschi appartenenti alla classe alta, si discuteva anche consigli sulle droghe utili a far cadere le inibizioni

È uno degli atenei più prestigiosi del Regno Unito e vanta 188 anni di storia, con tanto di motto tratto dai Salmi. Ma uno scandalo che si allarga fra i suoi corridoi e dormitori rischia di gettare un'ombra di vergogna irreparabile sull'università di Durham, gloria accademica del nord dell'Inghilterra. Un gruppo di studenti maschi neoiscritti, che la stampa britannica definisce "posh" (di buona famiglia o figli di papà, che dir si voglia) sono stati pescati a scambiarsi messaggi in chat sulla promozione di una sorta di caccia alle colleghe più povere, messe in palio come per scommessa in un diluvio di richiami sessisti, classisti e persino di riferimenti espliciti allo stupro: almeno a parole.

'Vince chi porta a letto la ragazza più povera del campus'

L'idea iniziale, come hanno denunciato diversi giornali riaprendo un dibattito allarmato ormai in corso da una settimana sull'isola, pare sia stata quella di dar vita a una competizione interna: vince chi riesce a portarsi a letto la ragazza più povera del campus. Un'espressione particolarmente ripugnante di elitismo 'made in UK', notano alcuni commentatori, che proprio nelle università e nella sottocultura di club e confraternite studentesche tocca tradizionalmente i punti più bassi fra rituali d'iniziazione e abusi sessuali compiuti anche a base di droghe e alcol, come emerso in non pochi fatti di cronaca.

Consigli online sulle droghe che fanno cadere le inibizioni

In questo caso i predatori sono stati scoperti grazie all'azione di un gruppo Facebook universitario chiamato 'Overheard at Durham Uni'. Da una delle chat denunciate sul social network sono spuntate 'discussioni' fra circa 60 ragazzi, in gran parte matricole, sorpresi a fare non solo i gradassi, ma a usare apertamente il verbo "stuprare", nonché a scambiarsi consigli sulle droghe più efficaci per eliminare "le inibizioni" delle potenziali vittime e sui modi per mantenere segrete le loro conversazioni via internet.

Sono tutti studenti appartenenti alla upper-class, secondo la ricostruzione dei tabloid, che guardano con disprezzo evidente chi sia di più bassa estrazione sociale. E non solo: nella chat incriminata il classismo s'incrocia infatti con i peggiori toni sessisti infarciti di volgarità sulle ragazze, specialmente quelle meno abbienti catalogate alla stregua di oggetti per il divertimento personale o di trofei.

L'università avvia un'inchiesta

Dopo la denuncia, l'università è finalmente intervenuta avviando un'inchiesta ma limitandosi per ora a minacciare provvedimenti di espulsione. "Si tratta di commenti ripugnanti e di una chat inaccettabile per i nostri valori e i nostri principi", ha concesso un dirigente dell'ateneo, Jeremy Cook, in attesa che il rettorato di Durham passi dalle parole ai fatti.

Intanto la vicenda torna ad alimentare l'eterno dibattito - sociale, ma anche politico - sul modo in cui non di rado vengono tuttora trattate qua e là nel Regno le donne, nel mondo accademico come altrove, specie se figlie della working-class.

"Quanto accade a Durham non è nuovo e nemmeno sorprendente, nelle più prestigiose università ci sono problemi di classismo, razzismo e misoginia da molti anni", ha osservato Lisa McKenzie, docente di sociologia e attivista che ha dedicato diversi saggi alla piaga delle discriminazioni. Secondo la ricercatrice, che rivendica fieramente le sue radici povere, a cambiare deve essere una certa narrativa che continua a "svilire" la classe lavoratrice britannica, e specialmente le donne che vi appartengono per origine. Ma anche il clima d'impunità e di privilegio (di ceto o di censo) su cui troppi figli di papà del Regno possono ancora contare: come si sospetta sia avvenuto in almeno tre recenti assoluzioni collettive di studenti 'posh' accusati di violenza sessuale in altrettanti campus.
 
  

© Regiopress, All rights reserved