beirut-sotto-choc-chiede-la-verita
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

‘In Cina la stretta sugli uiguri fu pianificata dal Pcc’

È quanto scrive il Guardian citando documenti segreti diffusi online, fra cui tre discorsi di Xi Jinping del 2014
Estero
3 ore

Eric Zemmour ufficializza la candidatura alla presidenza

‘Perché i nostri figli non conoscano la barbarie, le nostre figlie non siano velate’. Così il polemista motiva la candidatura in un video su YouTube
Estero
4 ore

La Grecia pensa a multe di 100 euro al mese agli over 60 no-vax

Lo ha dichiarato il premier greco. La sanzione è prevista per le persone di oltre 60 anni che rifiutano di vaccinarsi entro il 16 gennaio
Estero
5 ore

Il Ceo di Moderna: i vaccini faticheranno contro Omicron

Per Stéphane Bancel è prevedibile ‘un calo sostanziale’ dell’efficacia dei vecchi vaccini
Estero
5 ore

Caso Luca Morisi, la Procura chiederà l’archiviazione

Valutata la ‘particolare tenuità del fatto’ per l’ex responsabile comunicazione della Lega: la ‘droga dello stupro’ non era stata procurata da lui
Estero
6 ore

Australia, una legge antianonimato contro i leoni da tastiera

Una proposta contro il bullismo online verrà presentata al Parlamento all’inizio del prossimo anno
Estero
7 ore

Eric Zemmour annuncerà oggi la sua candidatura a presidente

Il polemista di estrema destra pubblicherà oggi un video sui suoi canali social
Estero
18 ore

Svezia, la seconda volta di Magdalena Andersson

La 54enne ex ministra delle Finanze si era dimessa da premier dopo appena sette ore di governo. Oggi il Parlameno l’ha rieletta.
Estero
19 ore

Costruiti i primi robot viventi capaci di riprodursi

Sono in grado di muoversi nello spazio e auto–replicarsi assemblando le cellule che incontrano lungo il percorso
Estero
20 ore

California, armi da fuoco: nuova strage di bambini

Una donna e 4 bimbi sotto i 12 anni (tre maschi e una femmina, tra cui un neonato) uccisi in un’abitazione a nord di Los Angeles. Arrestato il padre.
Estero
22 ore

Linee comunicazione Ue: via Miss e Mrs e riferimenti al Natale

‘Non usare nomi o pronomi che siano legati al genere del soggetto’, ed ‘evitare di dare per scontato che tutti siano cristiani’
Estero
23 ore

Pandemia frena la lotta all’Hiv: -50% terapie bimbi

Il rapporto dell’Unicef ‘Hiv and Aids Global Snapshot’ mostra che i test Hiv per i neonati nei Paesi ad alta prevalenza virus sono nettamente diminuiti
Estero
1 gior

Eitan torna in Italia, la Corte Suprema rigetta il ricorso

Secondo la Corte israeliana il bambino non può essere allontanato dalla sua residenza abituale, ovvero l’Italia, in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita
Estero
1 gior

Nel 2020 è morto di Aids un bambino ogni 5 minuti

Circa l’88% delle 120’000 morti di bambini legate all’Aids è avvenuto nell’Africa sub-sahariana. Almeno 310’000 i bimbi contagiati nel 2020
Libano
05.08.2020 - 20:530
Aggiornamento : 22:34

Beirut sotto choc chiede la verità

Nella capitale devastata si contano almeno 135 morti, cinquemila feriti e 300mila sfollati

a cura de laRegione

Beirut - 'Ground zero', 'Beirut anno zero': definizioni scontate e drammaticità delle immagini si sono sommate oggi per cercare di dare una definizione al dramma che ha investito la capitale libanese, devastata martedì dall'esplosione di 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio stoccate nel porto.

Choc senza precedenti

Lo choc subito da una città già messa in ginocchio da una crisi economica gravissima è stato enorme, senza precedenti neppure negli anni della guerra civile (1975-1990).  Il bilancio ufficiale, ancora provvisorio, parla di almeno 135 morti, 5.000 feriti, decine di dispersi e oltre 300mila sfollati, costretti a lasciare le proprie abitazioni devastate nel raggio di chilometri dal sisma di magnitudo 3.3, provocato dallo scoppio. Ma anche i numeri del disastro non dicono tutto.

Secondo i resoconti delle agenzie, è soprattutto lo sgomento degli abitanti a confermare la gravità dell'evento.Tanto che, seppure sostenuta da elementi piuttosto solidi, la versione ufficiale sulle cause della doppia esplosione, cominciano a essere messe in discussione da più parti.

Non va dimenticato che il governo in carica è oggetto delle proteste popolari da parecchi mesi e il credito di cui gode è assolutamente basso. Se infatti non si è trattato di un attentato, ciò non basta ad assolvere un esecutivo a cui si rimprovera di non avere messo in sicurezza un'area che si sapeva minacciata dall'enorme quantità di materiale esplosivo sotto sequestro da anni e mai trasferito in aree più idonee.

Alla ricerca dei responsabili

Le distruzioni maggiori hanno riguardato i quartieri orientali cristiani più vicini al porto: Mar Mikhael, Geitawi, Ashrafieh, Bourj Hammoud. Ma lo spostamento d’aria ha scardinato le porte e mandato in frantumi le finestre fino a chilometri di distanza. Il governo ha dichiarato uno stato d’emergenza per almeno due settimane, e il ministro della salute Hamad Hasan ha invitato chi può a lasciare la città per il timore della diffusione nell’aria di sostanze tossiche. Il presidente della Repubblica, Michel Aoun, ha convocato una riunione con il governo, chiedendo che i responsabili siano presto individuati.

Chiesti gli arresti domiciliari per i responsabili del deposito

L’esecutivo ha chiesto alla magistratura militare di mettere agli arresti domiciliari durante l’inchiesta tutti i responsabili che nel porto hanno avuto a che fare con la gestione del nitrato di ammonio, che secondo il ministro dell’Interno, Mohammed Fehmi, vi era stoccato dal 2014. Da quando, cioè, era stato sequestrato a bordo di una nave, la Rhosus, battente bandiera moldava ma in realtà di proprietà di un armatore russo, salpata dalla Georgia ed era diretto in Mozambico. Oggi ci si chiede perché un materiale così pericoloso sia rimasto per tanto tempo nel pieno centro di Beirut. I funzionari doganali inviarono almeno cinque lettere ai giudici tra il 2014 e il 2017 chiedendo loro cosa fare del carico sequestrato, che venne messo nel deposito numero 12 del porto. Secondo una lettera datata 2016 e citata ieri da Al Jazeera le richieste dei funzionari sono sempre cadute nel vuoto. 

I testimoni: 'sentito il rumore di aerei prima delle esplosioni'

Quanto alle cause del'esplosione, diversi testimoni hanno riferito all’Ansa di avere sentito il rumore di aerei poco prima delle esplosioni. Ma qualcuno fa notare che i voli di ricognizione israeliani si sono intensificati nelle ultime settimane in coincidenza con una recrudescenza delle tensioni di confine fra lo Stato ebraico e le milizie libanesi filo-iraniane di Hezbollah. D'altro canto, entrambe le parti hanno del resto smentito l’ipotesi di un raid israeliano mal calcolato contro depositi di armi del Partito di Dio.

A Beirut il patriarca maronita, cardinale Beshara al Rai, ha parlato di “misteriosa esplosione”. Mentre l’ex primo ministro Saad Hariri, avversario di Hezbollah, ha descritto la tragedia come "l’assassinio di Beirut”, aggiungendo: “I libanesi sanno di chi parlo”. Insieme a lui, altri tre ex primi ministri libanesi (Najib Miqati, Fouad Saniora e Tammam Salam) hanno chiesto che sia una commissione d'inchiesta internazionale ad appurare le cause delle due esplosioni, sollecitando Nazioni Unite e Lega Araba a formare una commissione d'inchiesta internazionale (araba, hanno precisato), composta da giudici e investigatori "professionali e imparziali per scoprire le circostanze e le cause della catastrofe". 

Rinviata la sentenza su Hariri

Come era infine da prevedere, le macerie non hanno sepolto le tensioni che da tempo attraversano il Paese. Semmai le hanno esasperate. Ieri pomeriggio si è quasi giunti allo scontro tra sostenitori e oppositori dello stesso Hariri durante una visita sulla Piazza dei Martiri alla tomba del padre Rafic, ucciso nel 2005 insieme ad altre 21 persone in un attentato per il quale sono imputati quattro membri di Hezbollah, tutti latitanti.

Il Tribunale speciale dell’Onu, responsabile per il procedimento, ha deciso di rinviare al 18 agosto la sentenza, in origine prevista per venerdì. Prudentemente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved