laRegione
Nuovo abbonamento
il-nuovo-piano-di-boris-johnson-per-la-brexit-doppio-confine
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Trump lascia la conferenza stampa in tutta fretta

Voci non confermate parlano di uno scontro a fuoco all'esterno della Casa Bianca. Il presidente avvisato da un suo assistente
Estero
3 ore

Fulmine sui binari: dodici feriti a Lourdes

La scarica ha provocato la brusca frenata della funicolare. Una coppia di passeggeri ospedalizzata in gravi condizioni
Estero
5 ore

Chicago a porte chiuse di notte

Accessi limitati alla città dopo le violenze e i saccheggi nel quartiere dello shopping
Estero
6 ore

Pechino mette a tacere la stampa di Hong Kong

Arrestato Jimmy Lai, magnate del maggior gruppo editoriale dell'ex colonia e oppositore della politica cinese
Bielorussia
6 ore

Minsk si ribella a Lukashenko

Le opposizioni non riconoscono la vittoria del presidente al potere dalll'84. Notte di scontri
Libano
7 ore

Le dimissioni di Diab non fermano la protesta

L'esecutivo travolto dopo il disastro del 4 agosto
Confine
8 ore

Esplosione della villetta, accusa nei confronti dei genitori

Ad Andrate perse la vita un 21enne che teneva in casa sostanze esplosive artigianali. Per la procura lariana i genitori sapevano
Estero
9 ore

L'Australia caccia i cybercriminali in mezzo mondo

Funzionari della polizia federale saranno inviati in Africa, Europa e Stati Uniti
Estero
10 ore

A Berlino si torna a scuola senza distanze ma con la mascherina

I bambini hanno l'obbligo di portare la mascherina protettiva fuori dalle aule. Le classi tornano al completo e per tutta la giornata scolastica
Estero
18 ore

In Libia record di contagi in un giorno: 309 nuovi casi

Il totale sale a 5'541, e il Governo dispone il lockdown totale per il weekend e quello parziale da oggi. Negli Usa altri 47mila casi
Estero
1 gior

Nuovi scontri a Beirut, in arrivo aiuti per 250 milioni di euro

La tensione resta alta dopo la grande manifestazione di protesta di ieri. Alla videoconferenza voluta da Macron piovono le promesse di donazione.
Gran Bretagna
02.10.2019 - 21:580
Aggiornamento : 22:25

Il nuovo piano di Boris Johnson per la Brexit: doppio confine

Nell'ultima proposta alla Commissione europea si propone di lasciare l'Irlanda del nord in una 'zona regolamentata' comune all'Ue, ma è complicato

Vuole spedire Jeremy Corbyn nello spazio. Dice che se Westminster fosse un reality show nella giungla, ci si potrebbe divertire a vedere lo speaker John Bercow mangiare un testicolo di canguro. Tutto il resto, nelle parole del premier britannico Boris Johnson, è perfino più incomprensibile.

A partire dall’ennesima ‘svolta’ nella Brexit sbandierata ieri, con la proposta di un improbabile ‘doppio confine’ irlandese. E davvero, più ancora delle battutacce durante la convention Tory a Manchester, a lasciare sconcertati molti osservatori è la lettera inviata da Johnson alla Commissione europea. Vi si propone un aggiramento del backstop, la famosa clausola – non sbadigliate – secondo la quale l’Irlanda del Nord dovrebbe rimanere nel mercato unico Ue qualora non si firmi un trattato di libero scambio entro due anni dalla Brexit. Ora: se il backstop era stato bocciato dal Parlamento perché minerebbe l’unità territoriale britannica – questa la tesi di una maggioranza parlamentare fomentata dal Partito unionista nordirlandese –, ora BoJo pare concedere ancora di più: la creazione (e un probabile mantenimento fino al 2025) di una “zona regolamentata” che comprenda tutta l’Irlanda e riguardi ogni tipo di merce.

In questa zona ci si muoverebbe ancora come se Belfast restasse in effetti nel mercato unico. Al termine del periodo di transizione, con la firma dell’auspicato trattato di libero scambio ‘alla canadese’, l’Irlanda del Nord tornerebbe invece pienamente entro l’area britannica, con tutti i controlli doganali – seppure decentralizzati e digitalizzati – che l’Ue non vuole.

L’escamotage servirebbe anche a non indebolire gli accordi del Venerdì Santo che hanno posto fine ai violenti conflitti fra Cattolici e Protestanti in Irlanda del nord, e presuppongono almeno implicitamente l’esclusione di un confine ‘duro’. Al termine del periodo di transizione, con la firma dell’auspicato trattato di libero scambio ‘alla canadese’, l’Irlanda del Nord tornerebbe comunque pienamente entro l’area britannica.

La nuova proposta avrebbe anche l’appoggio dei capricciosi protestanti nordirlandesi, cruciale per assicurarsi la maggioranza parlamentare: a convincerli la possibilità per l’Ulster di votare sulle nuove regole a cadenza quadriennale. Il problema è che né i Labour, né tantomeno il governo di Dublino vogliono saperne: la ministra irlandese degli Affari europei Helen McEntee ha definito l’offerta “inaccettabile”, l’opposizione di Fianna Fail l’ha liquidata come “impraticabile e illegale”. Più attendista il “Dear Jean-Claude” (Juncker) destinatario della letterina di Downing Street, che ha parlato di “progressi”, seppur “problematici”.

Quale che sia la posizione della Commissione europea – il momento decisivo per capirci qualcosa sarà il Consiglio europeo del 17 ottobre –, per ora il problema rimane anzitutto interno alle dinamiche politiche londinesi. Johnson insiste per un’uscita rapida, vuole sospendere il Parlamento a partire da martedì nonostante il veto della Corte Suprema,e e ribadisce che non si sente vincolato dalla recente legge che gli impedirebbe di uscire senz’accordo alla scadenza del 31 ottobre (e che lui definisce “legge della resa”, sostenendo che indebolirebbe la credibilità della sua posizione nei negoziati con l’Ue). Corbyn intanto fa muro e cerca di farlo cadere insieme alla fronda interna ai Tory, come aveva fatto con Theresa May.

Un anno fa, alla stessa convention Tory, la ex premier si era presentata mimando il balletto di ‘Dancing Queen’ degli Abba (e molti pensarono “ce la siamo giocata”). Quest’anno BoJo ha evitato i balletti ridicoli, in favore di canguri e testicoli. Ma c’è sempre meno da ridere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved