laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
16 ore
Anche il coronavirus nelle urne croate
Le elezioni di domenica si tengono nel pieno di una ripresa dell'epidemia, i sondaggi danno una situazione in bilico
Estero
16 ore
Ocean Viking allo stremo: emergenza a bordo
La situazione sulla nave umanitaria di Sos Mediterranee con a bordo 180 persone salvate al largo della Libia precipita di ora in ora
Estero
16 ore
Un uomo nuovo per Macron
Il presidente francese nomina Jean Castex a capo del governo, a posto di Edouard Philippe
Estero
17 ore
Scoperto un altro centro di tortura della 'junta' argentina
La determinazione di un giudice ha portato al rinvenimento di una sede a disposizione dei servizi segreti della dittatura
Estero
17 ore
La Turchia condanna Amnetsy per 'terrorismo'
Pene fino a sei anni per i responsabili locali dell'ong, 'colpevoli' di avere tenuto una 'riunione eversiva'
Estero
20 ore
Coronavirus, forte ripresa dei contagi anche in Croazia
Oggi sono stati registrati 96 nuovi casi di coronavirus, un livello pari a quello più alto registrato durante il picco dell'epidemia ad aprile
Estero
20 ore
Jesolo, ripartono la movida e i guai: uomo massacrato di botte
Lotta tra la vita e la morte, per gravi lesioni alla testa, per un 38enne tunisino che l'altra notte è stato aggredito da un gruppo di giovani
Estero
20 ore
In caso di necessità, il dottore volante
La crisi dell'aviazione civile riconverte molti piloti al servizio di aeroambulanza
Confine
21 ore
Comasco, i dati escludono il Covid già a fine 2019
I casi di polmonite tra dicembre 2019 e gennaio 2020 non sono stati superiori a quelli dello stesso periodo dell'anno precedente
Estero
30.06.2020 - 20:310

Trump cade nella trappola afghana

Il presidente avrebbe ignorato i rapporti dell'intelligence sui soldi di Mosca ai taleban per uccidere i soldati americani

Donald Trump trema. Ora teme lo spettro di un nuovo Russiagate per la vicenda delle presunte ricompense in denaro offerte da Mosca ai taleban per uccidere soldati americani o della coalizione in Afghanistan. Una partita complicata, dove sono in gioco la vita delle truppe all'estero, la gestione della sicurezza nazionale, i rapporti con l'intelligence Usa e con gli alleati, le sue relazioni ambigue con Vladimir Putin, sullo sfondo della campagna per la rielezione con sondaggi sempre piu' a picco. Il problema di fondo è che col passare dei giorni la sua linea di difesa si va sfaldando.

Il presidente ha sostenuto di non essere stato informato e che l'intelligence non lo ha fatto perché non riteneva credibili le notizie. La Casa Bianca ha sostenuto che non c'era consenso tra gli 007. Ma il New York Times, autore del primo scoop, ha rivelato ora che il commander in chief ricevette una informazione scritta a fine febbraio nel briefing d'intelligence quotidiano. E che la conclusione dell'intelligence era così seria e solida da finire in una pubblicazione della Cia il 4 maggio. Non solo. Secondo l'Ap, la valutazione degli 007 era inclusa in almeno un altro briefing scritto all'inizio del 2019. Le informazioni di intelligence, tra l'altro, sono state condivise recentemente con la Gran Bretagna e, in teoria, dovrebbero essere state veicolate a tutti i Paesi alleati presenti in Afghanistan

Ora Trumpè sotto pressione perche' deve spiegare se ha ricevuto quelle informazioni per iscritto, se le ha lette e, nel caso, perché non ha risposto adeguatamente, esponendo gli eroi di casa ad una ulteriore minaccia: nel 2019 sono morti 20 soldati americani in Afghanistan, anche se finora l'indagine dell'intelligence si è concentrata su un'autobomba dell'aprile 2019 che uccise tre marine. È noto che il presidente non presta grande attenzione ai briefing degli 007, ma questo non lo esimerebbe da eventuali responsabilità.

Ad aggravare il quadro le rivelazioni alla Cnn del giornalista del Watergate Carl Bernstein sulle centinaia di telefonate a ruota libera con i capi di Stato stranieri, che hanno indotto alcuni suoi ex alti dirigenti a ritenerlo un "pericolo alla sicurezza nazionale" per la sua impreparazione. Telefonate dove inseguiva la sua agenda personale e alternava le adulazioni di Putin alle offese verso la "stupida" Merkel. I democratici sono andati all'attacco costringendo la Casa Bianca ad informare un gruppo ristretto di repubblicani e democratici. Quest'ultimi sono rimasti insoddisfatti e hanno suggerito nuove sanzioni a Mosca. "Il presidente Usa non dovrebbe invitare la Russia al G7 o al G8. Dovremmo considerare quali sanzioni sono appropriate per prevenire ulteriormente le attivita' maligne della Russia", ha detto il presidente della commissione intelligence della Camera Adam Schiff. Ma anche diversi repubblicani incalzano Trump a verificare le informazioni e a dare eventualmente una risposta al Cremlino.

Mosca nega ogni coinvolgimento. "Si tratta solo di lotte politiche interne. Ci sono forze negli Usa che stanno cercando di ostacolare i piani di Trump di ritirare le truppe dall' Afghanistan: vogliono rimanere perché questo è un business redditizio per un'intera categoria di rappresentanti politico-militari", ha accusato l'inviato presidenziale russo per l'Afghanistan Zamir Kabulov.
 
 
 

© Regiopress, All rights reserved