Real Madrid
1
Manchester City
0
2. tempo
(0-0)
Lyon
1
Juventus
0
2. tempo
(1-0)
La Chaux de Fonds
3
Ajoie
9
fine
(2-1 : 0-3 : 1-5)
Langenthal
4
Olten
1
fine
(2-1 : 1-0 : 1-0)
GCK Lions
1
Kloten
6
fine
(1-1 : 0-4 : 0-1)
Turgovia
1
Visp
4
fine
(1-2 : 0-1 : 0-1)
Real Madrid
CHAMPIONS UEFA
1 - 0
2. tempo
0-0
Manchester City
0-0
 
 
29'
MENDY BENJAMIN
VALVERDE FEDERICO
48'
 
 
MODRIC LUKA
54'
 
 
1-0 SUAREZ FRANCISCO
60'
 
 
MENDY BENJAMIN 29'
48' VALVERDE FEDERICO
54' MODRIC LUKA
60' 1-0 SUAREZ FRANCISCO
First leg.
Venue: Santiago Bernabeu.
Turf: Natural.
Capacity: 80,000.
Referee: Daniele Orsato (ITA).
Assistant referees: Lorenzo Manganelli (ITA), Alessandro Giallatini (ITA).
Fourth official: Daniele Doveri (ITA).
Video Assistant Referee: Massimiliano Irrati (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ciro Carbone (ITA).
Sidelined Players: REAL MADRID - Hazard, Asensio (Injured).
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
Lyon
CHAMPIONS UEFA
1 - 0
2. tempo
1-0
Juventus
1-0
MARCELO FILHO
28'
 
 
1-0 TOUSART LUCAS
31'
 
 
28' MARCELO FILHO
31' 1-0 TOUSART LUCAS
First leg.
Venue: Groupama Stadium.
Turf: Natural ( AirFibr hybrid grass).
Capacity: 57,261.
Referee: Jesus Gil Manzano (ESP).
Assistant referees: Diego Barbero (ESP), Angel Nevado (ESP).
Fourth official: Guillermo Cuadra Fernandez (ESP).
Video Assistant Referee: Juan Martinez Munuera (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Ricardo de Burgos (ESP).
Sidelined Players: LYON - Adelau00efde, Depay, Kone, Rafael (Injured).
JUVENTUS - Douglas Costa (Injured).
Second leg in Turin, Italy on 17 March 2020.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
La Chaux de Fonds
LNB
3 - 9
fine
2-1
0-3
1-5
Ajoie
2-1
0-3
1-5
 
 
2'
0-1 THIBAUDEAU
1-1 COFFMAN
9'
 
 
2-1 DUBOIS
17'
 
 
 
 
26'
2-2 DEVOS
 
 
29'
2-3 SCHMUTZ
 
 
37'
2-4 STAIGER
3-4 CARBIS
41'
 
 
 
 
42'
3-5 HAZEN
 
 
52'
3-6 HUBER
 
 
54'
3-7 HUBER
 
 
55'
3-8 HAZEN
 
 
60'
3-9 CASSERINI
THIBAUDEAU 0-1 2'
9' 1-1 COFFMAN
17' 2-1 DUBOIS
DEVOS 2-2 26'
SCHMUTZ 2-3 29'
STAIGER 2-4 37'
41' 3-4 CARBIS
HAZEN 3-5 42'
HUBER 3-6 52'
HUBER 3-7 54'
HAZEN 3-8 55'
CASSERINI 3-9 60'
HC AJOIE leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
Langenthal
LNB
4 - 1
fine
2-1
1-0
1-0
Olten
2-1
1-0
1-0
1-0 RUEGSEGGER
9'
 
 
2-0 RUEGSEGGER
16'
 
 
 
 
18'
2-1 RUDOLF
3-1 TSCHANNEN
38'
 
 
4-1 BENIK
60'
 
 
9' 1-0 RUEGSEGGER
16' 2-0 RUEGSEGGER
RUDOLF 2-1 18'
38' 3-1 TSCHANNEN
60' 4-1 BENIK
SC LANGENTHAL leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
GCK Lions
LNB
1 - 6
fine
1-1
0-4
0-1
Kloten
1-1
0-4
0-1
 
 
10'
0-1 KNELLWOLF
1-1 RIEDI
11'
 
 
 
 
25'
1-2 FIGREN
 
 
26'
1-3 FORGET
 
 
29'
1-4 OBRIST
 
 
30'
1-5 FORGET
 
 
58'
1-6 LEHMANN
KNELLWOLF 0-1 10'
11' 1-1 RIEDI
FIGREN 1-2 25'
FORGET 1-3 26'
OBRIST 1-4 29'
FORGET 1-5 30'
LEHMANN 1-6 58'
EHC KLOTEN leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
Turgovia
LNB
1 - 4
fine
1-2
0-1
0-1
Visp
1-2
0-1
0-1
 
 
15'
0-1 HAUETER
1-1 MEROLA
18'
 
 
 
 
19'
1-2 HOFSTETTER
 
 
30'
1-3 WIEDMER
 
 
60'
1-4 BURGENER
HAUETER 0-1 15'
18' 1-1 MEROLA
HOFSTETTER 1-2 19'
WIEDMER 1-3 30'
BURGENER 1-4 60'
EHC VISP leads series 3-1.
Ultimo aggiornamento: 26.02.2020 22:19
Buttigieg la sorpresa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 min
La svolta, Oms: 'Più contagi all'estero che in Cina'
Estero
10 ore
Coronavirus, in Germania 2 nuovi casi, asilo in quarantena
Estero
13 ore
È morto il padre dell'iconica mappa della metro di New York
Germania
22 ore
Coronavirus, 18 i casi conclamati in Germania
Italia
23 ore
Coronavirus, l'identikit delle vittime italiane
Estero
1 gior
Coronavirus in Italia: i morti sono 11 e i contagi arrivano a Sud
Germania
1 gior
Attacco al carnevale di Volkmarsen: è carcere preventivo
Estero
1 gior
Il coronavirus è stato contratto da 80mila persone nel mondo
Estero
1 gior
Coronavirus, dagli Usa lotto di vaccino per la fase sperimentale
Estero
1 gior
Netanyahu annuncia altre 3'500 nuove case in Cisgiordania
Estero
1 gior
È morto in Egitto l'ex presidente Mubarak
Estero
1 gior
Coronavirus, 11 i morti e 283 i contagiati in Italia
Estero
1 gior
Il coronavirus ferma le riprese di 'Mission: Impossible'
Estero
1 gior
Diamond Princess, quarto decesso per coronavirus
Italia
1 gior
Coronavirus, anziani o con patologie le sette vittime
Estero
1 gior
Shoah, dalle ferrovie olandesi 32 milioni ai deportati
Germania
2 gior
Assalto al corteo del Carnevale di Volkmarsen
Estero
2 gior
Liguria, i vescovi vietano i matrimoni per il virus
Italia
2 gior
Coronavirus, settima vittima a Como
Estero
2 gior
Atti sessuali e stupro, Weinstein dichiarato colpevole
Estero
2 gior
Coronavirus, Oms: 'In Cina diffusione in calo'
Estero
2 gior
Auto contro corteo del Carnevale: decine di feriti
Estero
2 gior
Cile, proteste violente a Vina del Mar
Confine
2 gior
Como, sequestrati 650 vestiti e accessori falsi
Estero
2 gior
Coronavirus, salgono a sei i morti in Italia
l'approfondimento
15.02.2020 - 10:000

La missione dem: sfrattare Donald Trump dalla Casa Bianca

Due visioni opposte dell’America si misureranno nei prossimi mesi. A colloquio con Gianluca Pastori, professore dell'Università Cattolica di Milano

Siamo solo alle prime battute delle primarie democratiche per la scelta del candidato presidenziale, e le previsioni hanno una natura profetica più che profondità analitica, ma certamente i movimenti in corso nel partito e nell’elettorato democratico si stanno profilando in maniera abbastanza riconoscibile. L’irruzione di Pete Buttigieg sul proscenio sembra avere aggiunto un elemento nuovo al confronto, come viene definito sommariamente, tra destra e sinistra del partito: Joe Biden per la prima, e Bernie Sanders e Elizabeth Warren per l’altra. Il giovane sindaco di South Bend, Indiana, pare a molti un Biden con l’energia della giovinezza e il vantaggio dell’estraneità ai palazzi del potere di Washington, ammesso che vero vantaggio sia. E di qui a poco, farà irruzione sulla scena quel Michael Bloomberg, riccone ex sindaco di New York, una sorta di Trump democratico, secondo gli osservatori meno benevoli, con solo una maggiore maestria nel tenere a bada l’ego.

Mancano cinque mesi al termine delle primarie e poco meno di nove al giorno delle elezioni: i numeri non mancheranno.

Professor Pastori, la campagna è nata con gli effetti speciali: l’assoluzione di Donald Trump e il fiasco nei caucus democratici nell’Iowa. Benché scontata, la prima è comprensibilmente divenuta l’argomento principe della propaganda del presidente. Considerata però la frenesia della comunicazione politica, si può pensare che il suo effetto possa durare sino a novembre?

Non credo che l’effetto durerà tanto a lungo, anche se Trump farà il possibile per amplificarne la durata. Ogni volta che vedremo la campagna languire da parte repubblicana, o se da parte democratica verrà lanciato qualche attacco particolarmente duro, l’argomento dell’impeachment e dell’assoluzione tornerà a galla. D’altro canto, già in Congresso vi sono state voci favorevoli non tanto a ignorare il voto di assoluzione (perché non sarebbe possibile), ma a mantenere la pressione sul presidente. Dunque sì, ne sentiremo parlare ancora.

Tanto più, immagino, quando il confronto diverrà diretto, tra Trump e il candidato ufficiale del partito democratico…

Sì, e molto dipenderà da quale sarà il candidato espresso dalle primarie. Ma, chiunque sia, abbandonare il tema dell’impeachment a favore di argomenti più positivi potrebbe forse rivelarsi più efficace per la sua campagna.

I democratici, appunto. L’Iowa non ha soltanto prodotto il pasticcio che conosciamo, ma ha pure dato una indicazione chiara dell’orientamento dell’elettorato democratico, relegando Joe Biden ben dietro i due candidati di sinistra e persino dietro una new entry quale Peter Buttigieg. Si tratta soltanto di una partenza falsa per l’ex vicepresidente, o bisogna attendersi che venga scaricato dall’establishment del partito?

A mio modo di vedere, sono vere entrambe le cose. Biden è un candidato vecchio, e su questo punto si è insistito molto nei mesi scorsi, Anche nei dibattiti dell’estate e dell’autunno 2019, questo argomento è tornato con insistenza. D’altro canto, proprio questo suo essere ‘vecchio’ è visto come un elemento rassicurante in molte frange dell’elettorato democratico. Se mi si passa l’espressione, Biden è l’«usato sicuro», e questo non è trascurabile. 

D’altra parte, se si osservano i suoi indici di gradimento negli ultimi mesi, si vedrà un andamento decisamente altalenante: Biden è partito bene, è sceso, è tornato a crescere, è calato di nuovo all’epoca dell’Ukrainegate, e oggi è in evidente difficoltà. Certo, la dimensione dello scacco subito in Iowa non se l’aspettava nessuno. Difficoltà erano previste, ma non di questa misura. E i risultati delle primarie del New Hampshire non sono migliori. Qui, Biden (ma anche Elizabeth Warren) non sono riusciti a ottenere nemmeno un delegato. A questo punto, due partenze false rischiano di essere troppe anche per un veterano come Biden. Tanto più che il «Super Tuesday» è tra quindici giorni; e se anche in quell’occasione Biden dovesse andar male, la sua candidatura diverrebbe davvero problematica.

La novità Buttigieg ha ciò che occorre per non risolversi in un fuoco di paglia?

Buttigieg ha sicuramente il physique du rôle, per il resto ha due debolezze. In primo luogo è giovane. Esserlo è un atout in questo momento, ma lo sarebbe davvero se in gioco ci fosse, per esempio, un seggio al Congresso. Per la presidenza, essere ‘troppo giovane’ rimane un handicap.

In secondo luogo è il candidato con la minore esperienza politica. È stato sindaco, ma di una città tutto sommato «minore» come South Bend, Indiana. La sua esperienza è limitata e questo lo espone ad attacchi su temi come, per esempio, la politica estera. D’accordo che non è la politica estera l’argomento centrale di una campagna elettorale, tuttavia la poco esperienza è un elemento che, insieme con altri, concorre a intaccare la sua figura.

In ogni caso, Buttigieg gode di un sostegno in decisa crescita. Sorprendendo molti, è riuscito a mobilitare una grossa quantità di finanziamenti, e si sa quanto questi siano importanti nella corsa alla presidenza.

Direi, quindi, che Buttigieg è una sorta di misto di forza e di debolezza. E anche se non dovesse ottenere la nomination, il pacchetto di voti che potrà portare renderà il suo endorsement sicuramente importante.

Sembra che uno degli elementi a suo favore è proprio la provenienza midwest, lontana dalle coste rappresentate come vivaio di élite ricche e disinteressate al “popolo”…

Può essere, ma a questo proposito, vorrei aggiungere che stiamo facendo forse i conti senza un oste, e un oste di un certo rilievo come Michael Bloomberg. Bloomberg ha deciso di investire tutto nel Super Tuesday, senza sprecare energie e concentrando le risorse in una sola grande scommessa. Lui, con Biden e Buttigieg, è considerato uno dei potenziali candidati moderati. Si tratta di capire se Bloomberg, anziano quindi rassicurante, ricco, con esperienza politica ma non associato ai centri del potere di Washington, riuscirà davvero a erodere consenso sia dal lato di Biden (presentandosi come meno compromesso e meno ‘politicante’), sia da quello di Buttigieg, accreditandosi come persona ‘nuova’ ma non ‘troppo giovane’ e – soprattutto – abbastanza tranquillamente per gli elettori più conservatori.

Al contrario dell’immagine monolitica del partito repubblicano (raccolto per interesse attorno a Trump), la pluralità delle componenti del partito democratico è segno di una dialettica politica di per sé positiva. Ma non può risultare un handicap, finendo per disperdere i voti, o il restringersi del lotto dei candidati nel corso di svolgimento delle primarie provvederà a rinserrare le fila del partito?

La pluralità delle posizioni è sempre positiva: è segno di vitalità. In questo momento è però anche fattore di debolezza, perché i democratici hanno dinanzi un partito che – per ragioni di opportunismo, sicuro – sta solidamente insieme.

Il giudizio finale dipenderà molto da come questo pluralismo si saprà organizzare. Sinora la proposta espressa dai diversi candidati, si è strutturata in termini essenzialmente «negativi»: liberiamoci di Trump e della sua idea dell’America. Quella che sembra invece essere mancata è stata la capacità di trasformare questo rifiuto in un progetto condiviso. Ogni candidato ha una sua visione, accomunata a quella degli avversari dalla sola opposizione al presidente. In altre parole, quello che è mancato sinora è stato un confronto serio sugli aspetti propositivi di questa opposizione.

Gli Stati Uniti di Trump, quantomeno a livello della loro rappresentazione, sono un Paese profondamente, radicalmente diviso. Le rotture prodotte dal presidente a livello istituzionale e comunicativo sono reputate tali da costituire un rischio per la democrazia statunitense. Una situazione che porterà a una più massiccia (e consapevole?) partecipazione al voto, o che, al contrario, allontanerà ancora di più i cittadini dalle urne?

Molto probabilmente, sul fronte democratico assisteremo a un turn out molto forte, la partecipazione aumenterà, proprio in virtù del messaggio ‘mandiamo Trump a casa’. Ma questo potrebbe generare una partecipazione altrettanto forte – direi uguale e contraria – da parte repubblicana.

Ciò su cui concentrerei l’attenzione è, tuttavia, la presumibile polarizzazione delle posizioni: il vedere prevalere le ali dei rispettivi schieramenti: chi, da una parte vota «contro Trump» più che a favore di una certa proposta politica; e chi vota a favore di Trump per ostilità verso il candidato democratico «per la sua bandiera» più che per vera adesione alla proposta politica repubblicana.

© Regiopress, All rights reserved