laRegione
Nuovo abbonamento
mano-dura-della-polizia-in-bielorussia-ue-convoca-vertice
Minsk (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
8 ore

Porto Ceresio perde sindaca e consiglio comunale

Jenny Santi, in carica dal 2016, è stata sfiduciata. Consiglieri comunali dimissionari e comune commissariato
Estero
9 ore

Trump e Biden, un duello più che un dibattito

Al loro primo confronto televisivo, i due candidati alla presidenza Usa tra offese reciproche e una grande confusione
Estero
17 ore

Disney licenzia altri 28mila dipendenti a causa del covid-19

Il 67 per cento dei tagli riguarderà i lavoratori statunitensi a tempo parziale. I tagli annunciati in settembre seguono quelli (globali) di aprile 2020
Estero
17 ore

Usa, il duello tv fra Trump è Biden sarà blindato

A poche ore dal dibattito, le strade di Cleveland sono pattugliate e recintata la zona. Nel frattempo, gli staff dei contendenti si lanciano accuse a vicenda
Estero
18 ore

Usa, Trump invia al Senato la nomina di Barrett alla Corte suprema

La giudice sembra possa raccogliere consenso dai senatori del Gran Old Party. I democratici invece non si incontreranno per la vicinanza con le elezioni
Estero
19 ore

I Comuni approvano la legge anti-Ue

Via libera definitivo al testo che consente al governo britannico di violare gli impegni presi con Bruxelles sulla Brexit
Estero
20 ore

Virus, la mortalità in Israele supera gli Usa

Nel Regno Unito il picco di contagio da marzo: oltre settemila nuovi contagi
Estero
20 ore

Condannato lo 'storico del gulag'

Un tribunale russo infligge tredici anni a Yuri Dmitriev, responsabile di 'Memorial' per 'abusi su minore'
Estero
21 ore

La Turchia ha fretta di combattere nel Nagorno-Karabakh

Mosca sollecita Armenia e Azerbaigian a negoziare, mentre Ankara è "pronta ad aiutare Baku a riprendersi le sue terre occupate"
Estero
21 ore

Biden pubblica la dichiarazione dei redditi

Il candidato democratico alla Casa Bianca ha pagato 300mila dollari per il 2019
Estero
12.08.2020 - 21:110

Mano dura della polizia in Bielorussia, Ue convoca vertice

Il bilancio ufficiale degli scontri è di un migliaio di arresti e 65 feriti, tra cui 51 manifestanti e 14 agenti. Tra i dimostranti si conta almeno un morto

Calci e manganellate contro persone a terra inermi, lacrimogeni e granate stordenti contro chi contesta la vittoria dell' "ultimo dittatore d'Europa" alle presidenziali e denuncia massicce irregolarità nel voto. In Bielorussia la polizia continua a soffocare le proteste anti-regime in maniera brutale, con un uso sproporzionato della forza che ha sollevato indignazione in gran parte della comunità internazionale. L'Alto Commissario Onu per i diritti umani Michelle Bachelet ha fermamente condannato la repressione delle manifestazioni e lo stesso hanno fatto le diplomazie occidentali, da Washington a Bruxelles, con l'Ue che ha convocato per venerdì un consiglio degli Esteri straordinario
durante il quale potrebbero essere adottate nuove misure restrittive nei confronti delle autorità di Minsk. Il bilancio ufficiale degli scontri della scorsa notte è di un migliaio di arresti e 65 feriti, tra cui 51 manifestanti e 14 agenti.

Ma stavolta, stando a quanto riferisce lo stesso ministero dell'Interno, gli agenti hanno anche aperto il fuoco contro i dimostranti. La polizia sostiene infatti di aver sparato contro un gruppo di dimostranti a Brest e di aver ferito
uno di loro. Gli agenti dichiarano di aver sparato per difendersi dopo essere stati "attaccati da un gruppo di cittadini aggressivi che avevano in mano spranghe di metallo", ma è difficile verificare se questa versione corrisponda al
vero. Per ora i video pubblicati sul web e le testimonianze dei giornalisti sul posto raccontano di violenze della polizia che non hanno precedenti nella più recente storia bielorussa. Polonia, Lettonia e Lituania - il Paese dove è stata costretta a emigrare la leader dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya - hanno proposto un piano di de-escalation in tre punti, che prevede un Consiglio nazionale bielorusso con rappresentanti del governo e della società civile, la fine delle violenze da parte del regime e la liberazione dei tantissimi manifestanti finiti dietro le sbarre. Altrimenti potrebbero scattare le misure restrittive sul tavolo di Bruxelles. Anche la ministra degli Esteri svedese Ann Linde ha spiegato che l'Ue potrebbe sanzionare i responsabili della repressione se il governo dovesse rifiutarsi di rilasciare le migliaia di persone arrestate in questi giorni.

In tutto, sarebbero 6.000 le persone trascinate via dalla polizia dalla notte di domenica, quando i poco credibili risultati del trionfo di Lukashenko alle presidenziali ha fatto esplodere le proteste. Gli oppositori denunciano brogli massicci e molti osservatori ritengono costruita a tavolino la "maggioranza bulgara" dell'80% con la quale la Commissione elettorale ha annunciato la rielezione di colui che governa la Bielorussia col pugno di ferro ormai da oltre un quarto di secolo. I feriti, stando ai dati ufficiali, sono 250. Ma tra i dimostranti si conta almeno un morto. Il regime di Lukashenko non ha risparmiato neanche i giornalisti, alcuni sono stati picchiati, altri sono stati arrestati. Si stima che siano una cinquantina i reporter finiti in un centro detentivo bielorusso e tra loro c'è anche un italiano, Claudio Locatelli, ora libero. "Sono stato brutalmente arrestato e dopo tre giorni senza cibo e poca acqua sono libero", racconta in un video girato nell'ambasciata italiana a Minsk.

La gente però non resta in silenzio davanti alla ferocia del regime e oggi le donne bielorusse sono state protagoniste di una serie di pacifiche manifestazioni: a decine, a volte a centinaia, si sono messe l'una accanto all'altra creando delle vere e proprie catene umane in segno di solidarietà con chi è rimasto ferito negli scontri. Alcune di loro avevano in mano dei fiori. Tante erano vestite di bianco, il colore diventato il nuovo simbolo del dissenso in Bielorussia. 

© Regiopress, All rights reserved