e-legge-la-museruola-cinese-a-hong-kong
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 min

Girato il primo film nello spazio, la troupe è rientrata

La navicella Soyouz MS-18 è atterrata, come da programma, in Kazakistan alle ore 4.36
Estero
15 ore

Albania, quattro turisti russi trovati morti in un resort

Le vittime, di età compresa tra i 31 ei 60 anni, sono state trovate asfissiate nella sauna di un hotel situato nel villaggio di Qerret
Estero
15 ore

Il Papa ‘dà la sua benedizione’ a Black Lives Matter

E paragona gli attivisti al Buon Samaritano: ‘I movimenti popolari sono, oltre che poeti sociali, samaritani collettivi’.
Estero
18 ore

Covid: in Russia mille morti in un giorno

I contagi nelle sole ultime 24 ore sono stati 33.208, anche questi ai massimi per il terzo giorno consecutivo
Estero
20 ore

Indonesia: 11 bambini annegati durante una gita scolastica

Gli alunni, intenti a pulire il fiume, si tenevano per mano e il primo della fila ha messo un piede in fallo. Altri 10 sono stati tratti in salvo
Confine
21 ore

Como: condannata la maestra che maltrattava i bimbi

Un anno e 10 mesi di carcere, è questa la pena inflitta dal Tribunale alla donna 44enne, in servizio in un asilo del comasco
Estero
22 ore

Deputato inglese ucciso, la polizia conferma: ‘È terrorismo’

Secondo le autorità britanniche, dietro l‘omicidio di David Amess ci sarebbe una ‘potenziale matrice legata all’estremismo islamico’. Perquisite due case
Estero
22 ore

Usa: spari fuori da uno stadio in Alabama, quattro feriti

Secondo la polizia «vari individui potrebbero essere coinvolti», ma a sparare potrebbe essere stata una sola persona.
Estero
23 ore

Duro colpo al patrimonio dei Corleonesi

I carabinieri hanno confiscato beni dal valore superiore ai 4 milioni di euro a 5 esponenti del clan. Fra questi il fratello e il nipote di Totò Riina
l’approfondimento
1 gior

Cos’è e da dove viene Forza Nuova

Unico gruppo neofascista italiano con ambizioni elettorali, ha un passato da banda armata e un futuro molto incerto. Intanto infiammano le piazze no vax
Estero
28.05.2020 - 20:190

È legge la museruola cinese a Hong Kong

Il legislativo di Pechino ha approvato la norma sulla 'sicurezza nazionale' per assoggettare definitivamente l'ex colonia britannica

La Cina ha approvato la stretta su Hong Kong: il Congresso nazionale del popolo, ramo legislativo del parlamento, ha dato il via libera con 2.878 voti a favore, uno contrario e sei astenuti, alla proposta per imporre all'ex colonia britannica la controversa normativa che andrà a punire la secessione, la sovversione del potere statale, il terrorismo e tutti gli atti che mettano a rischio la sicurezza nazionale.

"Il governo centrale ha sempre attuato in pieno e fedelmente il modello 'un Paese, due sistemi', in base al quale il popolo di Hong Kong governa Hong Kong secondo un rigoroso rispetto della Costituzione cinese e della Basic Law", la Costituzione locale, ha detto il premier Li Keqiang parlando nella videoconferenza stampa di chiusura del Congresso. Respingendo le critiche, Li non ha mai fatto riferimento all'annuncio di mercoledì del segretario di Stato Usa Mike Pompeo secondo cui l'imposizione da parte di Pechino della legge dimostra come Hong Kong non goda più dell'autonomia promessa con l'accordo firmato dalla Gran Bretagna con la Cina per la restituzione dei territori, ma ha sottolineato che la legislazione "è volta a promuovere la stabilità e la prosperità dei territori a lungo termine".

Di parere opposto uno dei volti noti delle proteste di Hong Kong, Joshua Wong: "Un Paese, due sistemi è sempre stata una bugia, poco più di una 'Unica Cina' sotto mentite spoglie", ha scritto su Twitter il fondatore di Demosisto. "La geopolitica asiatica si sta rimodellando proprio sotto i nostri occhi. Come baluardo di libertà, Taiwan merita il sostegno del mondo per emergere come potere regionale. L'età dell'isolamento è finita", ha aggiunto riferendosi all'isola 'ribelle', con la quale Li è ritornato a parlare di sforzi per "una riunificazione pacifica".

A rincarare la dose sulle "bugie in pieno conflitto con gli impegni presi", Usa, Gran Bretagna, Canada e Australia hanno firmato una dichiarazione congiunta per sollecitare la Cina al rispetto "degli obblighi internazionali". L'attenzione ora è rivolta alle misure che Washington deciderà di prendere sullo status speciale quanto a interscambio commerciale e rilascio dei visti di Hong Kong. Al presidente Donald Trump spetterà l'ultima mossa sul tema, ha ricordato David Stilwell, il funzionario del Dipartimento di Stato che ha in carico i dossier dell'Asia orientale. "Gli Usa non vogliono colpire la gente di Hong Kong, ma questa decisione è stata presa dal governo di Pechino, non da noi", ha commentato Stilwell.

L'Ufficio del ministero degli Esteri cinese nell'ex colonia ha tuonato contro l'ipotesi di revoca dello status che sarebbe l'atto "più barbarico, più irragionevole e più sfacciato". Il Comitato permanente del Congresso lavorerà sulle modalità specifiche della legge e sulla sua applicazione, aggirando il voto del parlamentino di Hong Kong. La governatrice Carrie Lam ha promesso tutta la sua collaborazione per i prossimi passaggi. A Hong Kong, intanto, l'altra causa di irritazione del fronte pro-democrazia è la legge sul rispetto dell'inno nazionale cinese in discussione al parlamentino locale che punta a criminalizzare gli insulti alla 'Marcia dei Volontari'. Soltanto mercoledì la polizia ha arrestato 360 persone, soprattutto per l'adesione a manifestazioni non autorizzate. "E' come se ormai ci fosse il coprifuoco", ha notato l'attivista Nathan Law. Hong Kong, sempre più coinvolta nel braccio di ferro permanente tra Pechino e Washington, vede ora in serio pericolo il suo hub finanziario globale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved