laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore
In Polonia, testa a testa tra Duda e Trzaskowski
Molto probabilmente a fare la differenza saranno gli indecisi, circa il 7,7%. Un pugno di voti deciderà chi sarà il nuovo presidente
Estero
11 ore
Record di contagi negli Usa, Trump cede alla mascherina
La pandemia accelera in tutto il mondo. Più casi in Italia, lockdown in Catalogna per otto comuni, test in Francia per chi arriva da Paesi a rischio
Estero
12 ore
Boeing ucraino abbattuto per un radar non calibrato
L'Iran ammette l'errore umano, morirono tutti i 176 passeggeri a bordo
Estero
15 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde, turista svizzera in difficoltà
Era arrivata lo scorso 13 marzo per una vacanza ed è rimasta sull'isola, che ha chiuso le frontiere per evitare la diffusione della pandemia
Estero
22 ore
Polonia, seggi aperti per il ballottaggio delle presidenziali
La contesa oppone il presidente uscente Andrzej Duda e il sindaco di Varsavia Rafal Trzaskowski
Confine
22 ore
Don Giusto nel mirino dei bulli di Rebbio: esposto alla Procura
La situazione all'oratorio della parrocchia di San Martino, centro di accoglienza per migranti minorenni e famiglie, è peggiorata durante il lockdown
Estero
22 ore
Coronavirus, registrati oltre 220mila contagi in un giorno
Il dato reso pubblico dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è stato registrato venerdì scorso. Stati Uniti il Paese più colpito
Estero
2 gior
Belgrado, ancora scontri fra polizia e antigovernativi
Non si placano le manifestazioni in Serbia contro le restrizioni imposte nell'ambito dell'emergenza sanitaria
Estero
2 gior
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
2 gior
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
28.05.2020 - 20:190

È legge la museruola cinese a Hong Kong

Il legislativo di Pechino ha approvato la norma sulla 'sicurezza nazionale' per assoggettare definitivamente l'ex colonia britannica

La Cina ha approvato la stretta su Hong Kong: il Congresso nazionale del popolo, ramo legislativo del parlamento, ha dato il via libera con 2.878 voti a favore, uno contrario e sei astenuti, alla proposta per imporre all'ex colonia britannica la controversa normativa che andrà a punire la secessione, la sovversione del potere statale, il terrorismo e tutti gli atti che mettano a rischio la sicurezza nazionale.

"Il governo centrale ha sempre attuato in pieno e fedelmente il modello 'un Paese, due sistemi', in base al quale il popolo di Hong Kong governa Hong Kong secondo un rigoroso rispetto della Costituzione cinese e della Basic Law", la Costituzione locale, ha detto il premier Li Keqiang parlando nella videoconferenza stampa di chiusura del Congresso. Respingendo le critiche, Li non ha mai fatto riferimento all'annuncio di mercoledì del segretario di Stato Usa Mike Pompeo secondo cui l'imposizione da parte di Pechino della legge dimostra come Hong Kong non goda più dell'autonomia promessa con l'accordo firmato dalla Gran Bretagna con la Cina per la restituzione dei territori, ma ha sottolineato che la legislazione "è volta a promuovere la stabilità e la prosperità dei territori a lungo termine".

Di parere opposto uno dei volti noti delle proteste di Hong Kong, Joshua Wong: "Un Paese, due sistemi è sempre stata una bugia, poco più di una 'Unica Cina' sotto mentite spoglie", ha scritto su Twitter il fondatore di Demosisto. "La geopolitica asiatica si sta rimodellando proprio sotto i nostri occhi. Come baluardo di libertà, Taiwan merita il sostegno del mondo per emergere come potere regionale. L'età dell'isolamento è finita", ha aggiunto riferendosi all'isola 'ribelle', con la quale Li è ritornato a parlare di sforzi per "una riunificazione pacifica".

A rincarare la dose sulle "bugie in pieno conflitto con gli impegni presi", Usa, Gran Bretagna, Canada e Australia hanno firmato una dichiarazione congiunta per sollecitare la Cina al rispetto "degli obblighi internazionali". L'attenzione ora è rivolta alle misure che Washington deciderà di prendere sullo status speciale quanto a interscambio commerciale e rilascio dei visti di Hong Kong. Al presidente Donald Trump spetterà l'ultima mossa sul tema, ha ricordato David Stilwell, il funzionario del Dipartimento di Stato che ha in carico i dossier dell'Asia orientale. "Gli Usa non vogliono colpire la gente di Hong Kong, ma questa decisione è stata presa dal governo di Pechino, non da noi", ha commentato Stilwell.

L'Ufficio del ministero degli Esteri cinese nell'ex colonia ha tuonato contro l'ipotesi di revoca dello status che sarebbe l'atto "più barbarico, più irragionevole e più sfacciato". Il Comitato permanente del Congresso lavorerà sulle modalità specifiche della legge e sulla sua applicazione, aggirando il voto del parlamentino di Hong Kong. La governatrice Carrie Lam ha promesso tutta la sua collaborazione per i prossimi passaggi. A Hong Kong, intanto, l'altra causa di irritazione del fronte pro-democrazia è la legge sul rispetto dell'inno nazionale cinese in discussione al parlamentino locale che punta a criminalizzare gli insulti alla 'Marcia dei Volontari'. Soltanto mercoledì la polizia ha arrestato 360 persone, soprattutto per l'adesione a manifestazioni non autorizzate. "E' come se ormai ci fosse il coprifuoco", ha notato l'attivista Nathan Law. Hong Kong, sempre più coinvolta nel braccio di ferro permanente tra Pechino e Washington, vede ora in serio pericolo il suo hub finanziario globale.

© Regiopress, All rights reserved