13.08.2020 - 15:09
Aggiornamento: 15:44

Poca pressione dell'acqua, Trump non può fare lo shampoo

Il tycoon si è lamentato dicendo che non poteva lavarsi bene i suoi 'bellissimi capelli' e ha annunciato modifiche alla legge sull'erogazione d'acqua

poca-pressione-dell-acqua-trump-non-puo-fare-lo-shampoo
Specchietto, specchietto, chi è il presidente più bello del reame? (Keystone)

Donald Trump non riesce a lavarsi le mani o farsi lo shampoo perché la pressione dell'acqua non è sufficiente: la settimana scorsa, riportano i media americani, il tycoon si era lamentato dicendo che non poteva lavarsi bene i suoi "bellissimi capelli" e aveva annunciato di avere già provveduto a cambiare la legge sull'erogazione d'acqua.

Il governo non ha perso tempo: il dipartimento dell'Energia ha proposto ieri di modificare la definizione del soffione della doccia per permettere un maggior flusso d'acqua.

Secondo una legge del 1992, i soffioni della doccia negli Stati Uniti non possono erogare più di 2,5 galloni d'acqua al minuto, ovvero circa 9,5 litri. Adesso l'amministrazione Trump vuole che questo limite non si applichi più all'intero soffione, ma a ciascun ugello.

Tuttavia, la proposta del dipartimento dell'Energia si è già scontrata con le critiche dei gruppi di consumatori e di ambientalisti, che giudicano l'idea un inutile spreco. E secondo alcuni media se dovesse procedere, la proposta potrebbe essere impugnata anche nelle aule di tribunale.

"Si entra in una nuova casa, si apre il rubinetto, l'acqua non esce", si era lamentato Trump giovedì scorso durante una visita in una fabbrica della Whirlpool a Clyde, nell'Ohio. "Aprite la doccia e, se siete come me, non potete lavarvi bene i vostri bellissimi capelli. Perdete 20 minuti. Per favore esci - aveva proseguito riferendosi all'acqua -. L'acqua gocciola, giusto? Sapete di cosa sto parlando, ci mettono i limitatori (di flusso, ndr). Io me ne sono sbarazzato, con una firma", aveva poi reso noto.

Secondo Andrew deLaski, direttore del gruppo per la conservazione dell'energia Appliance Standards Awareness Project, si tratta di una proposta "sciocca": con quattro o cinque ugelli in più, ha spiegato, "si potrebbero avere 10-15 galloni al minuto che escono dal soffione della doccia, una potenza tale da spazzarti via fuori dal bagno". E poi: "Se il presidente ha bisogno d'aiuto per trovare una buona doccia possiamo indirizzarlo verso alcuni ottimi siti per consumatori che aiutano a individuare un buon soffione della doccia...".

Da parte sua, il vice presidente dell'organizzazione Consumer Reports, David Friedman, ha commentato che i soffioni della doccia negli Stati Uniti già "ottengono elevati livelli di soddisfazione dei consumatori" e fanno risparmiare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved