Resta alta la guardia (Keystone)
+3
Estero
17.02.2020 - 12:090

Dennis, in Gran Bretagna è ancora emergenza alluvione

L'allerta è sempre alta in tutto il Regno Unito per la coda della bufera. Registrati venti meno forti rispetto a Ciara ma piogge torrenziali più intense

È ancora emergenza nelle contee dell'Inghilterra sud-occidentale e centrale e del Galles meridionale, le più colpite dalla tempesta Dennis, abbattutasi sul Regno come su altri Paesi europei nel weekend a pochi giorni di distanza da un'altra violenta perturbazione denominata Ciara (o Sabine).

La coda della bufera – segnata da venti meno forti di Ciara, ma da piogge torrenziali più intense – è seguita dal Met Office che mantiene in vigore una serie di allerta locali: con circa 300 allarmi legati a straripamenti di corsi d'acqua, inondazioni e frane.

I danni più gravi si registrano nel Galles del sud, l'unica area in cui ieri è stata decretata un'allerta di colore rosso, con minacce potenzialmente mortali, e dove in effetti si conta finora l'unica vittima diretta accertata del maltempo, stando ai dati ufficiali: un uomo travolto da un torrente in piena.

Una donna resta peraltro dispersa nella contea inglese del Worcestershire, pure gravemente colpita. Mentre si contano molti edifici danneggiati o evacuati, con evacuazioni tuttora in corso e l'ausilio di militari ai team di soccorso.

Rimangono intanto bloccate diverse linee ferroviarie e strade sulla dorsale ovest del Regno Unito. Mentre il traffico aereo appare in ripresa dopo i ritardi e gli annullamenti di ieri, su cui - nello scalo londinese di Heathrow - ha inciso anche un ennesimo temporaneo intoppo al sistema informatico.

Il nuovo ministro dell'Ambiente e dell'Agricoltura, George Eustice, visitando oggi zone danneggiate dello Yorkshire, ha da parte sua negato che il governo abbia sottovalutato gli effetti di Dennis, sottolineando i 2,5 miliardi di sterline stanziati dal 2015 per questo tipo di emergenze. Ma ha ammesso che non è possibile garantire la sicurezza di "tutte le case" di fronte a fenomeni meteorologici 'estremi' come questi.

Guarda tutte le 7 immagini
© Regiopress, All rights reserved