laRegione
Nuovo abbonamento
usa-riesplode-la-tensione-razziale-per-la-morte-di-george-floyd
Proteste a Minneapolis per la morte di George Floyd (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
34 min

Beirut conferma, esplosivo sequestrato sei anni fa

Il nitrato d'ammonio era stato confiscato nel 2014 a una nave con bandiera moldava in rotta verso una destinazione sconosciuta
Confine
1 ora

Covid-19, otto morti al giorno nelle case di riposo lariane

L'inchiesta della Procura restituisce il quadro dell'emergenza. Più decessi di quelli annunciati e ora alla lente
Estero
2 ore

I giapponesi continuano a diminuire

Per l'undicesimo anno consecutivo il numero dei decessi ha superato quello delle nascite
Confine
2 ore

Scoprire il lago Ceresio attraverso la bicicletta

L'itinerario ciclabile lungo la vecchia ferrovia Menaggio-Porlezza è un tragitto di facile percorrenza, adatto anche a chi è poco allenato.
Confine
3 ore

Verbania, turismo del lago colpito dal virus

Crollo dei pernottamenti oltre la frontiera svizzera. Calo di presenze anche al mercato di Luino
Estero
6 ore

L'ambasciatrice svizzera ferita ieri a Beirut sta bene

Tornerà al lavoro oggi, dopo aver subito leggere ferite a causa delle esplosioni che hanno causato oltre 100 morti e più di 4'000 feriti nella capitale libanese
Estero
9 ore

In manette il figlio del boss Badalamenti

Su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale per associazione criminale finalizzata al traffico di stupefacenti
Estero
9 ore

Coronavirus, nel mondo più di 700mila morti

I contagi totali sono quasi 18,5 milioni. In Brasile superata la soglia dei 2,8 milioni di contagi.
Estero
10 ore

Beirut, si aggrava il bilancio: almeno 100 morti e 4mila feriti

Il ministro della salute invita a lasciare la città a causa del materiale potenzialmente pericoloso liberatosi nell'aria
Estero
19 ore

Trump minaccia di impedire il voto per corrispondenza

Il presidente statunitense alle strette cerca di evitare in ogni modo la sconfitta
Estero
20 ore

Beirut: ambasciatrice svizzera leggermente ferita

L'onda d'urto dell'esplosione che ha causato decine di morti ha raggiunto anche l'ambasciata svizzera nella capitale libanese
Estero
27.05.2020 - 21:500

Usa, riesplode la tensione razziale per la morte di George Floyd

Proteste a Minneapolis dopo l'uccisione, da parte di quattro agenti, di un afroamericano inerme e disarmato. Gli agenti sono stati licenziati

Esplode la rabbia a Minneapolis, dove oltre un migliaio di manifestanti si sono riversati in strada per chiedere giustizia. Giustizia per la morte di George Floyd, l'afroamericano che nel giorno del Memorial Day è stato soffocato da un poliziotto bianco durante il tentativo di arrestarlo. Una violenza inaudita, contro un uomo che era inerme e disarmato. Una violenza che in tanti vogliono non resti ancora una volta impunita.

La situazione ha rischiato di finire fuori controllo. Le forze dell'ordine sono dovute ricorrere al lancio di gas lacrimogeni e ai proiettili di gomma per disperdere la folla inferocita, che minacciosa aveva assediato il commissariato di polizia dei quattro agenti coinvolti. Tutti licenziati in tronco dopo il video della tragedia girato da un passante e che, diventato virale sui social, ha scioccato l'America. "Non posso respirare… ti prego… non posso respirare", implora la vittima bloccata a terra e ammanettata, mentre un agente gli preme con forza un ginocchio sul collo.

Eppure 'Big Floyd', come lo chiamava affettuosamente chi lo conosceva, era un colosso, un gigante alto quasi due metri. Un "gigante gentile", ricorda il proprietario del ristorante dove George da cinque anni lavorava come buttafuori. Ma il Conga Latin Bistro da due mesi è chiuso a causa della pandemia, e George era alla ricerca di un nuovo lavoro.

I fratelli e la sorella sono sconvolti e chiedono che i quattro agenti licenziati siano messi immediatamente in carcere e processati per omicidio. Uno di loro, Derek Chauvin, 44 anni, da 19 anni in polizia, è quello che ha premuto sul collo della vittima mentre i colleghi stavano a guardare, senza fare e dire nulla. Sarebbe stato altre volte coinvolto in sparatorie, uso eccessivo della forza e violazione delle regolari procedure. Così in rete i manifestanti si sono dati un nuovo appuntamento proprio davanti alla sua abitazione.

Ora la città del Minnesota rischia di diventare una polveriera, mentre l'Fbi ha aperto un'indagine e l'ex vicepresidente Joe Biden, candidato alla Casa Bianca, ha chiesto l'avvio di un'indagine federale definendo "vergognoso" il comportamento degli agenti ripresi nel video. Poco importa che un primo rapporto del dipartimento di polizia affermi come Floyd, sospettato di trafficare in documenti falsi, fosse sotto l'effetto di alcol o stupefacenti e abbia all'inizio opposto resistenza.

LeBron James: ‘ORA capite?’

Da sempre schierato politicamente e attivo sul fronte dei diritti degli afroamericani, LeBron James non poteva rimanere insensibile a quanto accaduto a Minneapolis. Così ha espresso il proprio sdegno per la morte del 46enne George Floyd con un duro post sui social in cui ha messo un'immagine divenuta virale. È quella dell'agente (bianco) che immobilizza con un ginocchio l'esanime Floyd, accanto a quella di Colin Kaepernick, giocatore all'epoca dei 49ers del football che al momento dell'esecuzione dell'inno nazionale si inginocchiava per protesta contro le discriminazioni razziali e le violenze della polizia. Accanto a queste foto in parallelo – stesso gesto, significato opposto – l'asso dei Lakers ha scritto questa frase: "ORA capite? O vi viene ancora nascosto? # State svegli". Segue l'iconcina di un occhio aperto.

Anche altri personaggi del mondo del basket Nba hanno preso posizione sull'episodio di Minneapolis, primo fra tutti quello Stephen Jackson, vincitore del titolo nel 2003 con San Antonio, che proprio alla vittima di Minneapolis era molto legato, al punto da definirlo "il mio gemello" e che ora lamenta la perdita dell'amico. Duro anche coach Steve Kerr, 5 anelli da giocatore prima con i Bulls di Michael Jordan e poi con i San Antonio Spurs di Tim Duncan, e poi tre da capo-allenatore dei Golden State Warriors. "Questo è un omicidio. Disgustoso. Seriamente, cosa cavolo c'è di sbagliato negli Usa?". La domanda non giunge a caso, perché già in altre occasioni Kerr si era espresso contro le violenze della polizia nei confronti delle persone di colore, e contro il proliferare delle armi che in passato ha provocato, negli States, stragi in scuole e centri commerciali.

© Regiopress, All rights reserved