pechino-stato-di-polizia-e-lavaggio-del-cervello-uiguro
ULTIME NOTIZIE Estero
Gallery
Australia
10 min

A Sydney straripa la diga di Warragamba: residenti sfollati

Non si placano le piogge torrenziali che flagellano l’Australia: la tracimazione del bacino, già prevista, è avvenuta in anticipo
Italia
11 min

Semina il panico con un coltello sul bus a Roma

Momenti di terrore a Trastevere: minaccia sventata dalla reazione dell’autista, che richiama l’attenzione della polizia
Italia
2 ore

Spiagge italiane prese d’assalto in giugno

Forte impennata un po’ in tutte le regioni della Penisola. Ma il ‘sold-out’ lo si registra solo nel weekend
Estero
2 ore

Aumento senza precedenti del rischio di incendi in tutta Europa

Conseguenza diretta del cambiamento climatico. In particolare, a essere interessata dal fenomeno è l’area del Mediterraneo
Italia
14 ore

Troppi pochi vigili: stop ai cortei funebri

Solo due agenti in sevizio a Castelverde, e la sindaca corre ai ripari. Multe per chi trasgredisce la norma
Confine
16 ore

Caterina Sofia e il... battesimo sul traghetto

Fiocco rosa sul battello in servizio tra Intra e Laveno, sul Lago Maggiore. Una bimba nasce a pochi chilometri dall’attracco
Italia
16 ore

Saldi all’insegna dell’incertezza in Italia

Via ufficaile nella Penisola alla stagione dei grandi sconti. Sui quali pesa però il caro-bollette
Italia
17 ore

Scarseggia l’acqua, e Verona limita l’uso di quella potabile

Il sindaco firma l’ordinanza: solo uso domestico, niente irrigazione di orti, giardini, campi sportivi o lavaggio di auto
Estero
19 ore

‘Strappo’ in centro a Milano: rubato orologio da 700 mila euro

Vittima del furto un 58enne, che si è visto sfilare dal polso un Richard Mille. Scippato pure un 62enne, ma il suo valeva ‘solo’ 40mila euro
Italia
19 ore

Ubriaco, stacca con un morso parte dell’orecchio a un 19enne

L’insolita aggressione, di cui si è reso protagonista un ventenne messicano, è avvenuta nella notte a Roma
Italia
20 ore

È la cocaina la piaga d’Italia: 12 dosi ogni mille abitanti

Nel 2021 sequestrate (con poco meno di ottomila operazioni di polizia) oltre 20 tonnellate, dato più alto da sempre
Italia
20 ore

Vanno all’appuntamento osé. Ma si fanno picchiare e derubare

Brutta avventura per due minorenni in provincia di Ferrara, adescati su una chat di incontri per adulti
Italia
22 ore

Caro-vacanze: i prezzi dei biglietti aerei... spiccano il volo

Rispetto a maggio sono cresciuti quasi del doppio, e addirittura del 90,4% se paragonati al 2021. Più care anche le strutture ricettive
Italia
23 ore

Escursionista muore sul Gran San Bernardo

Ad allertare i soccorsi era stata lei stessa, dopo essersi infortunata, ma le ricerche sono state vane. Dovrebbe trattarsi di una donna svizzera
Camerun
1 gior

Temporaneamente chiuso l’Hôpital Helvetique di Mada

La struttura, voluta dal dottor Maggi, nella notte è stata presa di mira dai terroristi islamici di Boko Haran. Una persona ha person la vita
Iran
1 gior

Un forte terremoto scuote l’Iran: almeno cinque morti

La scossa, di magnitudo 6.1, è stata localizzata a 100 km dalla città portuale di Bandar Abbas
Estero
1 gior

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
09.02.2020 - 18:23

Pechino, stato di polizia e lavaggio del cervello uiguro

La minoranza musulmana è perseguitata, nei campi di rieducazione fino a un milione e mezzo di persone. Se ne parlerà martedì con Amnesty

“Non si può costruire senza prima distruggere”, disse una volta Mao Zedong. I suoi emuli – primo fra tutti l’accentratore Xi Jinping – paiono seguirlo alla lettera quando si tratta di confrontarsi con le minoranze linguistiche e religiose. Come quella degli Uiguri nello Xinjiang, a nordovest del Paese: 11 milioni di persone sottoposte a un ampio programma di sorveglianza e rieducazione culturale, con tanto di campi di concentramento per riportare sulla ‘retta via’ i presunti soggetti radicalizzati: un milione, un milione e mezzo di persone vi sarebbe recluso. Il governo cinese dice che sono integralisti islamici, gli osservatori occidentali denunciano il tentativo di sradicare un’etnia e la sua cultura attraverso l’assimilazione forzata.
Ne parliamo con Gabriele Battaglia, collaboratore di Rsi, Radio Popolare e Internazionale, che da nove anni vive e lavora in Cina. Di questo tema tratterà anche martedì al primo Amnesty Apéro della stagione, la quinta degli incontri organizzati dall’Ong internazionale a Lugano. L’appuntamento è come di consueto allo Spazio 1929, in via Ciseri 3. Si comincia alle 19, modererà l’incontro il giornalista Rsi Nicola Lüönd.

Battaglia, quello che il governo cinese sta facendo agli Uiguri si può definire pulizia etnica? Genocidio?

Intanto va precisata una cosa: qui si parla di genocidio culturale, non fisico. Non si sta facendo quello che fu fatto agli ebrei o agli armeni. Ciò non toglie che nei campi di ‘rieducazione’ agli Uiguri venga fatto il lavaggio del cervello, per cancellare i segni della loro appartenenza religiosa e culturale.

Cosa gli capita?

Stando alla versione ufficiale, si tratta di centri nei quali gli Uiguri possono imparare un mestiere e seguire corsi di lingua e cultura ‘ufficiale’, allontanandosi così dalla radicalizzazione islamica. Le molte testimonianze parlano invece di una reclusione della durata di almeno sei mesi, durante la quale si possono subire arbitri e violenze, anche sessuali, e nella quale ci si ritrova anche solo perché si prega cinque volte al giorno e fuori dalle moschee ufficialmente riconosciute. Può bastare la soffiata d’un vicino, e ho conosciuto personalmente familiari di reclusi scomparsi nel nulla per mesi, dato che peraltro è anche difficile conoscere numero e collocazione dei campi.

Un mestiere, però, lo imparano.

Sì, vengono addestrati ai lavori più umili. Così potranno poi confluire nella grande massa di operai a basso costo che può essere sfruttata per continuare a far crescere l’economia. In questo modo, si perpetua anche la grande divisione sociale che vede gli Han in posizione di classe dirigente e mercantile dello Xinjiang, mentre gli Uiguri restano subordinati.
Ma la radicalizzazione islamica degli 

Uiguri c’è stata davvero?

In parte, è innegabile che la società uigura sia diventata sensibilmente più religiosa: ho conoscenti uiguri che abitano in Europa e mi raccontano di come anche le loro famiglie stiano diventando sempre più conservatrici. In questo contesto ci sono anche casi di infiltrazione islamica. E siccome nell’ottica di Pechino la radicalizzazione è figlia dell’ignoranza, la soluzione è nella rieducazione.

L’islamizzazione è causa o conseguenza della repressione?

È il dilemma dell’uovo e della gallina. Direi che una situazione di grande difficoltà sociale ed economica potrebbe anzitutto avere creato la necessità di trovare rifugio, consolazione nella dimensione religiosa. In seguito, la repressione e la realizzazione di uno stato di polizia – check point con vere e proprie caserme mobili, riconoscimento facciale, sistemi di sorveglianza basati sull’intelligenza artificiale, una polizia sempre presente – può avere spinto a riaffermare ulteriormente la propria identità, per una forma di ulteriore autodifesa.

Quando è iniziata la repressione?

La fase più dura è cominciata con gli attentati dei primi anni Dieci, a bassa intensità rispetto a quelli vissuti in Europa e America, ma che hanno comunque colpito l’opinione pubblica; nel 2013 una famiglia uigura si è lanciata con l’auto sui pedoni in piazza Tienanmen, poi si sono susseguiti attacchi esplosivi e all’arma bianca in Yunnan e nella capitale dello Xinjiang Urumqi. Dopo decine di morti, il governo ha iniziato la lotta contro i ‘tre mali’: terrorismo, separatismo ed estremismo religioso. E si è affidato a Chen Quanguo, divenuto segretario locale del Partito comunista dopo avere messo il bavaglio alle proteste in Tibet.

La storia, però, va avanti da un pezzo.

È dal dopoguerra che Pechino persegue una politica al contempo di sviluppo e assimilazione. Anche la lingua uigura (di ceppo turco, ndr) è sempre più marginalizzata. Negli ultimi decenni è aumentata l’immigrazione di cinesi Han, che hanno occupato posizioni più ‘alte’ rispetto agli Uiguri, rimasti umili contadini. I contrasti quindi sono andati crescendo, anzitutto proprio per questo divario sociale. È da lì che vengono anche gli atti terroristici e la radicalizzazione. Paradossalmente, ora è l’apparato di polizia e controllo che viene usato come leva sociale: la prima linea poliziesca è costituita proprio da uiguri, che in cambio della promozione sociale e della sicurezza si comportano in maniera durissima.

Questa si direbbe un’ironia della storia: dopo tutto era Mao a dire che il popolo è l’acqua e l’esercito il pesce che vi nuota. Si può sperare in un miglioramento?

Storicamente, con le minoranze la Cina ha sempre seguito fasi alterne: ‘bastoni’ e ‘carote’. È possibile che dopo la repressione arrivino investimenti e un tentativo di coinvolgere anche gli Uiguri nello sviluppo economico del paese. Alcuni colleghi mi hanno detto che ultimamente la situazione si starebbe relativamente rilassando, può darsi che il governo cinese

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved