laRegione
Nuovo abbonamento
genova-il-nuovo-ponte-morandi-a-chi-gestiva-il-vecchio
Il nuovo ponte Morandi (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Trump lascia la conferenza stampa in tutta fretta

Voci non confermate parlano di uno scontro a fuoco all'esterno della Casa Bianca. Il presidente avvisato da un suo assistente
Estero
4 ore

Fulmine sui binari: dodici feriti a Lourdes

La scarica ha provocato la brusca frenata della funicolare. Una coppia di passeggeri ospedalizzata in gravi condizioni
Estero
5 ore

Chicago a porte chiuse di notte

Accessi limitati alla città dopo le violenze e i saccheggi nel quartiere dello shopping
Estero
6 ore

Pechino mette a tacere la stampa di Hong Kong

Arrestato Jimmy Lai, magnate del maggior gruppo editoriale dell'ex colonia e oppositore della politica cinese
Bielorussia
7 ore

Minsk si ribella a Lukashenko

Le opposizioni non riconoscono la vittoria del presidente al potere dalll'84. Notte di scontri
Libano
7 ore

Le dimissioni di Diab non fermano la protesta

L'esecutivo travolto dopo il disastro del 4 agosto
Confine
9 ore

Esplosione della villetta, accusa nei confronti dei genitori

Ad Andrate perse la vita un 21enne che teneva in casa sostanze esplosive artigianali. Per la procura lariana i genitori sapevano
Estero
9 ore

L'Australia caccia i cybercriminali in mezzo mondo

Funzionari della polizia federale saranno inviati in Africa, Europa e Stati Uniti
Estero
11 ore

A Berlino si torna a scuola senza distanze ma con la mascherina

I bambini hanno l'obbligo di portare la mascherina protettiva fuori dalle aule. Le classi tornano al completo e per tutta la giornata scolastica
Estero
19 ore

In Libia record di contagi in un giorno: 309 nuovi casi

Il totale sale a 5'541, e il Governo dispone il lockdown totale per il weekend e quello parziale da oggi. Negli Usa altri 47mila casi
Estero
1 gior

Nuovi scontri a Beirut, in arrivo aiuti per 250 milioni di euro

La tensione resta alta dopo la grande manifestazione di protesta di ieri. Alla videoconferenza voluta da Macron piovono le promesse di donazione.
Estero
1 gior

Crolla ghiacciaio sopra Aosta, anzi no: riaperta la Val Ferret

Il sindaco di Courmayeur ha revocato l'ordinanza decisa a causa dell'instabilità. La rabbia degli operatori turistici
Estero
1 gior

Bielorussia sempre nel segno dell'eterno Lukashenko

Il presidente sfiora l'80% negli exit poll. Lunghe file davanti agli uffici elettorali. Scontri a Minsk, manifestanti feriti
Italia
08.07.2020 - 12:190
Aggiornamento : 14:38

Genova, il nuovo ponte Morandi a chi gestiva il vecchio

Critiche per la decisione di assegnare la supervisione sul ponte ad Autostrade per l'Italia, cui - dopo il crollo - si pensava inizialmente di togliere la concessione

"Confermo che il nuovo Ponte Morandi sarà gestito da Autostrade". Lo ha detto oggi la ministra italiana delle Infrastrutture Paola De Micheli a Radio 24 Mattino, come riportato anche da un tweet della trasmissione. Immediate le critiche.

"Ho scritto io la lettera al sindaco Marco Bucci. La gestione va al concessionario, che oggi è Autostrade per l'Italia (Aspi) ma sulla vicenda c'è ancora l'ipotesi di revoca", ha aggiunto.

Reazioni di sdegno

Le reazioni, anche di sdegno, non si sono fatte attendere con il Movimento 5 Stelle nel mirino. "Confermata la concessione ad Autostrade? Cosa non si fa per salvare la poltrona, 5 Stelle ridicoli e bugiardi, due anni di menzogne e tempo perso: #colpadisalvini anche questo???", ha scritto in un tweet il leader della Lega Matteo Salvini. Critiche ribadite anche da Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, nonché dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

"Ebbene, dopo due anni di minacce, immobilismo, proclami, giustizia promessa e rimandata il ponte di Genova verrà riconsegnato proprio ad Autostrade, come ha ordinato il Governo M5s-Pd", ha dichiarato Toti via Facebook.

"Voi ridate il ponte ad Autostrade senza ottenere nulla. Noi continuiamo a lavorare per l'interesse dei liguri. E intanto per la tragedia del Morandi e per le sue 43 vittime nessuno ancora ha pagato. Mentre a Roma litigavate, noi in Liguria almeno abbiamo ricostruito il ponte. Forse abbiamo ringhiato meno di voi... ma visti i risultati...", ha commentato. 

"Due anni di latrati, ringhiare, stridore di denti, tintinnare di manette e minacce hanno prodotto quello che si immaginava fin dall'inizio, cioè il fatto che la concessione autostradale è ancora lì, gli investimenti non sono stati fatti, i controlli sono partiti in ritardo e il ponte viene restituito a chi ha ancora la concessione nonostante i vaniloqui del governo". Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha poi commentato così, a margine dell'inaugurazione della Casa della Salute di Quarto, la notizia che il Ponte di Genova verrà affidato ad Aspi.

I 5 Stelle si difendono

"Il ponte di Genova non deve essere riconsegnato nelle mani dei Benetton. Non possiamo permetterlo. Questi irresponsabili devono ancora rendere conto di quanto è successo e non dovrebbero più gestire le autostrade italiane. Su questo il Movimento 5 stelle non arretra di un millimetro", ha replicato su Twitter il capo politico del M5s Vito Crimi.

"Sulla concessione delle autostrade il governo ha lavorato senza sosta. Dopo aver raggiunto un risultato importantissimo, con il nuovo ponte Morandi costruito in meno di due anni, adesso è arrivato il momento di decidere, possibilmente entro questa settimana", ha detto invece il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e capo delegazione del Movimento 5 Stelle in un giro di telefonate fatte stamane.

Il crollo quasi due anni fa

Il ponte Morandi è crollato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. Alle 11.36 una sezione di circa 200 metri, comprendente la pila 9, del viadotto Polcevera, è crollata. Oltre alle vittime, ci sono stati anche 16 feriti e 566 sfollati dalle case sotto il viadotto.

Con il passare delle settimane le indagini proseguono e a settembre ci sono i primi indagati: Sono 20 persone e Aspi. Le accuse: omicidio colposo plurimo, disastro colposo, attentato colposo alla sicurezza dei trasporti. Dopo un anno gli indagati sono 74 e 2 società, Aspi - duramente criticata - e Spea (azienda del gruppo Atlantia che opera nel settore dell'ingegneria delle infrastrutture).

Dopo i lavori di demolizione, durati diversi mesi, si procede alla ricostruzione di un nuovo ponte. L'obiettivo è che il nuovo viadotto di Genova sia pronto nelle prossime settimane.

© Regiopress, All rights reserved