laRegione
Nuovo abbonamento
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore
Belgrado, ancora scontri fra polizia e antigovernativi
Non si placano le manifestazioni in Serbia contro le restrizioni imposte nell'ambito dell'emergenza sanitaria
Estero
4 ore
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
5 ore
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
9 ore
Amazzonia, deforestazione aumentata 25% nel primo semestre
L'Amazzonia brasiliana ha registrato 1.034,4 km quadrati di superficie in allerta di deforestazione a giugno, un record dal 2015
Estero
10 ore
Turchia, Santa Sofia potrà tornare moschea
La storica decisione apre ora la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di Istanbul
Italia
12 ore
Italia, il Mose di Venezia si è chiuso
Esito positivo per il primo test delle paratoie che dovrebbero difendere la laguna dall'acqua alta: tutte 78 si sono alzate
Estero
18 ore
Muore a 11 anni di Covid-19 negli Usa dei tristi record
La ragazzina è la quarta minorenne vittima di coronavirus in Florida. Negli Stati Uniti oltre 65mila casi in 24 ore.
Estero
1 gior
Dai giudici un altro schiaffo (che non fa male) a Trump
La Corte suprema: i procuratori di New York (ma non il Congresso) potranno esaminare la sua dichiarazione dei redditi. Conseguenze politiche improbabili.
Italia
24.01.2020 - 20:530
Aggiornamento : 22:04

Emilia-Romagna e Calabria al voto, la Lega ci spera

Si conclude una campagna elettorale che Salvini ha cercato di 'nazionalizzare'. Fra Bibbiano e la Jole

L’Emilia-Romagna e la Calabria. Una regione (se non LA) delle meglio e una delle peggio amministrate d’Italia. Come si fa a sostenere che quelle di domani saranno “soltanto” elezioni regionali?A dire la verità, ad affermarlo sono soltanto il Partito democratico e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, un po’ perché c’è del vero (come ha osservato Piero Ignazi non è che Angela Merkel fu chiamata a dimettersi ad ogni sconfitta del suo partito in questo o quel Land) e un po’ per scaramanzia.
È stato piuttosto Matteo Salvini a giocare la carta della nazionalizzazione del voto per farne un plebiscito su di sé e sull’estrema destra alla cui testa si è messo saldamente. Mentre poco da dire è rimasto ai Cinque Stelle, ostinati nel rivendicare una “terzietà” che maschera a malapena il deficit politico e culturale che fa loro da bussola.

'E la sventurata sorrise'

Certo, il quadro delle due regioni in cui si voterà non potrebbe essere più diverso. In Calabria, dove Salvini è peraltro stato eletto, e dove non si conoscono mobilitazioni popolari dopo l’invito del procuratore Nicola Gratteri a “liberarsi della ’ndrangheta”, il Pd ha candidato Pippo Callipo, imprenditore del tonno con precedenti simpatie (e qualcosa in più) con la destra, e naturalmente padrone di una squadra, ma lui di pallavolo. Si vede che in mancanza d’altro... Mentre la destra ha il volto di Jole Santelli, ex vicesindaco di Cosenza, che in un comizio finale Berlusconi ha gratificato con una citazione da Petrarca: “Conosco Jole da 26 anni e non me l’ha mai data”. E la sventurata sorrise.

'Parliamo di Bibbiano'

È tuttavia l’Emilia-Romagna il boccone cui più ambisce Salvini. In un tour de force senza soste e senza vergogna, si è fatto fotografare in atteggiamenti intimi con mortadelle, forme di formaggio, tardone lascive, e infine ha tentato la carta dell’ostensione degli innocenti. A Bibbiano, salutato da cartelli con su scritto ‘Comunisti ladri di bambini’ ha proclamato di essere pronto a dare la vita per loro.
Tanto che gli ignari si sono chiesti se è mica lui il candidato presidente della regione rossa per eccellenza (e merito). No, è Lucia Borgonzoni, conosciuta più che altro per la sua maglietta fina esibita in Parlamento con su ‘Parliamo Di Bibbiano’. P e D maiuscole non casuali. Il tutto per detronizzare Stefano Bonaccini, ultimo (in ordine di tempo) di una lunga lista di presidenti “rossi”, più o meno, di una regione che venivano da Stoccolma a visitare per vedere come si fa.
Ecco, a metà strada tra le due Reggio, Beppe Conte insiste a dire che sono “soltanto” elezioni regionali. Quando lo disse, dallo stesso ufficio, Massimo D’Alema, passarono pochi giorni e si dimise.

© Regiopress, All rights reserved