turchia-dopo-santa-sofia-gli-islamisti-chiedono-il-califfato
Festeggiamenti per la riapertura di Santa Sofia quale moschea (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Gran Bretagna, otto mesi per aver morso un poliziotto (cane)

Un 34enne ha aggredito un agente e addentato la testa del police dog che lo accompagnava. L’uomo ha dovuto rispondere di sei capi di imputazione
Estero
7 ore

La Birmania apre a possibili negoziati con Aung San Suu Kyi

La giunta militare vuole porre fine alla crisi politica della nazione e apre alla ex leader, rovesciata e arrestata l’anno scorso con un colpo di Stato
la guerra in ucraina
8 ore

Putin dice sì agli ispettori Aiea, ma blocca ancora Nord Stream

Giornata tesa intorno a Zaporizhzhia, sbloccata dopo una telefonata con Macron: Kiev teme che i russi vogliano scollegare la centrale dalla rete ucraina
Estero
8 ore

Guerra in Ucraina: prima denuncia in Svizzera

Riguarda un fotoreporter ginevrino ferito al volto e all’avambraccio nella regione di Mykolaiv dai soldati russi
Estero
8 ore

Ergastolo per ‘George’, uno dei ’Beatles’ dell’Isis

El Shafee Elsheikh è uno dei quattro militanti membro di una cellula specializzata nella cattura, tortura e decapitazione di ostaggi occidentali in Siria
Confine
10 ore

Donna uccisa a Malnate, arrestato un conoscente

Un 60enne è stato arrestato per l’omicidio della 73enne trovata morta in casa sua a Malnate il 22 luglio
Stati Uniti
12 ore

Paramount continuerà a mettere in onda la Champions League

La società sborserà la bellezza di 1,5 miliardi di dollari per i prossimi sei anni per diffondere le partite oltre Atlantico
Estero
16 ore

Spagna: piloti di easyJet di nuovo in sciopero

Il secondo dei tre scioperi da 72 ore indetto da un sindacato di piloti della compagnia aerea si somma a quello di parte del personale di cabina Ryanair
Estero
17 ore

Frasi sull’Olocausto, Abu Mazen denunciato in Germania

La polizia conferma una denuncia da parte di un nipote di sopravvissuti ai crimini nazisti. Ma c’è il nodo dell’immunità diplomatica
Italia
18 ore

Maxisequestro di marijuana in provincia di Bari

Nella centrale per il confezionamento clandestino, trovati 900 kg di stupefacente. In manette due persone
Stati Uniti
19 ore

Scontro tra due Cessna nei cieli della California

Secondo la Federal Aviation Administration, a bordo c’erano in totale tre persone. Ancora da stabilire il numero di vittime
Stati Uniti
21 ore

Trump aveva sottratto carte su sicurezza nazionale

È quanto indicano i documenti procedurali legati alla perquisizione della villa in Florida dell’ex presidente degli Stati Uniti
Turchia
27.07.2020 - 20:02
Aggiornamento: 21:55
Ats, a cura de laRegione

Turchia, dopo Santa Sofia gli islamisti chiedono il califfato

Sarebbe una nuova picconata all'eredità di Ataturk. Erdogan nicchia, ma a rischio c'è pure la convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Dopo Santa Sofia, il Califfato. Galvanizzati dalla riconversione da museo in moschea dell'ex basilica cristiana, monumento simbolo di Istanbul, gli islamisti turchi vanno alla carica.

Dopo il rovesciamento del decreto del padre della patria Mustafa Kemal Ataturk, che 86 anni fa aveva sottratto Santa Sofia alle rivendicazioni religiose, nel mirino degli ultraconservatori c'è un'altra storica riforma del fondatore della Turchia contemporanea: l'abolizione nel 1924 del Califfato, eredità dall'impero ottomano.

'Campagna shock'

A lanciare la campagna shock è il settimanale Gercek Hayat, di proprietà del gruppo editoriale Albayrak, che controlla anche il quotidiano filogovernativo Yeni Safak. Sull'ultima copertina campeggia su sfondo rosso il titolo "Raduniamoci per il Califfato", accompagnato dall'occhiello "Se non ora, quando, se non tu, chi?".

Un appello al presidente Recep Tayyip Erdogan ribadito anche in inglese e arabo, a indicare un'ambizione su scala internazionale, rivolgendosi alla comunità dei fedeli musulmani nel mondo, la umma. "Ora Ayasofya (Santa Sofia) e la Turchia sono libere", recita ancora la copertina.

Il portavoce di Erdogan deve precisare: 'La repubblica turca è uno stato di diritto'

Pressioni che l'Akp di Erdogan non prende per ora in considerazione. Per frenare le polemiche è anzi intervenuto via Twitter il suo portavoce, Omer Celik. "La Repubblica turca è uno stato di diritto democratico, laico e sociale. Con queste caratteristiche - ha dichiarato - la Repubblica è il nostro terreno comune" e "durerà per sempre". La provocazione resta però preoccupante, tanto che l'ordine degli avvocati di Ankara ha presentato una denuncia per eversione costituzionale e istigazione alla violenza.

A rischio la convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

In questo clima di revanscismo islamista, i timori di possibili passi indietro tuttavia non mancano. A rischio appare soprattutto la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, ribattezzata Convenzione di Istanbul perché proprio nella metropoli sul Bosforo venne aperta alla firma nel 2011.

Un paradosso, visto che la Turchia fu il primo Paese a ratificarla, con un governo e un Parlamento anche allora guidati dal partito di Erdogan. Ma gli ambienti conservatori hanno comunque attaccato il testo, accusandolo di fomentare una visione ostile alla famiglia tradizionale. Rivendicazioni che fanno leva anche sull'annuncio della Polonia di volersi tirare indietro.

E Ankara, ha avvisato il vice-leader dell'Akp Numan Kurtulmus, non esclude di fare altrettanto. Le associazioni femministe sono sulle barricate. Dopo essere scese ieri in piazza in diverse città turche, migliaia di donne hanno aderito a un'iniziativa social in difesa della Convenzione, pubblicando la propria foto in bianco e nero per denunciare le violenze di genere.

Una mobilitazione cresciuta anche sull'onda dello sdegno per il brutale femminicidio la scorsa settimana della 27enne universitaria Pinar Gultekin da parte dell'ex fidanzato. Dopo il record negativo di 474 vittime del 2019, denuncia la piattaforma 'Fermiamo i femminicidi', dall'inizio dell'anno le donne uccise in Turchia sono almeno 155.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved