laRegione
usa-riesplode-la-tensione-razziale-per-la-morte-di-george-floyd
Proteste a Minneapolis per la morte di George Floyd (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
13 ore

Sfregia busto dell'eroe nazionale cubano: pena di 15 anni

Sangue di maiale gettato da tre uomini su una statua di José Martí a L'Avana. Incastrati da foto e video inviati via social agli amici negli Usa
Estero
14 ore

La Russia ratifica il trattato New Start

Il documento che regola il numero delle testati nucleari di Mosca e Washington è un passo verso il disgelo. Ma resta sul piatto il caso Navalny
Estero
14 ore

In Polonia scatta il divieto d'aborto

Entra in vigore il controverso bando quasi totale. Le donne tornano in piazza per protestare contro il leader ultracattolico Kaczynski e la Corte Suprema
Confine
16 ore

Vigezzina, bilancio negativo e nuovi treni

Il 2020 in perdita a causa del Covid-19: la ferrovia consorella della Centovallina attinge alle riserve
Confine
17 ore

Positivo al Covid viaggia su 3 treni e un taxi: denunciato

Un 30enne comasco ha viaggiato da St. Moritz fino a Como nonostante la positività alla variante sudafricana del virus. Rischia l'arresto e un'ammenda
Estero
17 ore

Coronavirus, la Cina opta per il tampone anale

Secondo gli esperti, la nuova modalità è ritenuta più efficace nella rilevazione del virus di quella faringea e nasale.
Estero
18 ore

Consiglio d'Europa, sui vaccini no a obbligo e passaporti

L'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa afferma che usare i certificati vaccinali come passaporti sarebbe contrario alla scienza in assenza di dati
Confine
19 ore

L'incidenza sul contagio da frontalieri e Ticino

Parte lo screening dell'Agenzia di tutela della salute per la rilevazione del virus su migliaia di persone che vivono a ridosso del confine
Confine
20 ore

Bimba seviziata, si aggrava la posizione del 25enne

Per il giovane, rinchiuso nel carcere del Bassone a Como, si potrebbe profilare anche un'accusa di omicidio volontario
Estero
21 ore

Tribunale dell'Aja, no a scarcerazione Thaci e altri ex Uck

La motivazione data dai giudici è il pericolo di fuga, ostruzione al procedimento giudiziario, influenza sui testimoni e reiterazione dei reati
Estero
21 ore

Pedofilia, in Australia maxirisarcimento, a Malta arrestati preti

Il risarcimento è il più grande finora in Australia per casi di pedofilia. A Malta in manette due preti di 84 e 70 anni per abusi su un bambino di 8 anni
Estero
27.05.2020 - 21:500

Usa, riesplode la tensione razziale per la morte di George Floyd

Proteste a Minneapolis dopo l'uccisione, da parte di quattro agenti, di un afroamericano inerme e disarmato. Gli agenti sono stati licenziati

Esplode la rabbia a Minneapolis, dove oltre un migliaio di manifestanti si sono riversati in strada per chiedere giustizia. Giustizia per la morte di George Floyd, l'afroamericano che nel giorno del Memorial Day è stato soffocato da un poliziotto bianco durante il tentativo di arrestarlo. Una violenza inaudita, contro un uomo che era inerme e disarmato. Una violenza che in tanti vogliono non resti ancora una volta impunita.

La situazione ha rischiato di finire fuori controllo. Le forze dell'ordine sono dovute ricorrere al lancio di gas lacrimogeni e ai proiettili di gomma per disperdere la folla inferocita, che minacciosa aveva assediato il commissariato di polizia dei quattro agenti coinvolti. Tutti licenziati in tronco dopo il video della tragedia girato da un passante e che, diventato virale sui social, ha scioccato l'America. "Non posso respirare… ti prego… non posso respirare", implora la vittima bloccata a terra e ammanettata, mentre un agente gli preme con forza un ginocchio sul collo.

Eppure 'Big Floyd', come lo chiamava affettuosamente chi lo conosceva, era un colosso, un gigante alto quasi due metri. Un "gigante gentile", ricorda il proprietario del ristorante dove George da cinque anni lavorava come buttafuori. Ma il Conga Latin Bistro da due mesi è chiuso a causa della pandemia, e George era alla ricerca di un nuovo lavoro.

I fratelli e la sorella sono sconvolti e chiedono che i quattro agenti licenziati siano messi immediatamente in carcere e processati per omicidio. Uno di loro, Derek Chauvin, 44 anni, da 19 anni in polizia, è quello che ha premuto sul collo della vittima mentre i colleghi stavano a guardare, senza fare e dire nulla. Sarebbe stato altre volte coinvolto in sparatorie, uso eccessivo della forza e violazione delle regolari procedure. Così in rete i manifestanti si sono dati un nuovo appuntamento proprio davanti alla sua abitazione.

Ora la città del Minnesota rischia di diventare una polveriera, mentre l'Fbi ha aperto un'indagine e l'ex vicepresidente Joe Biden, candidato alla Casa Bianca, ha chiesto l'avvio di un'indagine federale definendo "vergognoso" il comportamento degli agenti ripresi nel video. Poco importa che un primo rapporto del dipartimento di polizia affermi come Floyd, sospettato di trafficare in documenti falsi, fosse sotto l'effetto di alcol o stupefacenti e abbia all'inizio opposto resistenza.

LeBron James: ‘ORA capite?’

Da sempre schierato politicamente e attivo sul fronte dei diritti degli afroamericani, LeBron James non poteva rimanere insensibile a quanto accaduto a Minneapolis. Così ha espresso il proprio sdegno per la morte del 46enne George Floyd con un duro post sui social in cui ha messo un'immagine divenuta virale. È quella dell'agente (bianco) che immobilizza con un ginocchio l'esanime Floyd, accanto a quella di Colin Kaepernick, giocatore all'epoca dei 49ers del football che al momento dell'esecuzione dell'inno nazionale si inginocchiava per protesta contro le discriminazioni razziali e le violenze della polizia. Accanto a queste foto in parallelo – stesso gesto, significato opposto – l'asso dei Lakers ha scritto questa frase: "ORA capite? O vi viene ancora nascosto? # State svegli". Segue l'iconcina di un occhio aperto.

Anche altri personaggi del mondo del basket Nba hanno preso posizione sull'episodio di Minneapolis, primo fra tutti quello Stephen Jackson, vincitore del titolo nel 2003 con San Antonio, che proprio alla vittima di Minneapolis era molto legato, al punto da definirlo "il mio gemello" e che ora lamenta la perdita dell'amico. Duro anche coach Steve Kerr, 5 anelli da giocatore prima con i Bulls di Michael Jordan e poi con i San Antonio Spurs di Tim Duncan, e poi tre da capo-allenatore dei Golden State Warriors. "Questo è un omicidio. Disgustoso. Seriamente, cosa cavolo c'è di sbagliato negli Usa?". La domanda non giunge a caso, perché già in altre occasioni Kerr si era espresso contro le violenze della polizia nei confronti delle persone di colore, e contro il proliferare delle armi che in passato ha provocato, negli States, stragi in scuole e centri commerciali.

© Regiopress, All rights reserved