Estero
01.04.2020 - 20:420

Trump avverte: prepariamoci a due settimane molto dure

Le proiezioni sull'epidemia negli Usa: i morti potrebbero essere fino a 240mila

Washington - "Preparatevi a due settimane molto, molto dure". Le parole di Donald Trump sull'emergenza coronavirus sono una doccia gelata per le borse che, già nervose e dopo un trimestre da dimenticare, accusano forti cali complici anche i dati economici che mostrano i primi pesanti effetti del virus sull'economia e alimentano i timori di una recessione più pesante delle attese. La crisi del 2008 potrebbe risultare come una "prova generale" di quella attuale: "tutto dipenderà da quanto durerà" l'emergenza ma "se sarà lunga questa rischia di essere la mare di tutte le crisi finanziarie", avverte Kenneth Rogoff, professore di Harvard ed ex Fondo Monetario Internazionale.  

Trump ha lanciato il suo avvertimento nella consueta conferenza stampa  sull'epidemia, nel corso della quale sono stati illustrati per la prima volta i modelli statistici e le proiezioni degli esperti: negli Stati Uniti sono previsti da 100 mila a 240 mila morti se le misure di distanziamento sociale saranno rispettate, mentre domenica la forchetta si fermava a 200 mila vittime. Senza alcuna restrizione, invece, sarebbero da un milione e mezzo a oltre due milioni. I dati dicono anche che il picco sarà a metà aprile, con una media di oltre 2'000 decessi al giorno, contro gli 800 circa di oggi.

Trump nel frattempo ha approfittato dell'emergenza coronavirus per rottamare l'agenda verde di Obama, cancellando gli ambiziosi standard sui consumi delle auto e aumentando i limiti di emissioni sino al 2026. Una mossa che minerà la lotta contro i cambiamenti climatici, avrà conseguenze negative sullo smog e scoraggerà la corsa delle case automobilistiche verso le auto elettriche e i veicoli meno inquinanti.

E per distrarre il pubblico si è esibito in un numero di sicuro successo: "Se l'Iran attaccherà le truppe Usa "la pagherà davvero a caro prezzo" ha minacciato via Twitter. Il Trump-virus è sempre attivo. 

© Regiopress, All rights reserved