laRegione
Nuovo abbonamento
johnson-chiude-a-huawei-trump-ringrazia
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
17 ore

Boeing si spezza in due all'atterraggio in India

Il velivolo della Air India proveniente da Dubai si è schiantato all'aeroporto di Kozhikode, nel sud del paese. Passeggeri tutti indiani, almeno 20 i morti.
Estero
18 ore

Strali cinesi su Trump per la messa al bando di TikTok e WeChat

TikTok minaccia azioni legali. Il ministero degli esteri: repressione politica. Ma il presidente americano si fa forte dell’appoggio del Congresso.
Estero
18 ore

Scontri per le strade di Beirut, preludio al raduno di protesta

Grande manifestazione domani nella capitale libanese ancora sotto shock. Nasrallah, capo di Hezbollah: non avevamo un deposito di armi nel porto.
Estero
20 ore

Coronavirus in Italia, salgono ancora i contagi

Nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della salute, si sono registrati 552 nuovi casi, 150 in più di ieri
Estero
23 ore

TikTok minaccia azione legale contro ordine Trump

Il presidente americano ha firmato un decreto che obbliga la cinese ByteDance a vendere la partecipazione nelle operazioni di TikTok negli Usa
Confine
23 ore

Boom di aspiranti camici bianchi all'Università dell'Insubria

Si sono moltiplicate le iscrizioni ai corsi di Medicina, Odontoiatria e Fisioterapia. Le immatricolazioni vanno al di là dei posti disponibili
Estero
1 gior

Beirut, incendio in zona esplosione

Un incendio al momento di limitate dimensioni si è sviluppato vicino al luogo dell'esplosione. Arrestato il direttore del porto
Estero
1 gior

Beirut: 157 morti, arrestato il direttore del porto

È tra le sedici persone arrestate dopo la violenta esplosione che ha devastato la capitale libanese. I feriti sono oltre cinquemila.
Estero
1 gior

Trump: 'Ho rilanciato io la Nasa', ma l'astronauta lo bacchetta

Botta e risposta tra il presidente Usa e Scott Kelly, che ha il record di permanenza nello spazio: 'I grandi leader si prendono le colpe e distribuiscono i meriti'
Confine
1 gior

Morto uomo accoltellato ieri nel Comasco, un fermato

La vittima è un 36enne di Mozzate, così come il presunto omicida, ed era stato trasportato all'ospedale di Varese in condizioni disperate.
Estero
14.07.2020 - 19:550

Johnson chiude a Huawei, Trump ringrazia

Il Regno Unito esclude l'azienda cinese dalle forniture per la rete 5G, per 'ragioni di sicurezza'

Boris Johnson chiude a Huawei. L'azienda cinese di telecomunicazioni è stata esclusa dalle forniture per la futura rete 5G nel Regno Unito. Una scelta che riallinea Londra a Washington, con comprensibile soddisfazione di Donald Trump. Il voltafaccia britannico ha messo in allarme la Cina, dalla quale è da attendersi una 'risposta adeguata', come hanno detto fonti ufficiali, anche agli attriti generati dalla questione Hong Kong.

La decisione è stata formalizzata in una riunione del consiglio di sicurezza nazionale presieduta da Johnson, e poi illustrata alla Camera dei Comuni da Oliver Dowden, titolare del ministero della Cultura, del Digitale, dei Media e dello Sport. Dowden ha spiegato che Huawei - a cui nei mesi scorsi era stato dato il via libera a dispetto delle pressioni Usa, per quanto limitato al 35% del totale del mercato e con il bando da alcune parti più sensibili del progetto - non potrà fornire alcuna nuova componente dal 31 dicembre 2020. Mentre le parti già piazzate nel Regno dovranno essere rimosse entro il 2027.

"Non è stata una decisione facile, ma era quella giusta da prendere", ha detto Dowden a Westminster invocando alla base della svolta le raccomandazioni aggiornate dell'intelligence nazionale: chiamata a rivedere la questione in seguito alle sanzioni aggiuntive imposte dall'alleato americano all'azienda asiatica sui semiconduttori. "Abbiamo sempre valutato Huawei come un fornitore ad alto rischio", ha puntualizzato, "e siamo stati chiari dal principio che il National Cyber Security Centre avrebbe riesaminato" le cose "se necessario".

Delusione a Pechino

Spiegazioni che Huawei ha respinto come "deludenti", in una nota a caldo dai toni tuttavia misurati data la scelta britannica di rinviare al 2027 la rottura definitiva sul 5G (un arco di tempo sufficiente a modificare eventualmente il quadro geopolitico) e di non toccare, forse anche per non rischiare di creare disservizi a milioni di utenti, il ruolo affidato al colosso cinese delle reti 3G e 4G attualmente operative nel Paese. Cautele criticate al contrario dal drappello di circa 60 deputati della lobby dei falchi filo-neocon della maggioranza Tory - capeggiati dall'ex leader Iain Duncan Smith - che avrebbero preteso un taglio più netto e ravvicinato dal dragone.

Huewei non ha mancato d'altronde di denunciare il passo indietro di Downing Street come frutto avvelenato di una vicenda "politicizzata" dalla "guerra commerciale" lanciata dall'amministrazione di Donald Trump contro Pechino, destinato a far arretrare tecnologicamente l'isola. Non senza negare ancora una volta d'essere un pericolo per la sicurezza dell'occidente, né sollecitare apertamente altri Paesi a guardarsi dal seguire l'esempio di Johnson. E a privilegiare piuttosto "la libera concorrenza". Per Londra non resta ora che attendere le ritorsioni di Pechino (temute soprattutto a livello commerciale in tempi di Brexit, dopo i grandi affari che non più di cinque anni fa avevano fatto evocare all'allora premier David Cameron "un'età dell'oro" nelle relazioni bilaterali). Ritorsioni già ventilate dall'ambasciatore in Gran Bretagna di fronte a un Regno che "parrebbe dimostrare di non avere una politica estera autonoma" dagli Usa e di voler "diventare nemico" della Cina: a maggior ragione dopo la recente scelta del governo Johnson di rispondere alle stretta imposta da Pechino a Hong Kong con l'offerta d'una corsia privilegiata per la cittadinanza britannica a una platea potenziale di circa tre milioni di cittadini dell'ex colonia. Intanto, nel resto d'Europa crescono le pressioni su Italia, Germania, Francia e altri Paesi dell'Ue (e della Nato) che a Huawei non hanno chiuso del tutto le porte, malgrado segnali recenti come l'esclusione dalla gara d'appalto del progetto 5G di Telecom. Mentre i dubbi si moltiplicano

© Regiopress, All rights reserved