PHI Flyers
0
SEATTLE KRAKEN
0
1. tempo
(0-0)
TOR Leafs
0
NY Rangers
0
1. tempo
(0-0)
beirut-sotto-choc-chiede-la-verita
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
2 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
3 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
6 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
6 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
7 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
8 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
9 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
9 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
10 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
10 ore

Escort a Berlusconi, per Tarantini 2 anni e 10 mesi definitivi

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’imprenditore pugliese per aver portato escort nelle residenze dell’ex premier fra il 2008 e il 2009
Confine
12 ore

Fino Mornasco, scritta ‘Sindacati nazisti’ fuori dalla sede Cgil

Lo rende noto il sindacato precisando che non si tratta del primo caso in zona: presa di mira anche la Camera del Lavoro di Lomazzo
Estero
12 ore

Trieste, dopo lo sgombero manifestanti in centro, agente ferito

Il corteo che è stato allontanato dal porto sta attraversando il centro della città. Un agente è rimasto ferito, al vaglio la posizione di 5/6 persone
Estero
13 ore

Contromano e in velocità, posta video su Instagram: rintracciato

Per un 28enne bergamasco 450 euro di multa e il ritiro della patente: il video in diretta delle follie al volante è arrivato anche ai carabinieri
Estero
13 ore

Nel Pacifico ‘un’isola felice’ vicina al 100% di vaccinati

La repubblica di Palau, 500 isole nel Pacifico Occidentale, ha il 99% di popolazione sopra i 12 anni vaccinata. Finora registrati solo 8 casi e 0 decessi
Libano
05.08.2020 - 20:530
Aggiornamento : 22:34

Beirut sotto choc chiede la verità

Nella capitale devastata si contano almeno 135 morti, cinquemila feriti e 300mila sfollati

Beirut - 'Ground zero', 'Beirut anno zero': definizioni scontate e drammaticità delle immagini si sono sommate oggi per cercare di dare una definizione al dramma che ha investito la capitale libanese, devastata martedì dall'esplosione di 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio stoccate nel porto.

Choc senza precedenti

Lo choc subito da una città già messa in ginocchio da una crisi economica gravissima è stato enorme, senza precedenti neppure negli anni della guerra civile (1975-1990).  Il bilancio ufficiale, ancora provvisorio, parla di almeno 135 morti, 5.000 feriti, decine di dispersi e oltre 300mila sfollati, costretti a lasciare le proprie abitazioni devastate nel raggio di chilometri dal sisma di magnitudo 3.3, provocato dallo scoppio. Ma anche i numeri del disastro non dicono tutto.

Secondo i resoconti delle agenzie, è soprattutto lo sgomento degli abitanti a confermare la gravità dell'evento.Tanto che, seppure sostenuta da elementi piuttosto solidi, la versione ufficiale sulle cause della doppia esplosione, cominciano a essere messe in discussione da più parti.

Non va dimenticato che il governo in carica è oggetto delle proteste popolari da parecchi mesi e il credito di cui gode è assolutamente basso. Se infatti non si è trattato di un attentato, ciò non basta ad assolvere un esecutivo a cui si rimprovera di non avere messo in sicurezza un'area che si sapeva minacciata dall'enorme quantità di materiale esplosivo sotto sequestro da anni e mai trasferito in aree più idonee.

Alla ricerca dei responsabili

Le distruzioni maggiori hanno riguardato i quartieri orientali cristiani più vicini al porto: Mar Mikhael, Geitawi, Ashrafieh, Bourj Hammoud. Ma lo spostamento d’aria ha scardinato le porte e mandato in frantumi le finestre fino a chilometri di distanza. Il governo ha dichiarato uno stato d’emergenza per almeno due settimane, e il ministro della salute Hamad Hasan ha invitato chi può a lasciare la città per il timore della diffusione nell’aria di sostanze tossiche. Il presidente della Repubblica, Michel Aoun, ha convocato una riunione con il governo, chiedendo che i responsabili siano presto individuati.

Chiesti gli arresti domiciliari per i responsabili del deposito

L’esecutivo ha chiesto alla magistratura militare di mettere agli arresti domiciliari durante l’inchiesta tutti i responsabili che nel porto hanno avuto a che fare con la gestione del nitrato di ammonio, che secondo il ministro dell’Interno, Mohammed Fehmi, vi era stoccato dal 2014. Da quando, cioè, era stato sequestrato a bordo di una nave, la Rhosus, battente bandiera moldava ma in realtà di proprietà di un armatore russo, salpata dalla Georgia ed era diretto in Mozambico. Oggi ci si chiede perché un materiale così pericoloso sia rimasto per tanto tempo nel pieno centro di Beirut. I funzionari doganali inviarono almeno cinque lettere ai giudici tra il 2014 e il 2017 chiedendo loro cosa fare del carico sequestrato, che venne messo nel deposito numero 12 del porto. Secondo una lettera datata 2016 e citata ieri da Al Jazeera le richieste dei funzionari sono sempre cadute nel vuoto. 

I testimoni: 'sentito il rumore di aerei prima delle esplosioni'

Quanto alle cause del'esplosione, diversi testimoni hanno riferito all’Ansa di avere sentito il rumore di aerei poco prima delle esplosioni. Ma qualcuno fa notare che i voli di ricognizione israeliani si sono intensificati nelle ultime settimane in coincidenza con una recrudescenza delle tensioni di confine fra lo Stato ebraico e le milizie libanesi filo-iraniane di Hezbollah. D'altro canto, entrambe le parti hanno del resto smentito l’ipotesi di un raid israeliano mal calcolato contro depositi di armi del Partito di Dio.

A Beirut il patriarca maronita, cardinale Beshara al Rai, ha parlato di “misteriosa esplosione”. Mentre l’ex primo ministro Saad Hariri, avversario di Hezbollah, ha descritto la tragedia come "l’assassinio di Beirut”, aggiungendo: “I libanesi sanno di chi parlo”. Insieme a lui, altri tre ex primi ministri libanesi (Najib Miqati, Fouad Saniora e Tammam Salam) hanno chiesto che sia una commissione d'inchiesta internazionale ad appurare le cause delle due esplosioni, sollecitando Nazioni Unite e Lega Araba a formare una commissione d'inchiesta internazionale (araba, hanno precisato), composta da giudici e investigatori "professionali e imparziali per scoprire le circostanze e le cause della catastrofe". 

Rinviata la sentenza su Hariri

Come era infine da prevedere, le macerie non hanno sepolto le tensioni che da tempo attraversano il Paese. Semmai le hanno esasperate. Ieri pomeriggio si è quasi giunti allo scontro tra sostenitori e oppositori dello stesso Hariri durante una visita sulla Piazza dei Martiri alla tomba del padre Rafic, ucciso nel 2005 insieme ad altre 21 persone in un attentato per il quale sono imputati quattro membri di Hezbollah, tutti latitanti.

Il Tribunale speciale dell’Onu, responsabile per il procedimento, ha deciso di rinviare al 18 agosto la sentenza, in origine prevista per venerdì. Prudentemente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved