hong-kong-la-cina-prepara-nuova-legge-sulla-sicurezza-nazionale
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
afghanistan
5 ore

Il Pakistan: ‘Anti-islamico vietare la scuola alle donne’

Intanto i Talebani annunciano i viceministri, ancora tutti uomini
vaticano
5 ore

‘Qualcuno mi voleva morto e preparava il conclave’

Lo sfogo di Papa Francesco: ‘Sono in ottima forma, ma certe critiche mi fanno perdere la pazienza. La Chiesa non abbia paura ad affrontare le diversità sessuali’
iran
6 ore

Raisi: ‘Pronti a negoziare per porre fine alle sanzioni’

Apertura del nuovo presidente sul nucleare e un attacco diretto a Washington: ‘Cacciati dai talebani, l’egemonia Usa ha miseramente fallito’
Estero
6 ore

Joe Biden all’Onu: ‘No a una nuova Guerra fredda’

‘Sì a competizione con la Cina, ma non conflitto’. Mano tesa all’Europa dopo il caso dei sottomarini nucleari
stati uniti
6 ore

Agenti a cavallo frustano migranti al confine

Così la polizia americana cerca di frenare l’ondata in arrivo da Haiti. Le immagini imbarazzano la Casa Bianca: ‘È orribile’
Estero
10 ore

Hackerato e postato online il Green Pass di Macron

Il codice Qr del certificato vaccinale del presidente francese è stato piratato e diffuso su diversi social
Confine
10 ore

Paratie di Como, ritardi e costi supplementari

Alla base del problema ci sono delle difficoltà incontrate durante i lavori. Ristoranti e alberghi della zona dovranno avere pazienza
Estero
11 ore

Covid, l’Argentina allenta e riapre agli stranieri

Il governo del Paese sudamericano ha annunciato l’abolizione della mascherina all’aperto e la progressiva riapertura delle frontiere
Estero
21.05.2020 - 20:390

Hong Kong, la Cina prepara nuova legge sulla sicurezza nazionale

La mossa rafforzerebbe il controllo di Pechino e potrebbe riaccendere le tensioni nell'ex colonia britannica. La norma sarà in discussione da domani.

La Cina si avvia a imporre una nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, gettando le basi per nuove tensioni con gli attivisti pro democrazia dell'ex colonia, dopo le dure e violente proteste del 2019.

L'obiettivo è "istituire un quadro giuridico e un meccanismo di applicazione migliorati per la protezione della sicurezza nazionale" nell'ex colonia, ha detto nella conferenza stampa tenuta in tardissima serata da Zhang Yesui, portavoce del Congresso nazionale del popolo, in merito ai temi che saranno discussi da domani nella sessione plenaria dell'assemblea parlamentare cinese i cui lavori si chiuderanno il 28 maggio.

Proibiti 'tradimento, secessione, sedizione e sovversione'

Pechino ha chiarito più volte, con maggiore insistenza negli ultimi tempi, di volere una nuova legislazione sulla sicurezza da applicare a Hong Kong dopo le turbolenze dello scorso anno, tra proteste sfociate in autentici scontri violenti, sulla base della considerazione che la situazione dell'ex colonia rappresenti un buco nella sicurezza nazionale del Dragone.

La proposta rafforzerebbe i "meccanismi di applicazione" della delicata normativa nell'hub finanziario, ha osservato Zhang. E farebbe leva sull'articolo 23 della mini-costituzione di Hong Kong, la Basic Law, secondo cui la città deve emanare leggi sulla sicurezza nazionale per proibire "tradimento, secessione, sedizione (e) sovversione" contro il governo cinese.

La clausola non è mai stata applicata a causa dei profondi timori che potesse produrre la riduzione dei diritti e dello status speciale di Hong Kong, dove è ad esempio tutelata la libertà di espressione, nell'ambito degli accordi siglati da Cina e Gran Bretagna prima del passaggio dei territori sotto la sovranità di Pechino nel 1997.

Un tentativo di emanare l'articolo 23 nel 2003 fu bruscamente accantonato dopo che mezzo milione di persone scese per le strade a protestare. Ora, il controverso disegno di legge è ritornato sul tavolo in risposta all'ascesa del movimento democratico nell'ex colonia britannica.

Trump minaccia 'reazione molto forte'

Le reazioni alla notizia giunta dalla Cina non si sono fatte attendere. "L'Unione europea sta seguendo da vicino gli sviluppi relativi a Hong Kong. Attribuiamo grande importanza al principio 'un Paese, due sistemi'. Il dibattito democratico a Hong Kong e il rispetto dei diritti e delle libertà sono il modo migliore per preservarlo", ha scritto stasera su Twitter Virginie Battu-Henriksson, una delle portavoce dell'Alto rappresentante Ue Josep Borrell. Il presidente statunitense Donald Trump ha minacciato una "reazione molto forte" se la Cina insisterà nel suo proposito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved