in-ungheria-pieni-poteri-a-orban
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
9 ore

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
15 ore

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
16 ore

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
17 ore

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
1 gior

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
1 gior

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
1 gior

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
30.03.2020 - 16:45
Aggiornamento: 20:35
Ansa, a cura de laRegione

In Ungheria pieni poteri a Orbàn

Il coronavirus 'corona' l'ambizione maggiore del premier magiaro

Budapest - Pieni poteri a Viktor Orbán. Il coronavirus ha offerto al premier ungherese un'occasione forse insperata. Ieri, il Parlamento di Budapest gli ha affidato pieni poteri, e a tempo indeterminato: Orbán d'ora in poi, e fino a quando vorrà, potrà governare attraverso l'uso esclusivo di decreti: sciogliere il Parlamento, cambiare o sospendere leggi in vigore, perfino arrivare a bloccare le elezioni. Tutto questo, formalmente, "per combattere più efficacemente il coronavirus". La legge è passata con i voti della maggioranza (Fidesz) e di alcuni deputati di estrema destra: 138 sì contro 53 no.

Per i socialisti, all'opposizione, è l'inizio della dittatura. E anche l'Europa si allarma: "La Commissione sta valutando le misure di emergenza adottate dagli Stati membri in relazione ai diritti fondamentali. In particolare per il caso della legge votata oggi in Ungheria sullo stato di emergenza e le nuove sanzioni penali per la diffusione di informazioni false", ha avvertito il commissario alla Giustizia Didier Reynders. Sepolcri imbiancati: né da Bruxelles né dal suo partito, il Ppe, sono tuttavia arrivate condanne chiare. Almeno per il momento.

A dispetto della popolarità di Orbán, una parte dell'opinione pubblica e i partiti dell'opposizione ritengono il provvedimento "sproporzionato" rispetto alla situazione sanitaria del Paese. L'opposizione ha anche cercato di far inserire nel testo un limite temporale di 90 giorni per lo stato di emergenza in cambio dell'appoggio in aula, ma Orban ha rifiutato. "Oggi inizia la dittatura senza maschera di Viktor Orbán", ha denunciato il leader socialista Bertalan Toth. Perfino il partito nazionalista Jobbik, più a destra di Fidesz, ha parlato di colpo di Stato. "Chi non vota per questa legge sta dalla parte del virus", ha incredibilmente replicato il premier nell'infuocato dibattito in Parlamento.

Il governo ha provato comunque a calmare gli animi. La ministra della Giustizia, Judit Varga, ha assicurato che l'unico scopo del governo è la tutela della salute dei cittadini. Ma per ora, in Ungheria, sono registrati soltanto 447 contagiati e 15 decessi, tutte persone anziane con altre malattie. Anche se il numero reale potrebbe essere ben diverso: si fanno infatti pochissimi tamponi, fino ad ora ne sono stati effettuati circa 13mila. Negli ospedali ungheresi mancano tute, guanti, mascherine protettive e ci sono soltanto 2.560 ventilatori in tutto il Paese. Il servizio sanitario ungherese insomma non ha la capacità di gestire un flusso massiccio di ammalati. Orban questo lo sa bene e, attacca l'opposizione, sta cercando colpevoli da additare se la situazione degenerasse mentre lui si erge a "difensore del popolo" contro il "virus straniero".

Non a caso sono state inserite nella legge varata oggi anche punizioni severissime per chi diramasse "notizie false": si rischiano da uno a cinque anni di carcere. I giornalisti che scrivono delle mancanze del servizio sanitario sono avvertiti. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved